Raikkonen amaro: "Per passare Bottas avrei avuto bisogno di altri dieci giri"

condivisioni
commenti
Raikkonen amaro:
Di: Marco Di Marco
16 set 2018, 16:31

Il finlandese della Ferrari ha chiuso una gara anonima al quinto posto e non è riuscito nel finale a beffare un Bottas in crisi di gomme. Secondo Kimi la colpa di una gara simile è da attribuire ad un tracciato che rende difficile superare.

Kimi Raikkonen, Ferrari on drivers parade
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, e il resto del gruppo, alla partenza
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, e il resto del gruppo, alla partenza
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, precede Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, e Sergio Perez, Racing Point Force India VJM11
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, lascia i box

La Ferrari vista oggi sul tracciato di Singapore ha lasciato l’amaro in bocca ai suoi tifosi. Sebastian Vettel, infatti, ha concluso al terzo posto una gara sofferta, complice anche una strategia errata, mentre Kimi Raikkonen non è riuscito a fare meglio della quinta piazza concludendo una gara piuttosto anonima.

Nelle fasi finali di gara il finlandese si è trovato in scia ad un Valtteri Bottas in crisi con la gestione delle Pirelli, ma non è mai riuscito a tentare l’assalto al connazionale ed ha preferito non gettare al vento i punticini del quinto posto.

Giunto davanti ai microfoni della stampa, Raikkonen ha affermato di aver avuto bisogno di altri dieci giri per poter avere la meglio sul connazionale della Mercedes.

“Non è successo molto in gara, la maggior parte del tempo abbiamo dovuto seguire le altre vetture e non consumare le gomme. Penso di avere avuto una buona velocità, ma ovviamente quando ti trovi su un circuito dove è difficile superare non puoi sfruttarla tutta. Siamo stati molto vicini, ma in questi casi perdi carico. Credo che mi sarebbero serviti altri dieci giri per passare Bottas dato che era in difficoltà con le gomme, ma non è andata così”.

Kimi ha poi spiegato come non sia stato soltanto la perdita di carico aerodinamico dovuto alla scia di Bottas ad impedirgli di provare un sorpasso sul finlandese, ma anche la perdita di trazione della sua Ferrari in uscita di curva.

“Ho visto che Bottas stava soffrendo con le gomme anteriori, ma quando mi avvicinavo a lui perdevo trazione in uscita dalle curve e lui riusciva a scappare daccapo. Non ho mai avuto una concreta opportunità di superarlo. Ripeto, ci sarebbero serviti dei giri in più per tentare un attacco approfittando del crollo delle sue gomme”.

Raikkonen non è rimasto particolarmente impressionato dalla vittoria netta centrata da Hamilton sul tracciato di Marina Bay ed ha spiegato il perché.

“Qui è sempre così, chi si trova in testa può dettare il ritmo e badare alle gomme. Noi siamo rimasti fuori sperando in una safety car ma non è arrivata ed era l’unica opportunità per poter guadagnare posizioni”.

Quando gli è stato chiesto se il risultato odierno sia il frutto della pessima qualifica del sabato il finlandese non si è nascosto …

 “Si, purtroppo abbiamo perso la gara ieri ma è una cosa che qui accade spesso. Se ci fossero stati più ingressi in pista della safety car magari avremmo avuto un risultato diverso…”.

La modesta prestazione fornita da entrambe le SF71H sul tracciato di Singapore ha demoralizzato i tifosi, ma in vista del prossimo appuntamento di Sochi Raikkonen appare ben fiducioso.

“Adesso dobbiamo pensare alla Russia e credo che andremo bene. Ovviamente il gap tra i tre top team è minimo. Anche a Sochi è complicato superare quindi sarà importante partire davanti”.

Prossimo articolo Formula 1
Verstappen: "Il secondo posto oggi era il massimo risultato a cui potevamo ambire"

Articolo precedente

Verstappen: "Il secondo posto oggi era il massimo risultato a cui potevamo ambire"

Prossimo Articolo

Fotogallery: Lewis Hamilton illumina la notte del Gran Premio di Singapore

Fotogallery: Lewis Hamilton illumina la notte del Gran Premio di Singapore
Carica commenti