Räikkönen: "Hamilton non era un problema, ma speravo di fare di più"

Il finlandese centra un bel podio (il terzo consecutivo) ad Interlagos con una Ferrari molto competitiva che nel finale gli ha consentito di controllare la situazione e tenersi dietro l'arrembante Campione del Mondo in piena rimonta.

Räikkönen: "Hamilton non era un problema, ma speravo di fare di più"
Kimi Raikkonen, Ferrari in the Press Conference
Race winner Sebastian Vettel, Ferrari and Kimi Raikkonen, Ferrari in the Press Conference
Podium: winner Sebastian Vettel, Ferrari, third place Kimi Raikkonen, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen, Ferrari nella drivers parade
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W08, Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB13, Sergio Perez, Sahara Force India F1 VJM10, e il resto del gruppo alla partenza
Valtteri Bottas, Mercedes-Benz F1 W08, Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H, bloccaggio
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H

Terzo podio di fila per Kimi Räikkönen, che nel Gran Premio del Brasile conclude ancora una volta al terzo posto ottenendo il medesimo piazzamento di Austin e Città del Messico.

A San Paolo il ferrarista completa la festa degli uomini di Maranello, che con Sebastian Vettel hanno conquistato la vittoria, mentre fra le due SF70H si è piazzata la Mercedes di Valtteri Bottas.

Kimi è partito dalla terza piazza sulla griglia mantenendo la posizione, staccando inizialmente la Red Bull di un minaccioso Max Verstappen, poi ha perso un po' di contatto con i primi due a causa di problemi di bilanciamento con le gomme supersoft, per poi riaccodarsi nel finale di gara una volta montate le soft con le quali si è trovato decisamente meglio.

"Credo di aver fatto le solite cose di sempre pensando a completare una bella gara - ha commentato "Iceman" - Nelle prime curve soffrivo il bloccaggio degli pneumatici, ma in generale ho controllato bene la situazione avendo una macchina competitiva soprattutto dopo la seconda sosta quando ho montato le gomme soft".

"Sinceramente eravamo tutti molto vicini e il risultato finale è positivo, anche se pensavo di avere un passo migliore per fare di più. Solo che in piste come queste i punti per superare non sono tanti e quindi mi sono dovuto accontentare gestendo la situazione".

E proprio nelle ultime battute il pericolo più grande per Räikkönen si è materializzato in Lewis Hamilton, che con gomme supersoft ha tentato di raggiungere il terzo posto. Il biondino si è però difeso bene mantenendosi davanti al neo Campione del Mondo.

"L'unica difficoltà l'ho trovata con gli specchietti perché quest'anno si fatica di più a vedere chi ti segue; quando mi hanno detto che avevo Hamilton dietro ho comunque notato che non era così vicino e nelle ultime due curve la mia macchina andava veramente veloce, per cui non è stata una vera e propria minaccia dato che non riusciva a prendermi la scia; questo da certo punto di vista mi ha sorpreso. Ho sbagliato solo un paio di volte a guardare troppo negli specchietti, arrivando un po' lungo alla prima curva, ma Lewis non è stato un problema".

 

condivisioni
commenti
Vettel: "Questa vittoria è importante per me e per la Ferrari!"

Articolo precedente

Vettel: "Questa vittoria è importante per me e per la Ferrari!"

Prossimo Articolo

Hamilton punge Bottas: "Non so perché non sia riuscito a vincere oggi"

Hamilton punge Bottas: "Non so perché non sia riuscito a vincere oggi"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021