Pirelli, Isola: "Se in gara sarà caldo le strategie non saranno così scontate"

condivisioni
commenti
Pirelli, Isola:
Di:
16 mar 2019, 16:37

Il responsabile car racing di Pirelli ha affermato che il caldo potrebbe indurre i team a montare la gomma più dura e fare un solo pit stop o, al contrario, puntare su stint più corti e aggressivi.

Lewis Hamilton domina le qualifiche di Melbourne, dove ha sempre conquistato la pole position dal 2014. Il pilota Mercedes ha usato solo pneumatici soft, con il miglior tempo in 1m20.486s ottenuto nel Q3 che vale anche il nuovo record assoluto del tracciato di Albert Park. Hamilton ha ricevuto il primo Pirelli Pole Position Award del 2019 da Alan Jones, campione del mondo F1 nel 1980.

Probabili strategie

La strategia teoricamente più veloce è a due soste, con i primi due stint su soft da 21 giri ciascuno, più uno finale su medium. È molto probabile che i team scelgano una strategia a un pit stop, estremamente vicina a quella a due soste in termini di tempo e con meno rischi, visto che Melbourne è un tracciato sul quale non è facile sorpassare. Sulla base dei dati raccolti finora, la strategia migliore a una sosta è soft per 27 giri poi medium, mentre un’alternativa potrebbe essere soft-hard, con un primo stint da 24 giri.

Leggi anche:

Mario Isola, responsabile car racing di Pirelli: "Come sempre, i giri veloci sono arrivati a fine di ciascuna sessione di qualifica, con temperature asfalto in calo e molta azione in pista, a sottolineare il divario ravvicinato in questo primo weekend di gara".

"Anche oggi le prestazioni dei pneumatici sono state buone su ciascuna mescola, con Ferrari che ha usato a lungo il potenziale della medium nel Q1. Tutte e tre le possibili strategie in gara sono molto vicine: tutto dipenderà dalla temperatura asfalto e dal livello di degrado dei pneumatici soft. Con temperature più elevate, il degrado su questa mescola dovrebbe crescere e potrebbe portare i team a fermarsi prima per il pit stop, scegliendo una mescola più dura, o a una strategia su più soste".

Punti d'interesse

  • Qualifica molto combattuta, con solo un secondo di divario tra la prima posizione e la 15ª nel Q1.
  • Le velocità: già nel Q2 è stato demolito il precedente record del tracciato, poi nuovamente abbassato nel Q3, nonostante le vetture 2019 siano più pesanti.
  • Ferrari, l’unico team a usare pneumatici medium nel Q1.
  • Pierre Gasly partirà 17° dopo essere stato eliminato nel Q1 e potrebbe scegliere una strategia alternativa per recuperare posizioni.
  • Il nuovo regolamento che premia il giro veloce in gara (per chi finisce nella top-10) e che potrebbe portare alcuni piloti verso una strategia su due soste.
Prossimo Articolo
Kubica ultimo con... sorpresa: "La Williams per un giro ha funzionato e non so il perché!"

Articolo precedente

Kubica ultimo con... sorpresa: "La Williams per un giro ha funzionato e non so il perché!"

Prossimo Articolo

Ferrari: delusione, ma non panico, pensando a una stagione che sarà lunga

Ferrari: delusione, ma non panico, pensando a una stagione che sarà lunga
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Sotto-evento Q1
Autore Redazione Motorsport.com
Be first to get
breaking news