Racing Point ancora in dubbio sul possibile ritorno di Perez

La Racing Point non è ancora certezze riguardo alla possibilità di schierare o meno Sergio Perez in occasione del GP 70° Anniversario a Silverstone di questo weekend.

Racing Point ancora in dubbio sul possibile ritorno di Perez

Il messicano è stato costretto a saltare il Gran Premio di Gran Bretagna di questo fine settimana dopo essere risultato positivo al COVID-19.

Da allora è rimasto in isolamento, insieme al suo fisioterapista e ad un membro del suo management, entrambi risultati negativi. Tutti e tre si erano recati in Messico nella settimana successiva al Gran Premio d'Ungheria.

La situazione è stata complicata da un cambiamento nelle linee guida imposte dalla Gran Bretagna, con la quarantena che è stata portata da sette a dieci giorni, proprio a cavallo dei due test di Perez (il primo era stato inconcludente). In definitiva, dovrebbe essere questo a determinare se potrà correre o meno.

"Ci atterremo alle linee guida della National Health England, quindi faremo quello che dicono" ha detto il team principal Otmar Szafnauer.

"Non sono ancora sicuro se la quarantena sia di 10 o di sette giorni, ci sono rapporti contrastanti, ma ci atterremo a quello che ci dirà la National Health England".

"Anche se dovesse essere solo di sette giorni, dovrà comunque risultare negativo al test COVID della FIA, quindi cercheremo di fargli il test giovedì. Ma se sarà ancora positivo, comunque non potrà entrare nel paddock".

Leggi anche:

Szafnauer poi ha spiegato che il periodo di quarantena sarebbe da considerare da mercoledì, perché il primo test era "inconcludente" solo per la FIA.

"La piccola confusione è dovuta al fatto che il test inconcludente in realtà era tale solo per gli standard FIA".

"Secondo gli standard della National Health England, quel test inconcludente sarebbe stato positivo, quindi si potrebbe dire che per loro Sergio sarebbe stato positivo già mercoledì, quando la quarantena era ancora di sette giorni. Questo è quello che vogliamo chiarire".

"Quindi faremo questa domanda alla National Health England e qualunque cosa dicano, ci atterremo a quelle che saranno le loro indicazioni su quello che ritengono sia più giusto da fare in questa situazione".

"Non sappiamo ancora quando avremo la risposta, ma Andy Stevenson (il direttore sportivo) si è messo in contatto con loro e ce lo diranno relativamente presto. Credo che dobbiamo saperlo prima di venerdì prossimo, quindi c'è ancora un po' di tempo".

"Ma vogliamo fare ciò che è giusto e seguire le loro indicazioni. Abbiamo solo bisogno di una guida chiara e, una volta che l'avremo ottenuta, faremo ciò che è giusto. Per non parlare del fatto che, se Checo ha ancora il virus nel suo sistema, non lo vogliamo portare nel paddock".

condivisioni
commenti
Wolff: "Abbiamo pensato e bocciato il secondo pit stop di Lewis"

Articolo precedente

Wolff: "Abbiamo pensato e bocciato il secondo pit stop di Lewis"

Prossimo Articolo

Grosjean: "Manovre pericolose? Le rifarei. E le faceva anche Max"

Grosjean: "Manovre pericolose? Le rifarei. E le faceva anche Max"
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021