Pirelli, Isola: "C'è curiosità sul nuovo asfalto di Silverstone"

condivisioni
commenti
Pirelli, Isola: "C'è curiosità sul nuovo asfalto di Silverstone"
Di:
09 lug 2019, 08:01

Il responsabile car racing di Pirelli vuole vedere il comportamento del nuovo manto stradale di Silverstone, fatto per migliorare il drenaggio e diminuire le buche in pista.

Per il Gran Premio di Gran Bretagna – e per la terza volta in questa stagione, dopo Bahrain e Spagna – Pirelli ha nominato White hard C1, Yellow medium C2 e Red soft C3 per affrontare uno dei circuiti più esigenti per i pneumatici. Silverstone infatti presenta curve lunghe e veloci che impongono carichi molto elevati. Il tracciato inglese, che ha ospitato il primo gran premio nella storia della Formula 1, quasi 70 anni fa, è uno dei simboli del motorsport e un appuntamento da non perdere per gli appassionati.

Caratteristiche del tracciato

  • Le curve veloci sono sicuramente il tratto distintivo di Silverstone, e in particolare la sequenza Maggots-Becketts-Chapel, affrontata dai piloti al massimo e che impone quindi carichi continui sui pneumatici.
  • L'intero circuito è stato riasfaltato recentemente per rimuovere alcuni dossi e migliorare il drenaggio. Ciò potrebbe portare a un ulteriore abbassamento dei tempi sul giro, con l'attuale record in qualifica in 1'25"892s stabilito nel 2018 da Lewis Hamilton.
  • Silverstone enfatizza soprattutto i carichi laterali, rispetto a trazione e frenata, anche se sono presenti alcuni tratti più lenti e tecnici come l'Arena. Per questo motivo è necessario un set-up di compromesso tra le diverse componenti. È un circuito sul quale è possibile sorpassare, ma non così agilmente.
  • Il meteo britannico è sempre molto imprevedibile e nel weekend di gara può passare da sole a pioggia torrenziale, com'è avvenuto in passato.
  • Nel 2018, i team hanno utilizzato strategie a una e due soste, in una gara condizionata in modo inusuale dai due periodi di safety car. I piloti che si sono fermati due volte hanno sfruttato la seconda safety car per la sosta, come il vincitore Sebastian Vettel.

Mario Isola, responsabile car racing di Pirelli: "Il tracciato di Silverstone è stato riasfaltato recentemente e sarà molto interessante vedere quanto questo potrà influire sui tempi sul giro, rendendo questo circuito probabilmente ancora più veloce. Le tre mescole nominate sono le stesse del 2018 proprio per rispondere al meglio ai carichi laterali, tra i più elevati di tutta la stagione così come su altri circuiti quali Spa-Francorchamps e Suzuka".

"Il nuovo asfalto e il meteo imprevedibile saranno le due incognite principali di questo weekend. Per i Team sarà quindi ancora più importante del solito raccogliere il maggior numero di dati possibili nelle prove libere, in modo da definire al meglio la strategia di gara".

Altre notizie da Pirelli

  • Dopo il recente test in Austria con Alfa Romeo, martedì 16 e mercoledì 17 luglio Pirelli sarà impegnata a Silverstone per il test di sviluppo dei pneumatici da asciutto in ottica 2020, con Red Bull e Williams.
  • Primo appuntamento europeo nel 2019 per i Pirelli Hot Laps, dopo Cina e Canada.
  • La Bentley Continental GT guidata da Rhys Millen ed equipaggiata con pneumatici Pirelli P Zero ha stabilito il nuovo record per vetture di serie nella leggendaria gara in salita Pikes Peak che si è disputata lo scorso 30 giugno in Colorado.

Pressioni minime alla partenza

Anteriore: 24,0 psi
Posteriore: 21,0 psi

Camber massimo

Anteriore: -2,75°
Posteriore: -1.75°

Prossimo Articolo
Renault cerca Williams: solo per trovare spazi ai giovani piloti?

Articolo precedente

Renault cerca Williams: solo per trovare spazi ai giovani piloti?

Prossimo Articolo

Binotto: "Silverstone per noi pista difficile, però la SF90..."

Binotto: "Silverstone per noi pista difficile, però la SF90..."
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Gran Bretagna
Autore Giacomo Rauli
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie