Raikkonen striglia l'Alfa Romeo: "Dobbiamo svegliarci!"

Anche a Silverstone il finlandese non è riuscito ad andare a punti e dopo la gara ha strigliato il team affinché si possa trovare qualcosa per consentire alla vettura di fare un piccolo salto di qualità.

Raikkonen striglia l'Alfa Romeo: "Dobbiamo svegliarci!"

Per Kimi Raikkonen e l’Alfa Romeo il GP di Silverstone è stato avaro di soddisfazioni. Il finlandese ha chiuso la sessione di qualifiche del venerdì con il diciassettesimo tempo, venendo così eliminato direttamente in Q1, ed al sabato in occasione della Sprint Qualifying, è riuscito a risalire sino a guadagnare il diritto di scattare domenica dalla tredicesima casella.

In gara, però, Kimi non è riuscito a proseguire in questa rimonta e si è visto costretto a chiudere in una anonima quindicesima piazza fuori dalla zona punti.

Il campione del mondo 2007 ha sino ad ora raccolta un solo punto in campionato, così come il suo compagno di team Antonio Giovinazzi. Un risultato che ha lasciato l’amaro in bocca specie considerando quanto di buono l’Alfa Romeo aveva fatto vedere nei test in Bahrain.

Il team di Hinwill ha interrotto lo sviluppo della monoposto 2021 già da alcune settimane, ma nonostante ciò Raikkonen ha chiesto alla squadra di darsi una svegliata.

Kimi è stato in grado di lottare in gara ad armi pari con la Red Bull di Sergio Perez scattato dal fondo della griglia, ma non è poi riuscito ad entrare in top 10.

“E’ impossibile lottare contro di loro. Possiamo provare a duellare con le altre vetture, ma dobbiamo svegliarci e provare a fare qualcosa”.

“Sapevamo che Silverstone non sarebbe stata una gara semplice per noi. Dopo la partenza le cose si sono messe bene, ma man mano che la corsa è proseguita ho iniziato a controllare sempre di più gli specchietti retrovisori”.

“Abbiamo provato a lottare, ma non è stato sufficiente. Forse arriveranno piste più favorevoli, ma chi può dirlo?”.

Kimi è stato anche protagonista di un contatto con Perez ed ha raccontato l’episodio dal suo punto di vista: “Nel corso della gara sono stato in lotta con lui. Ovviamente aveva una vettura molto più veloce, ma sono riuscito a tenerlo alle mie spalle per un bel po' di tempo”.

“Abbiamo percorso affiancati alcune curve, ma forse lui non mi ha visto e io mi sono girato. Questo è tutto. Ad ogni modo è stato bello lottare per i punti. Finire undicesimo o dodicesimo non ci avrebbe aiutato”.

Chi ha ammesso le sofferenze dell’Alfa Romeo in gara è stato l’ingegnere di pista Xevi Pujolar. Lo spagnolo ha affermato che alle vetture manchi il passo che consenta di poter mirare ai punti con regolarità.

“Sapevamo che la lotta per i punti sarebbe stata ravvicinata, e se qualcosa fosse successo nelle posizioni di vertice avremmo avuto la nostra possibilità. Purtroppo l’abbiamo mancata”.

“Abbiamo adottato una strategia aggressiva con Kimi, facendolo entrare ai box molto presto, ma ci manca ancora un po' di passo per poter andare a punti”.

condivisioni
commenti
Montoya: "Lewis prenderà dei rischi per vincere il titolo"

Articolo precedente

Montoya: "Lewis prenderà dei rischi per vincere il titolo"

Prossimo Articolo

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è partito male in SQ

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è partito male in SQ
Carica commenti
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021