Prost: "La F.1 ha bisogno di soluzioni e non di critiche"

Il quattro volte campione del mondo auspica che si cerchi una soluzione allargata e non di un problema alla volta

Alain Prost, pilota quattro volte campione del mondo, ritiene che la Formula 1 abbia bisogno di soluzioni piuttosto che critiche, per ricostruire una certa popolarità nei prossimi anni. Il crollo dell'audience tv e la preoccupazione per l'escalation dei costi hanno spinto Jean Todt, presidente della FIA, e Bernie Ecclestone, responsabile FOM, a farsi dare un mandato per cambiare le cose.

Il transalpino in passato ha espresso la sua preoccupazione sullo stato di salute della F.1, ma ora ritiene che sia meglio tenersi per sè le sue critiche, perché non farebbero altro che peggiorare la situazione.
"Io non voglio entrare troppo in questo gioco perverso: le persona che parlano di F.1 affrontano un problema separato da quell'altro - ha detto Alain a Motorsport.com - si parla del motore, del telaio e poi dei regolamenti sportivi. Ma, a mio parere, è necessario avere una visione globale per varare un pacchetto di novità che possano durare nel tempo".

E, quindi, cosa bisogna fare?
"Bisogna rivedere tutto: non solo motore o telaio. E allora si deve parlare di ricavi, di regolamenti sportivi. Perchè bisogna dare la possibbilità ai team più piccoli di essere più compettivi non solo con più soldi, ma anche lasciando delle libertà regolamenteri per esprimere delle idee nuove, diverse".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Alain Prost
Articolo di tipo Intervista
Tag fia, fom, formula 1, prost