Proposta Renault: anticipare i nuovi regolamenti power unit

Il team principal della Renault, Cyril Abiteboul, ritiene che l'imminente ritiro della Honda dalla F1 dovrebbe innescate un cambiamento anticipato sui regolamenti delle power unit.

Proposta Renault: anticipare i nuovi regolamenti power unit

Le regole attuali dovrebbero rimanere in vigore fino al 2025, e le discussioni sono già in corso su quale direzione dovrebbe prendere la Formula 1 successivamente.

Ross Brawn ha riconosciuto pubblicamente che nessun nuovo costruttore potrà aderire alla F1 fino all'entrata in vigore dei nuovi regolamenti.

Abiteboul suggerisce che il ritiro della Honda indica che le regole attuali non hanno il successo che dovrebbero avere, e che il cambiamento previsto per il 2026 dovrebbe essere anticipato per incoraggiare ad entrare nuovi costruttori.

La Honda ha annunciato la scorsa settimana che interromperà il suo programma in F1 alla fine della stagione 2021, lasciando Red Bull ed AlphaTauri alla ricerca di un nuovo partner.

"Voglio essere molto chiaro sul fatto che non siamo soddisfatti della situazione della Honda" ha detto Abiteboul a Motorsport.com.

"Dobbiamo chiamarla così com'è, non è uno sviluppo positivo per la F1. Vogliamo una F1 con i costruttori, con i fornitori di motori e non è uno sviluppo positivo il fatto che ne siano rimasti solo tre".

"Dobbiamo trarre conclusioni chiare da questa situazione, ed è un qualcosa per cui ho esortato l'organo di governo ad avere più attenzione".

"La situazione dei motori è semplicemente insostenibile. In particolare dal punto di vista economico, ma anche da quello tecnologico".

"Non sono sicuro che possiamo permetterci questa percezione. O siamo in grado di cambiare questa percezione dell'attuale architettura dei motori, o probabilmente dobbiamo accelerare l'adozione di una nuova architettura, in modo da fare un passo avanti".

"Mi aspetto che questa situazione inneschi qualche riflessione in più sulla programmazione per le power unit di nuova generazione".

Abiteboul ammette che, con le regole attuali, la F1 non è attraente per i nuovi costruttori, date le risorse necessarie per sviluppare un pacchetto competitivo.

Leggi anche:

"Il biglietto d'ingresso è molto alto in termini di costi, ma anche in termini di tecnologia" ha detto.

"Anche se si spende molto, ci vorrà un po' di tempo per essere competitivi. Ne abbiamo avuto la dimostrazione, anche se ovviamente ora le cose vanno un po' meglio".

"Si potrebbe stare su un'isola e dire che va tutto bene perché abbiamo attraversato il mare, ma quel mare è semplicemente troppo grande per la sostenibilità della F1".

"E dobbiamo avere più persone su quest'isola. Quindi dobbiamo fare qualcosa, pensando sia alla sostenibilità ambientale che a quella economica del motore".

"Qualcosa è stato fatto, ma non è sufficiente. Dobbiamo essere più duri su questo. Proprio come abbiamo fatto sul fronte del telaio negli ultimi mesi, dobbiamo colpire molto duramente sul lato del motore se non vogliamo che la F1 si faccia male".

Abiteboul ha concordato sul fatto che il ragionamento fatto dalla Honda per il suo ritiro, basato sui piani per perseguire la sostenibilità, non si riflette bene sulla Formula 1 e sulle sue credenziali di efficienza.

"E' solo un'ulteriore prova del fatto che non siamo riusciti a mandare i messaggi giusti con questi motori, che in realtà sono strabilianti: non c'è niente di più avanzato al mondo in termini di propulsione automobilistica".

"Non c'è niente che si avvicini a questo livello di efficienza, quindi è notevole".

"Ma è altrettanto degno di nota il fatto che non si sia riusciti a spiegare al mondo e a far capire al mondo intero di cosa si tratti, e i vantaggi che potrebbero avere a livello di impatto sulla tecnologia più tradizionale".

"E' solo una dimostrazione del fatto che la quando la percezione è sbagliata dall'inizio, è molto difficile cambiarla, e credo che dobbiamo riflettere molto bene su ciò che abbiamo sbagliato e su come possiamo cambiarla".

"Possiamo cambiarla nell'ambito delle norme vigenti o dobbiamo cambiare il regolamento per farlo? Non ho la risposta a queste domande".

Abiteboul dice che i costruttori possono fare di più per promuovere la loro tecnologia.

"E' un po' triste che non abbiamo fatto un lavoro collettivo in questo senso, non solo Honda, ma tutti noi. La F1 ha perso l'opportunità di sfruttare un vantaggio".

"Abbiamo investito su un asset, sulla piattaforma, sulla tecnologia, probabilmente miliardi a livello collettivo".

"Sono le basi del marketing: dobbiamo far sapre al mondo cosa stiamo facendo, non semplicemente farlo e lamentarcene".

"Ogni tanto, quando i piloti parlano dei motori, è per lamentarsi, ed è molto spiacevole che abbiamo pochissime opportunità di parlare di quanto siano fantastici questi motori".

"Allo stesso modo, accetto che sia difficile, e forse dobbiamo chiederci se abbiamo bisogno di avere quel livello di tecnologia nei motori se la tecnologia è considerata dannosa per la competitività di una squadra e di una vettura".

condivisioni
commenti

Video correlati

Il ritorno della F1 a Rio dipende dai protocolli ambientali
Articolo precedente

Il ritorno della F1 a Rio dipende dai protocolli ambientali

Prossimo Articolo

Vettel: "Ho fallito, volevo essere campione con la Ferrari"

Vettel: "Ho fallito, volevo essere campione con la Ferrari"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021