Räikkönen: "L'auto si è comportata bene e in gara possiamo essere forti"

Il finlandese ha ottenuto il terzo crono in Brasile dopo aver sofferto parecchio nel trovare il giusto bilanciamento della propria Ferrari, che in Q3 ha sfruttato al meglio le gomme supersoft nuove e domani potrà dire la sua.

Räikkönen: "L'auto si è comportata bene e in gara possiamo essere forti"
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H e Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H arrivano nel parco chiuso
Il poleman Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 festeggia nel parco chiuso con Kimi Raikkonen, Ferrari m
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H, bloccaggio
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari, il poleman Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 e Kimi Raikkonen, Ferrari nel
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, escono dai box

Terzo posto per Kimi Räikkönen nelle qualifiche del Gran Premio del Brasile che lascia il finlandese con un pizzico di amaro in bocca per la mancata prima fila.

In tutte e tre le sessioni andate in scena a San Paolo, il ferrarista è riuscito ad abbassare sensibilmente il proprio tempo, ma in Q3 si è visto battuto dalla Mercedes di Valtteri Bottas e dalla SF70H del suo compagno di squadra Sebastian Vettel.

Questo darà comunque modo ad "Iceman" di scattare dal lato pulito della griglia in un weekend che non era iniziato nel migliore dei modi, con grandi sofferenze accusate nelle libere del venerdì per la poca stabilità della propria Rossa.

"Oggi sicuramente è andata molto meglio di ieri, anche se nelle prime curve il feeling con gli pneumatici non era del tutto ottimale - ha ammesso l'ultimo Campione del Mondo di Maranello - E' stato il fattore più difficile da gestire fino a questo momento, però con l'ultimo set di supersoft mi sono trovato davvero bene, c'era molto più grip rispetto a quanto visto in precedenza".

Al primo tentativo della manche conclusiva il 38enne nativo di Espoo non ha ottenuto una grande prestazione, mentre nel secondo le cose sono andate meglio sfruttando un treno di pneumatici nuovi.

"Nelle prime due curve faticavo molto, mentre nell'ultimo settore riuscivo ad essere veloce, solo che nell'ultimo giro ormai avevo perso troppo all'inizio e quindi non ho potuto fare il tempo per piazzarmi in prima fila - ha concluso Kimi - Alla fine la macchina si è comportata piuttosto bene e questo mi fa ben sperare per la gara di domani, vedremo cosa succederà".

 

condivisioni
commenti
GP Brasile: sbatte Hamilton, la pole è di Bottas davanti a Vettel

Articolo precedente

GP Brasile: sbatte Hamilton, la pole è di Bottas davanti a Vettel

Prossimo Articolo

Vettel: "La pole? Sono stato timido. Domani possiamo vincere"

Vettel: "La pole? Sono stato timido. Domani possiamo vincere"
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021