Pirelli, Isola: "Al Mugello carta bianca ai team sulle strategie"

Sulla pista toscana, Pirelli porta le mescole più dure della gamma 2020. L'asfalto, rifatto l'ultima volta nel 2011, porterà a un degrado importante le gomme anche per la natura della pista.

Pirelli, Isola: "Al Mugello carta bianca ai team sulle strategie"

A pochi giorni dal termine del Gran Premio d'Italia a Monza, la Formula 1 approda per la prima volta nella sua storia al Mugello, per disputare il Gran Premio di Toscana Ferrari 1000. In quello che sarà il secondo evento dei tre previsti in Italia, Pirelli porterà le tre mescole più dure della sua gamma 2020, dunque le C1 (Hard), le C2 (Medium) e le C3 (Soft).

Perché Pirelli ha scelto queste mescole

  • Pirelli è title sponsor del primo Gran Premio di Toscana della storia, nel quale verranno celebrate le 1000 gare di Ferrari. Per il Mugello, Pirelli ha nominato le tre mescole più dure: C1, C2 e C3 quali White hard, Yellow medium e Red soft.
  • Questa nomination è la più adatta per affrontare sia le diverse caratteristiche e i rapidi settori del tracciato, sia le incognite del fine settimana: il Mugello, infatti, è al debutto assoluto nel calendario F1.
  • È molto probabile che le temperature siano particolarmente elevate, visto che la gara si disputa nella seconda settimana di settembre: un'altra ragione per scegliere le tre mescole più dure della gamma, quelle più adatte a sopportare il degrado termico. 

Caratteristiche della pista

  • Situato sulle colline toscane, il Mugello è caratterizzato da continui dislivelli e una sede stradale piuttosto stretto che presenta anche alcuni "dossi". È un circuito dai tratti "old-school", inaugurato nella sua configurazione attuale nel 1974 le cui radici risalgono al tracciato stradale del 1914.
  • Le 15 curve sono a media-alta velocità, senza vere e proprie chicane strette e brusche frenate, su un giro lungo 5,245 km.
  • Le due ‘Arrabbiate’ sono le curve più veloci dell’intero tracciato: con tutta probabilità le F1 attuali le percorreranno in pieno, a una velocità di 260 o 270 km/h.
  • È un tracciato piuttosto tecnico, con curve tutte diverse tra loro. Nelle Luco-Poggio Secco-Materassi a inizio giro è fondamentale mantenere la massima velocità nel punto di corda e una perfetta traiettoria, mentre le due Biondetti a fine giro creano quasi una chicane naturale dove è fondamentale l’uscita per rilanciarsi al meglio nel giro seguente.
  • L’asfalto è particolarmente aggressivo e impegnativo sui pneumatici. La pista è stata completamente riasfaltata per l’ultima volta nel 2011.
  • Il record non ufficiale del tracciato è di Rubens Barrichello (Ferrari) in 1m18.704s. Il Mugello non ha mai ospitato una gara di Formula 1, ma viene utilizzato frequentemente per sessioni di test ed è famoso per le gare di moto.
  • Per la prima volta in questa stagione, un numero limitatissimo di spettatori (meno di 3000) potrà assistere alle gare, in quello che è il secondo Gran Premio (su tre) in Italia.

Mario Isola, responsabile car racing di Pirelli: "L’ingresso del Mugello nel calendario F1 è una fantastica opportunità con un significato particolare per Pirelli. Proprio su questa pista abbiamo provato per la prima volta i pneumatici di Formula 1 nell’agosto 2010, due mesi prima dell’ufficializzazione del nostro ingresso come fornitore unico dal 2011".

"È un circuito spettacolare e molto veloce, decisamente impegnativo sui pneumatici: per questo motivo abbiamo nominato le tre mescole più dure della gamma. Come sempre per i nuovi circuiti, anche il Mugello rappresenta un po’ un’incognita per la maggior parte di piloti e Team, il che significa avere carta bianca per le strategie".

"Le prove libere saranno quindi cruciali per ottenere il maggior numero di dati possibili, e con tutta probabilità vedremo i Team dividere i propri programmi per acquisire quante più informazioni necessarie con tutte e tre le mescole. Dal nostro punto di vista, siamo stati in grado di prepararci al meglio grazie ai dati ottenuti dalle altre competizioni che hanno già corso su questa pista. Complimenti a Ferrari per aver raggiunto il prestigioso traguardo delle 1000 gare in Formula 1: solo uno dei tanti aspetti che rendono questo Team così iconico per il nostro sport, in una gara in cui siamo felici di essere title sponsor".

Pressioni minime alla partenza

Anteriore: 25.0 psi
Posteriore: 20,5 psi

Camber massimo

Anteriore: -3,00°
Posteriore: -2,00°

condivisioni
commenti
REPORT LIVE: commentiamo con voi F1, SBK e WRC

Articolo precedente

REPORT LIVE: commentiamo con voi F1, SBK e WRC

Prossimo Articolo

Gasly: "Penso di essere pronto a tornare in Red Bull"

Gasly: "Penso di essere pronto a tornare in Red Bull"
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021