Raikkonen: "La strategia a due soste era la scelta originaria del team"

condivisioni
commenti
Raikkonen:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
12 giu 2016, 20:57

Il finlandese ha concluso al sesto posto un weekend opaco condizionato da una scelta strategica errata. Kimi ha parlato di problemi nella gestione degli pneumatici, avendo difficoltà nel mantenere le gomme nella giusta finestra di esercizio.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB12 precede Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12, Kimi Raikkonen,
Max Verstappen, Red Bull Racing RB12 precede Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12, Kimi Raikkonen,
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 precede Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 precede Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari

Il Gran Premio del Canada non sarà certamente ricordato con piacere da Kimi Raikkonen. Il campione del mondo 2007, scattato dalla sesta casella sulla griglia di partenza, ha concluso nella medesima posizione complice anche una strategia poco felice adottata dal muretto.

Kimi, tuttavia, non ha mostrato un feeling ottimale con la monoposto già dall'inizio del weekend, ed ha patito il confronto con il compagno di team Sebastian Vettel, giunto in seconda posizione.

Il finalndese, rabbuiato una volta sceso dalla propria monoposto, ha parlato di gara difficile, accusando una problematica gestione degli pneumatici.

"Non è stata una gara semplice, non ho avuto una buona partenza anche se ho mantenuto la posizione. Nella seconda curva le Mercedes hanno lottato tra di loro, Nico è uscito di pista e questo mi ha avvantaggiato, ma successivamente ho faticato per mantenere le gomme nella giusta finestra di esercizio".

Raikkonen ha poi analizzato la strategia scelta dal muretto Ferrari. Anticipare la prima sosta non ha pagato ed ha costretto il finlandese ad uscire nel traffico. 

"La strategia su due soste era il piano originario, quello che il team ha pensato fosse quello giusto. Visto il risultato finale non so se cambiando strategia saremmo riusciti ad ottenere un risultato diverso".

Kimi ha infine lodato i progressi mostrati dalla vettura, ma ha lamentato problemi con il grip dovuti alle temperature estremamente basse trovate in terra canadese.

"La macchina si è comportata bene. Con condizioni di freddo, tuttavia, fatichiamo di più con le gomme in gara. In alcuni giri si compotano egregiamente ma poi escono dalla finestra di esercizio e fatichiamo molto di più". 

"Quando potevo spingere è stato più semplice, ma non è stata una gara facile ed è andata così".

Prossimo articolo Formula 1
Analisi FIA: Alonso aveva sbattuto a Melbourne a 305 km/h con 46G

Articolo precedente

Analisi FIA: Alonso aveva sbattuto a Melbourne a 305 km/h con 46G

Prossimo Articolo

La Ferrari ha perso perché non ha pensato da vincente

La Ferrari ha perso perché non ha pensato da vincente
Carica commenti