Raikkonen striglia l'Alfa Romeo: "Dobbiamo svegliarci!"

Anche a Silverstone il finlandese non è riuscito ad andare a punti e dopo la gara ha strigliato il team affinché si possa trovare qualcosa per consentire alla vettura di fare un piccolo salto di qualità.

Raikkonen striglia l'Alfa Romeo: "Dobbiamo svegliarci!"

Per Kimi Raikkonen e l’Alfa Romeo il GP di Silverstone è stato avaro di soddisfazioni. Il finlandese ha chiuso la sessione di qualifiche del venerdì con il diciassettesimo tempo, venendo così eliminato direttamente in Q1, ed al sabato in occasione della Sprint Qualifying, è riuscito a risalire sino a guadagnare il diritto di scattare domenica dalla tredicesima casella.

In gara, però, Kimi non è riuscito a proseguire in questa rimonta e si è visto costretto a chiudere in una anonima quindicesima piazza fuori dalla zona punti.

Il campione del mondo 2007 ha sino ad ora raccolta un solo punto in campionato, così come il suo compagno di team Antonio Giovinazzi. Un risultato che ha lasciato l’amaro in bocca specie considerando quanto di buono l’Alfa Romeo aveva fatto vedere nei test in Bahrain.

Il team di Hinwill ha interrotto lo sviluppo della monoposto 2021 già da alcune settimane, ma nonostante ciò Raikkonen ha chiesto alla squadra di darsi una svegliata.

Kimi è stato in grado di lottare in gara ad armi pari con la Red Bull di Sergio Perez scattato dal fondo della griglia, ma non è poi riuscito ad entrare in top 10.

“E’ impossibile lottare contro di loro. Possiamo provare a duellare con le altre vetture, ma dobbiamo svegliarci e provare a fare qualcosa”.

“Sapevamo che Silverstone non sarebbe stata una gara semplice per noi. Dopo la partenza le cose si sono messe bene, ma man mano che la corsa è proseguita ho iniziato a controllare sempre di più gli specchietti retrovisori”.

“Abbiamo provato a lottare, ma non è stato sufficiente. Forse arriveranno piste più favorevoli, ma chi può dirlo?”.

Kimi è stato anche protagonista di un contatto con Perez ed ha raccontato l’episodio dal suo punto di vista: “Nel corso della gara sono stato in lotta con lui. Ovviamente aveva una vettura molto più veloce, ma sono riuscito a tenerlo alle mie spalle per un bel po' di tempo”.

“Abbiamo percorso affiancati alcune curve, ma forse lui non mi ha visto e io mi sono girato. Questo è tutto. Ad ogni modo è stato bello lottare per i punti. Finire undicesimo o dodicesimo non ci avrebbe aiutato”.

Chi ha ammesso le sofferenze dell’Alfa Romeo in gara è stato l’ingegnere di pista Xevi Pujolar. Lo spagnolo ha affermato che alle vetture manchi il passo che consenta di poter mirare ai punti con regolarità.

“Sapevamo che la lotta per i punti sarebbe stata ravvicinata, e se qualcosa fosse successo nelle posizioni di vertice avremmo avuto la nostra possibilità. Purtroppo l’abbiamo mancata”.

“Abbiamo adottato una strategia aggressiva con Kimi, facendolo entrare ai box molto presto, ma ci manca ancora un po' di passo per poter andare a punti”.

condivisioni
commenti
Montoya: "Lewis prenderà dei rischi per vincere il titolo"
Articolo precedente

Montoya: "Lewis prenderà dei rischi per vincere il titolo"

Prossimo Articolo

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è partito male in SQ

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è partito male in SQ
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021