Racing Point risponde a Renault: "Il loro reclamo? Inconcepibile"

Racing Point risponde al reclamo di Renault e afferma che porterà tutte le prove necessarie per confutarlo. "La FIA sa come abbiamo progettato la RP20, siamo tranquilli", fa sapere il team.

Racing Point risponde a Renault: "Il loro reclamo? Inconcepibile"

"Inconcepibile". Così la Racing Point ha definito il reclamo fatto dalla Renault al termine del Gran Premio di Stiria proprio nei confronti del team che ha base a Silverstone e che dall'anno prossimo si chiamerà Aston Martin.

Racing Point ha respinto le accuse fatte dalla Renault proprio tramite la protesta ufficiale contro le due RP20 di Sergio Perez e Lance Stroll. Renault ritiene che i condotti dei freni anteriori e posteriori delle RP20 provengano da un progetto della Mercedes e questo non sarebbe consentito dalle norme che regolano le parti sopra citate.

I commissari sportivi della FIA che hanno preso a carico la protesta del team di Cyril Abiteboul hanno dichiarato la protesta "ammissibile", dunque questa sarà oggetto di indagine e sia Racing Point che Mercedes dovranno fornire le prove.

Leggi anche:

Il team Racing Point ha anche parlato del reclamo fatto dalla Renault ai microfoni di Motorsport.com: "Il team Racing Point è estremamente deluso nel vedere i risultati ottenuti al GP di Stiria messi in discussione da quella che considera una protesta inconcepibile e mal informata".

"Qualsiasi suggerimento di illecito è fermamente respinto e il team prenderà tutte le contromisure necessarie per garantire la corretta applicazione del regolamento".

Racing Point ha sottolineato come la FIA sia stata pienamente informata su ciò che è stato fatto sul progetto 2020: "Prima dell'inizio della stagione, il team ha collaborato con la FIA e ha affrontato in modo soddisfacente tutte le questioni relative alle origini dei disegni della RP20".

"Il team è fiducioso che la protesta possa essere respinta una volta che avrà presentato le sue prove e le sue risposte".

In questo momento la Racing Point si trova sull'orlo di un burrone. In questa stagione le gare saranno sempre molto ravvicinate, per cui sarà quasi impossibile produrre pezzi differenti e correre con quelli. Ciò significa che le RP20 continueranno a correre con l'impianto frenante usato sino a ora.

Se questo dovesse essere ritenuto fuori legge, allora il team rischia di perdere tutti i punti fatti con le componenti ritenute illegali. Dai piani alti del team di Silverstone regna una certa tranquillità, ma se le cose non dovessero essere come nei pensieri della Racing Point, per loro il 2020 potrebbe tramutarsi da un anno pieno di opportunità a un vero incubo.

condivisioni
commenti
Renault: allarme affidabilità a causa dei radiatori delle R.S.20

Articolo precedente

Renault: allarme affidabilità a causa dei radiatori delle R.S.20

Prossimo Articolo

Mercedes: l'uomo squadra Bottas sarà confermato per il 2021

Mercedes: l'uomo squadra Bottas sarà confermato per il 2021
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021