Racing Point: brake duct identiche a quelle Mercedes

condivisioni
commenti
Racing Point: brake duct identiche a quelle Mercedes
Di:
13 lug 2020, 13:36

Facciamo chiarezza: le immagini testimoniano che le prese dei freni della RP20 sono uguali a quelle della freccia d'argento, ma questo non significa che le vetture di Silverstone saranno squalificate dal GP della Stiria. Perché...

Le chiacchiere sono finite. Si è passati ai fatti. La Renault ha reclamato la Racing Point alla conclusione del GP della Stiria sostenendo che le prese dei freni anteriori e posteriori della RP20 sono identiche a quelle della Mercedes W10 campione del mondo nel 2019.

In questo caso i particolari presi in esame non sarebbero proprietà intellettuale del team di Silverstone, ma Mercedes, confliggendo con le regole che, invece, definiscono in modo inequivocabile quali sono le parti della monoposto che devono essere realizzate da ogni singolo Costruttore (anche in outsorcing, ma in esclusiva) rispetto a quelle che possono essere condivise o acquistate.

La Renault (che ha il dente avvelenato con la Racing Point per il reclamo subito nel GP del Giappone, quando le due vetture di Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg furono squalificate per la presenza di ripartitore di frenata elettronico vietatissimo), infatti, non ha reclamato la Mercedes rosa per la somiglianza con la W10, ma ha posto l’accento su due parti ben specifiche che a regolamento devono essere di proprietà intellettuale del Costruttore.

Dettaglio presa dei freni posteriore della Racing Point RP20

Dettaglio presa dei freni posteriore della Racing Point RP20

Photo by: Giorgio Piola

Dettaglio della brake duct della Mercedes AMG F1 W11

Dettaglio della brake duct della Mercedes AMG F1 W11

Photo by: Giorgio Piola

Quanto sono simili i condotti dei freni Racing Point e Mercedes? Non ci vuole uno specialista di tecnica per capire che le somiglianze sono impressionanti, tant’è che la RP20 l’abbiamo considerata dalla nascita più un clone che una copia. Ma la FIA ha svolto un’indagine e ai commissari federali la squadra di Stroll è riuscita a dimostrare che il telaio, per quanto simile nel disegno ma non nell’accuratezza della costruzione, è stato copiato, senza ricevere dati dalla Mercedes.

Gli ingegneri di Andy Green dovranno fare altrettanto, anche se il tema brake duct è più complesso. La ragione è semplice: le prese dei freni non sono più cedibili dall’inizio del 2020. Fino allo scorso anno erano oggetto di fornitura da parte dei team ufficiali.

E allora? Il progetto della RP20 è stato avviato nell’estate dell’anno scorso per cui è possibile che i tecnici Racing Point abbiano attinto al materiale Mercedes quando tutto ciò era ancora concesso dalle norme vigenti, acquisendo, quindi, la conoscenza su una parte della meccanica che solo successivamente è stata dichiarata “listed part”.

In sostanza Andy Green e soci avrebbero assorbito il know how della Mercedes W10 e, facilmente, lo avrebbero riprodotto tale e quale sulla RP10. La questione può sembrare di lana caprina, ma in realtà tocca lo spirito con cui si lavora in F1.

La Racing Point rischia molto perché nel fine settimana in Ungheria andrà a correre con le stesse brake duct contestate in Stiria, mentre il sesto posto di Sergio Perez e il settimo di Lance Stroll sono sub-judice per il reclamo Renault.

La FIA ha posto sotto sequestro le brake duct contestate e la Mercedes dovrà fornire alla Federazione Internazionale gli equivalenti pezzi della W10 per un confronto diretto. Basta guardare le immagini qui sotto per rendersi conto che le somiglianze sono sorprendenti.

Brake duct anteriore della Racing Point RP20

Brake duct anteriore della Racing Point RP20

Photo by: Giorgio Piola

Mercedes W11, dettaglio della brake duct

Mercedes W11, dettaglio della brake duct

Photo by: Giorgio Piola

La Mercedes nel 2019 ha portato in pista ben quattro diverse versione di prese per adeguare l’impianto frenante alle esigenze dei singoli circuiti, differenziando la portata del raffreddamento. Ma non può essere messo in secondo piano il fatto che ci siano anche condotti che hanno solo una funzione aerodinamica e, quindi, sono puramente prestazionali.

Racing Point RP20 ecco l'impianto frenante senza il cestello

Racing Point RP20 ecco l'impianto frenante senza il cestello

Photo by: Giorgio Piola

Basteranno piccole differenze nella costruzione a placare la Renault, oppure la somiglianza anche delle canalizzazioni interne al cestello accenderà ulteriormente le polemiche? La Racing Point in Ungheria si presenterà con lo stesso materiale per essere coerente con le sue scelte e perché non c’è tempo, neanche volendo, di rifare le brake duct.

Mercedes W11: ecco i condotti con funzione aerodinamica

Mercedes W11: ecco i condotti con funzione aerodinamica

Photo by: Giorgio Piola

Anzi l’incalzare di un calendario molto fitto e condensato non facilita il compito della squadra di Silverstone che assicura di avere validi argomenti per sgonfiare questa… bolla. In Renault al contrario contano di avere trovato il modo per mettere i bastoni fra le ruote alla Mercedes rosa.

Report F1, Ferrari: sprofondo in Stiria, risveglio in Ungheria?

Articolo precedente

Report F1, Ferrari: sprofondo in Stiria, risveglio in Ungheria?

Prossimo Articolo

Alfa Romeo: Kubica farà 4-5 libere, ma sono da definire

Alfa Romeo: Kubica farà 4-5 libere, ma sono da definire
Carica commenti