Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
115 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
157 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
171 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
185 giorni

Pole strepitosa per Hamilton nel GP di Francia, la Ferrari paga sei decimi!

condivisioni
commenti
Pole strepitosa per Hamilton nel GP di Francia, la Ferrari paga sei decimi!
Di:
22 giu 2019, 14:38

Lewis centra la 86esima partenza al palo nel GP di Francia e sigla uno strepitoso record della pista, rifilando due decimi a Bottas. Leclerc è terzo a sei decimi, mentre Vettel è solo settimo per un problema al sei cilindri. Così c'è Verstappen quarto seguito dalle due McLaren.

Lewis Hamilton è stato strepitoso: il penta campione ha disintegrato il record della pista del Paul Ricard con un tempo di 1'28"319 che è 1"7 più veloce del primato dello scorso anno! Il re nero ha saputo migliorare anche nel secondo run della Q3 spezzando le reni al compagno di squadra che è sempre stato il più veloce nelle prove libere.

Valtteri Bottas completa la prima fila della Mercedes con un ottimo 1'28"605 anche se si è lamentato delle improvvise folate di Mistral, ma il nordico ha patito la mazzatta finale del campione del mondo che colleziona l'86esima pole position che è anche la terza stagionale e la seconda in Francia, bissando quella dello scorso.

La Mercedes quando ha dato il boost al motore Phase 2 proprio in Q3 ha fatto una bella differenza anche nella power unit, segno che a Maranello dovranno lavorare anche in questo campo se vogliono andare a chiudere il gap con le frecce d'argento.

Charles Leclerc salva l'onore del Cavallino: il monegasco è terzo con 1'28"965 risultando l'unico, insieme alla coppia della Stella, a sfondare il muro dell'1'29". Ma questo exploit non basta a dare il sorriso agli uomini di Mattia Binotto perché il distacco dalle W10 è pesante: oltre sei decimi.

La Rossa si difende nei primi due settori della pista e naufraga nel terzo. Se Leclerc si è difeso al meglio delle sue possibilità, si può dire che è naufragato Sebastian Vettel: il tedesco ha rovinato il primo tentativo abortendo il giro per un problema al cambio e nell'unico tentativo utile ha centrato solo un 1'29"799 che è valso la settima posizione a causa di un problema al motore endotermico che ha messo in allarme i tecnici della Scuderia.

E così a beneficiare dei guai di Vettel è stato Max Verstappen in seconda fila con la Red Bull: l'olandese si è visto cancellare un paio di tempi durante l'intera qualifica per i troppi tagli di pista, ma è andato ben oltre le più rosee previsioni su una pista veloce.

Eccellente la prestazione delle due McLaren: Lando Norris porta la macchina di Woking al quinto posto separata di appena 9 millesimi dalla Red Bull che lo precede. Il ragazzino inglese sta facendo una stagione molto positiva e non è poco che si sia messo dietro uno specialista del giro secco come Carlos Sainz staccato poco più di un decimo.

La McLaren con la cura Seidl è in grande crescita, per cui non deve sorprendere che la Renault di Daniel Ricciardo sia dietro all'ottavo posto: l'australiano disponeva del motore Spec 2 più potente, ma evidentemente il telaio della MCL34 è migliore della macchina di Enstone. Fernando Alonso ha scelto proprio il momento sbagliato per lasciare la F1: ha mollato la McLaren nel momento in cui inizia a  rianciarsi. Incredibile, ma sempre fuori tempo!

Non ha entusiasmato Pierre Gasly che ha tentato il primo run con le Medie: il francese con l'unico treno di Rosse ha lasciato otto decimi a Verstappen, un divario troppo grande per un pilota che ha l'ambizione di restare in un top team.

Bellissima la qualifica di Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo: il pilota di Martina Franca partirà per la prima volta nella top 10, visto che in precedenza si era beccato una penalizzazione che lo aveva fatto retrocedere a centro gruppo. L'italiano nel primo weekend lineare, senza guai, è riuscito a mostrare finalmente il suo talento: ora si aspettano i primi punti...

Ricordiamo che nella top ten potranno partire tutti con le gomme Medie evitando la Soft di breve durata tranne Pierre Gasly e Antonio Giovinazzi...

Non entra nei dieci Alexander Albon con la Toro Rosso che precede Kimi Raikkonen con l'Alfa Romeo: il finlandese ha avuto una qualifica problematica: è finito sotto investigazione perché ha bloccato  Daniel Ricciardo in Q1 e subito dopo è stato impedito da Romain Grosjean. Chi ha deluso è stato Nico Hulkenberg con la Renault: i francesi volevano fare bella figura nella gara di casa, ma al tedesco non è stato dato il motore Spec B di cui dispone Daniel Ricciardo per non pagare una penalità.

Sergio Perez con la Racing Point ha firmato l'8 a 0 nei confronti con il deludente Lance Stroll: il messicano ha fatto la sua parte con la non irresistibile RP19 e si è accontentato del 14esimo posto.

La Haas soffre il Paul Ricard e Kevin Magnussen è solo 15esimo: il team americano ha un rendimento che non è mai costante.

Non supera la tagliola della Q1 Daniil Kvyat 16esimo con la Toro Rosso: i tecnici giapponesi avevano sostituito il motore Honda rompendo poi i sigilli FIA sulla power unit per fare dei controlli, per cui il russo scatterà ultimo dalla pit lane. Male Romain Grosjean mai a suo agio sulla pista di casa con la Haas: il transalpino è giustamente sotto investigazione per il brutto impedimento ad Antonio Giovinazzi a fine turno dopo che aveva fatto un lungo nel suo giro buono.

Lance Stroll è solo 18esimo con la seconda Racing Point: il canadese rifila comunque un secondo alle due Williams relegate in fondo alla graduatoria, con George Russell autore di un buon giro che ha permesso al rookie inglese di rifilare mezzo secondo all'esperto Robert Kubica che subisce un pesante 7 a 1 in qualifica.

Cla Pilota Tempo Gap km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton 1'28.319   238.127
2 Finland Valtteri Bottas 1'28.605 0.286 237.359
3 Monaco Charles Leclerc 1'28.965 0.646 236.398
4 Netherlands Max Verstappen 1'29.409 1.090 235.224
5 United Kingdom Lando Norris 1'29.418 1.099 235.200
6 Spain Carlos Sainz Jr. 1'29.522 1.203 234.927
7 Germany Sebastian Vettel 1'29.799 1.480 234.203
8 Australia Daniel Ricciardo 1'29.918 1.599 233.893
9 France Pierre Gasly 1'30.184 1.865 233.203
10 Italy Antonio Giovinazzi 1'33.420 5.101 225.125
11 Thailand Alexander Albon 1'30.461 2.142 232.489
12 Finland Kimi Raikkonen 1'30.533 2.214 232.304
13 Germany Nico Hulkenberg 1'30.544 2.225 232.276
14 Mexico Sergio Perez 1'30.738 2.419 231.779
15 Denmark Kevin Magnussen 1'31.440 3.121 230.000
16 France Romain Grosjean 1'31.626 3.307 229.533
17 Canada Lance Stroll 1'31.726 3.407 229.282
18 United Kingdom George Russell 1'32.789 4.470 226.656
19 Poland Robert Kubica 1'33.205 4.886 225.644
20 Russian Federation Daniil Kvyat 1'31.564 3.245 229.688
Prossimo Articolo
LIVE F1, GP di Francia: Qualifiche

Articolo precedente

LIVE F1, GP di Francia: Qualifiche

Prossimo Articolo

Leclerc: "Ho lavorato sulla Q3 e i risultati si sono visti. Il gap dalle Mercedes è ampio"

Leclerc: "Ho lavorato sulla Q3 e i risultati si sono visti. Il gap dalle Mercedes è ampio"
Carica commenti