Qualifiche Australia: Alfa e Toro Rosso più veloci di 2 secondi, i top team di 6 decimi

condivisioni
commenti
Qualifiche Australia: Alfa e Toro Rosso più veloci di 2 secondi, i top team di 6 decimi
Di:
22 mar 2019, 16:34

Le monoposto 2019 si sono rivelate subito più veloci delle F1 dello scorso anno, nonostante le nuove regole aerodinamiche dovessero ridurre le prestazioni. Se Mercedes, Ferrari e Red Bull sono cresciute di 6 decimi, stupisce il miglioramento delle squadre di centro gruppo.

Vetture più lunghe, più pesanti e con un’ala anteriore che costerà parecchi punti di carico aerodinamico. Fu commentato così il varo del regolamento tecnico 2019, con il tradizionale pessimismo degli ingegneri, maestri assoluti nell’arte di mettersi sulla difensiva.

I test

pre-campionato hanno insinuato il dubbio sulle previsioni dei tecnici, ma serviva la verifica della prima sessione di qualifica della stagione.

L’attesa dei riscontri arrivati nel sabato di Albert Park è stata in effetti giustificata, perché i numeri hanno disegnato un contesto imprevisto. Le monoposto 2019 vanno di più, in alcuni casi parecchio di più, di quelle che hanno calcato le piste nello scorso Mondiale.

Ovviamente arriveranno altri riscontri nelle prossime settimane, ma difficilmente (se le condizioni di pista saranno quelle attese) vedremo dei passi indietro rispetto ai tempi 2018.

Se i tecnici delle squadre amano mettere le mani avanti, c’è un dato che in effetti nessuno poteva prevedere. I numeri delle qualifiche di Albert Park hanno confermato una crescita generale, ma soprattutto del ‘middle field’, ovvero le squadre di metà classifica che seguono i tre top-team.

Il miglioramento di Mercedes, Ferrari e Red Bull rispetto alle qualifiche 2018 è stato in media di sei decimi di secondo, ma nelle zone centrali della classifica il passo in avanti è stato mediamente il doppio.

I numeri parlano chiaro, ma prima ancora dell’analisi delle cifre, le avvisaglie erano arrivate in tempo reale durante la sessione Q1 di Melbourne, con Lance Stroll eliminato nonostante fosse ad un secondo esatto da Charles Leclerc (autore del migliore tempo di sessione) e Pierre Gasly vittima dell’ottimismo del muretto box della Red Bull, che lo ha lasciato in pit-lane convinto che il tempo realizzato con il primo set di gomme fosse sufficiente a passare il taglio per l’accesso al Q2. Quest’anno le certezze sono molte meno, e Gasly lo ha capito subito… a sue spese.

L’Alfa Romeo cresce di più, la Williams effetto gambero

Alle spalle dei top-team la crescita è stata decisamente a sorpresa, mediamente il doppio rispetto ai top team. Su tutti spiccano Alfa Romeo e Toro Rosso, che vantano un incremento superiore ai due secondi complice anche un avvio di 2018 non certo dei migliori.

In entrambi i casi hanno probabilmente giocato un ruolo importante anche le partnership più stretta rispettivamente con Ferrari e Red Bull.

I dati di Melbourne parlano chiaro e, probabilmente, la prossima settimana in Bahrain arriverà anche la conferma di un salto in avanti più corposo della Renault, che per tanti e differenti motivi ha vissuto in Australia un weekend da dimenticare.

In questo quadro c’è una sola eccezione, e non può che essere la Williams, riuscita nell’impresa di non migliorare la sua già poco gratificante performance di dodici mesi fa.

Non è solo questione di monoposto, la FW42 non è certo un progetto che sembra nato bene, ma il disastro australiano è figlio soprattutto di una cattiva organizzazione e di un budget scadente.

Affrontare un weekend di gara senza ricambi, e informare i piloti di stare lontano dai cordoli per evitare di danneggiare fondi e ali, non è Formula 1. E il cronometro ancora una volta ha confermato di non far sconti a nessuno.

Nove team in qualifica meglio del 2018

Team

Tempo 2018

Tempo 2019

Differenza

Mercedes

1’21”164

1’20”486

-0”678

Ferrari

1’21”828

1’21”190

-0”638

Red Bull

1’21”879

1’21”320

-0”559

Haas

1’23”187

1’21”826

-1”361

McLaren

1’23”597

1’22”304

-1”293

Alfa Romeo

1’24”556

1’22”314

-2”242

Racing Point

1’24”005

1’22”532

-1”473

Renault

1’23”061

1’22”540

-0”521

Toro Rosso

1’24”532

1’22”511

-2”021

Williams

1’24”230

1’24”360

+0”130

Scorrimento
Lista

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
1/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Alex Albon, Toro Rosso STR14

Alex Albon, Toro Rosso STR14
2/20

Foto di: Erik Junius

Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, esce dal pit dopo la sosta

Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, esce dal pit dopo la sosta
3/20

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Daniil Kvyat, Toro Rosso

Daniil Kvyat, Toro Rosso
4/20

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19
5/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19, precede Nico Hulkenberg, Renault R.S. 19

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19, precede Nico Hulkenberg, Renault R.S. 19
6/20

Foto di: Joe Portlock / LAT Images

Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team, e Frederic Vasseur, Team Principal, Alfa Romeo Racing

Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team, e Frederic Vasseur, Team Principal, Alfa Romeo Racing
7/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
8/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Renault F1 RS19, dettaglio del motore

Renault F1 RS19, dettaglio del motore
9/20

Foto di: Giorgio Piola

Lance Stroll, Racing Point RP19, lotta con Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, alla partenza

Lance Stroll, Racing Point RP19, lotta con Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, alla partenza
10/20

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Dettaglio di un pit stop del Team Racing Point

Dettaglio di un pit stop del Team Racing Point
11/20

Foto di: Erik Junius

Sergio Perez, Racing Point

Sergio Perez, Racing Point
12/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Il team Racing Point al muretto

Il team Racing Point al muretto
13/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Scarpe di Carlos Sainz Jr., McLaren

Scarpe di Carlos Sainz Jr., McLaren
14/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34
15/20

Foto di: Erik Junius

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34
16/20

Foto di: Erik Junius

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, si ritira dalla gara

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, si ritira dalla gara
17/20

Foto di: Rubio / Sutton Images

Robert Kubica, Williams FW42, precede Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Robert Kubica, Williams FW42, precede Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19
18/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
19/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Robert Kubica, Williams FW42

Robert Kubica, Williams FW42
20/20

Foto di: Sam Bloxham / LAT Images

Prossimo Articolo
Steiner: "Siamo andati forte a Barcellona e Melbourne. Sarà lo stesso in Bahrain"

Articolo precedente

Steiner: "Siamo andati forte a Barcellona e Melbourne. Sarà lo stesso in Bahrain"

Prossimo Articolo

Ferrari: nel GP del Bahrain torna la livrea con lo sponsor Mission Winnow

Ferrari: nel GP del Bahrain torna la livrea con lo sponsor Mission Winnow
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Location Melbourne Grand Prix Circuit
Autore Roberto Chinchero
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie