Piola: "Ho conosciuto due Lauda diversi divisi dal rogo del Nurburgring"

condivisioni
commenti
Piola: "Ho conosciuto due Lauda diversi divisi dal rogo del Nurburgring"
Di:
21 mag 2019, 15:06

Giorgio Piola ha avuto una lunga frequentazione di Niki: "Il primo Lauda era un pilota dedito alle corse, alla conoscenza quasi maniacale della macchina. Il secondo è stato un campione di umanità e sincerità, miracolato da un brutto incidente che gli ha lasciato molta sofferenza".

Quella di Niki Lauda è una perdita gravissima per la Formula 1, anche se, purtroppo, la sua era una fine annunciata, visto quello che era successo nel drammatico incidente al Nurburgring nel 1976.

Perdiamo forse il più grande pilota di F1, perché se Niki avesse voluto continuare a correre avrebbe avuto le carte in regola per battere il record di titoli vinti che è detenuto da Michael Schumacher.

Considero Lauda un uomo nato due volte: la prima è stata quando è venuto al mondo come noi tutti. Quello era un pilota molto freddo, calcolatore, un po’ troppo robot. Forse ancora più di Schumacher.

Quel Niki era poco loquace e molto puntato sulla conoscenza della tecnica della sua monoposto e si concedeva molto poco ai giovani. Quando l’ho conosciuto scrivevo per la Gazzetta dello Sport: con i giornalisti si teneva abbastanza a distanza. Era disposto a parlare solo della sua macchina, diventava evasivo sul resto.

Il rogo del 1 agosto 1976 durante il GP di Germania, dove ero presente per la Gazzetta dello Sport con Pino Allievi, ha di fatto “ucciso” il Niki della prima vita. L’incidente ha fatto… risorgere un’altra persona caratterizzata da una grande forza di volontà e tenacia e con un grandissimo coraggio.

Quella di Lauda era stata una rinascita proprio perché aveva lottato contro la morte in ospedale, vincendo anche quella battaglia. Si può dire che Niki sia stato un miracolato: in teoria, pochi altri sarebbero stati capaci di superare il dolore e l’agonia della prima vita.

Mi è sembrato davvero un miracolato quando si è presentato a Monza per il GP d’Italia 1976: le prime immagini erano davvero raccapriccianti perché ogni volta che si toglieva il casco si vedeva il sottocasco inzuppato di sangue, segno di una grandissima sofferenza.

È facile immaginare cosa significasse guidare una monoposto in quelle condizioni: le lacerazioni della pelle si sono allargate per le vibrazioni e i carichi della macchina.

Niki è tornato a correre ed è tornato a vincere. Ha perso il titolo mondiale 1976 non per colpa sua, ma per quello che è successo al Fuji. E non è stata una pagina di storia bellissima anche per James Hunt che si era aggiudicato il titolo, perché quel mondiale spettava a Niki Lauda.

Solo un po’ alla volta ero arrivato a capire che avevo di fronte un altro Lauda, certamente diverso. Per un po’ di tempo ero rimasto al primo Niki e, quindi, mi rivolgevo a lui a monosillabi come era solito rispondere il pilota austriaco che conoscevo.

Quando lo incontravo spesso non lo salutavo perché lo vedevo immerso nei suoi pensieri. Una volta, all’epoca della Brabham, mi venne incontro Sante Ghedini, l’ex ferrarista che gli faceva da addetto stampa che mi disse: “Ma lo sai che Niki quando parla di te dice: ‘quell’italiano è bravo ma stronzo perché non saluta mai!’.

Ero rimasto al primo Lauda, non avevo ancora inteso di quanto fosse cambiato il secondo. Sto parlando di una persona che è diventata un gigante proprio dal punto di vista umano. Il primo Niki era un fantastico pilota campione del mondo, il secondo è stato un gigante di umanità. E di sincerità.

Ricordo un episodio: nel GP del Belgio 1982 fu escluso dalla classifica perché la sua McLaren fu trovata sotto peso. I piloti, di solito, quando vengono squalificati per un’irregolarità sulla monoposto si disperano sostenendo che il provvedimento non era giusto e che hanno rischiato la vita inutilmente.

Niki nell’intervista dopo la gara di Spa mi disse con il suo linguaggio fatto di monosillabi: “Mia squadra fatta da grandi str…, io fatto figura da stupido a correre con macchina irregolare”.

L’austriaco diceva sempre la verità anche quando era dura, non si nascondeva dietro alle scuse. Con Prost compagno di squadra alla McLaren era stato un esempio di lealtà e gli aveva mostrato la sua stima anche se il più giovane Alain lo aveva battuto.

E non nascose il grande disappunto quando a fine 1985 scoprì che non sarebbe potuto restare alla McLaren perché c’era Keke Rosberg che si era già assicurato il suo posto. Avrebbe proseguito a correre e, invece, preferì fermarsi.

L’ho apprezzato anche nel ruolo di manager: anche nel ruolo di direttore non esecutivo del team Mercedes non ha mai avuto peli sulla lingua, dicendo sempre quello che pensava.

L’ho avvicinato in modo confidenziale quando l’ho incontrato nella hall di un albergo dopo che Sebastian Vettel aveva vinto il GP d’Australia 2018 e mi confessò: “Vedi quando la Mercedes tedesca ha vinto con Nico Rosberg pilota tedesco, la televisione tedesca ha avuto un’audience di 3,8 milioni di spettatori, mentre il successo di Sebastian con la Ferrari ha raccolto 4,8 milioni di spettatori.

E poi mettendosi una mano sul petto aggiunse: “Io lavoro per la Mercedes e quindi tifo per le frecce d’argento, ma quando la Ferrari vince il mio cuore batte”. Aggiungendo subito dopo: “Tu questo però non lo scrivi, vero…”.

Insomma Niki diceva quello che pensava anche con i giornalisti: le sue dichiarazioni spesso hanno fatto scalpore perché la sua verità era sempre tagliente come una lama, ma anche molto profonda, che faceva riflettere”.

Scorrimento
Lista

Niki Lauda, Ferrari 312T2

Niki Lauda, Ferrari 312T2
1/34

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Niki Lauda, Ferrari e James Hunt, McLaren

Niki Lauda, Ferrari e James Hunt, McLaren
2/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Niki Lauda, Ferrari 312T

Niki Lauda, Ferrari 312T
3/34

Foto di: LAT Images

Enzo Ferrari con Niki Lauda, Ferrari

Enzo Ferrari con Niki Lauda, Ferrari
4/34

Foto di: Ercole Colombo

Zolder 1976, Niki Lauda, Ferrari 312 T2

Zolder 1976, Niki Lauda, Ferrari 312 T2
5/34

Foto di: Ercole Colombo

Niki Lauda, Ferrari 312B3

Niki Lauda, Ferrari 312B3
6/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia nel parco chiuso con Niki Lauda, Presidente non-esecutivo Mercedes AMG F1

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia nel parco chiuso con Niki Lauda, Presidente non-esecutivo Mercedes AMG F1
7/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Niki Lauda, Mercedes AMG F1 Non-Executive Chairman and Chase Carey, Chief Executive Officer and Executive Chairman of the Formula One Group

Niki Lauda, Mercedes AMG F1 Non-Executive Chairman and Chase Carey, Chief Executive Officer and Executive Chairman of the Formula One Group
8/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Niki Lauda, Ferrari 312T

Niki Lauda, Ferrari 312T
9/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Niki Lauda, Mercedes AMG F1 Non-Executive Chairman, Gerhard Berger, and Bernie Ecclestone

Niki Lauda, Mercedes AMG F1 Non-Executive Chairman, Gerhard Berger, and Bernie Ecclestone
10/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Niki Lauda, Non-Executive Chairman, Mercedes AMG F1, embraces Race winner Lewis Hamilton, Mercedes A

Niki Lauda, Non-Executive Chairman, Mercedes AMG F1, embraces Race winner Lewis Hamilton, Mercedes A
11/34

Foto di: Sam Bloxham / LAT Images

Niki Lauda, Brabham BT46 Alfa Romeo

Niki Lauda, Brabham BT46 Alfa Romeo
12/34

Foto di: LAT Images

John Watson e Niki Lauda, Brabham

John Watson e Niki Lauda, Brabham
13/34

Foto di: LAT Images

Sergio Marchionne, CEO FIAT e Niki Lauda, Presidente Non-Esecutivo Mercedes AMG F1 W08

Sergio Marchionne, CEO FIAT e Niki Lauda, Presidente Non-Esecutivo Mercedes AMG F1 W08
14/34

Foto di: Sutton Motorsport Images

Niki Lauda, March 721X Ford, looks in his mirror to see Jacky Ickx, Ferrari 312B2, behind him

Niki Lauda, March 721X Ford, looks in his mirror to see Jacky Ickx, Ferrari 312B2, behind him
15/34

Foto di: LAT Images

Niki Lauda, Brabham BT46B

Niki Lauda, Brabham BT46B
16/34

Foto di: LAT Images

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman with Dr. Helmut Marko, Red Bull Motorsport Consultant and Charlie Whiting, FIA Delegate

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman with Dr. Helmut Marko, Red Bull Motorsport Consultant and Charlie Whiting, FIA Delegate
17/34

Foto di: XPB Images

(L to R): Dr Helmut Marko, Red Bull Motorsport Consultant with Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Ch

(L to R): Dr Helmut Marko, Red Bull Motorsport Consultant with Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Ch
18/34

Foto di: XPB Images

Ron Dennis, McLaren-Ford Cosworth, with his drivers Niki Lauda (left) and John Watson

Ron Dennis, McLaren-Ford Cosworth, with his drivers Niki Lauda (left) and John Watson
19/34

Foto di: LAT Images

Niki Lauda, BRM

Niki Lauda, BRM
20/34

Foto di: LAT Images

Luca Cordero di Montezemolo, Niki Lauda e Clay Regazzoni

Luca Cordero di Montezemolo, Niki Lauda e Clay Regazzoni
21/34

Foto di: Gianni Vescovi

Niki Lauda, McLaren with Bernie Ecclestone and John Barnard, McLaren designer

Niki Lauda, McLaren with Bernie Ecclestone and John Barnard, McLaren designer
22/34

Foto di: LAT Images

Niki Lauda, McLaren MP4/2B TAG Porsche

Niki Lauda, McLaren MP4/2B TAG Porsche
23/34

Foto di: LAT Images

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman on the grid with Emma Bunton, Singer (Left) and Geri Halliwell, Singer (Right)

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman on the grid with Emma Bunton, Singer (Left) and Geri Halliwell, Singer (Right)
24/34

Foto di: XPB Images

1984 McLaren MP4-2/2 guidata da Niki Lauda

1984 McLaren MP4-2/2 guidata da Niki Lauda
25/34

Foto di: Motor1

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman
26/34

Foto di: XPB Images

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman takes his cap off

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman takes his cap off
27/34

Foto di: Getty Images

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman
28/34

Foto di: XPB Images

(L to R): Ron Dennis, McLaren Executive Chairman with Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman on

(L to R): Ron Dennis, McLaren Executive Chairman with Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman on
29/34

Foto di: XPB Images

(Da sinistra a destra): il casco di Felipe Nasr, Sauber F1 Team e Niki Lauda, Mercedes Presidente n

(Da sinistra a destra): il casco di Felipe Nasr, Sauber F1 Team e Niki Lauda, Mercedes Presidente n
30/34

Foto di: XPB Images

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman and Maurizio Arrivabene, Ferrari Team Principal

Niki Lauda, Mercedes Non-Executive Chairman and Maurizio Arrivabene, Ferrari Team Principal
31/34

Foto di: XPB Images

Niki Lauda, Presidente Non Esecutivo Mercedes nella McLaren MP4/2 alla Parata delle Leggende

Niki Lauda, Presidente Non Esecutivo Mercedes nella McLaren MP4/2 alla Parata delle Leggende
32/34

Foto di: XPB Images

Niki Lauda, Presidente Non Esecutivo Mercedes su un trattore

Niki Lauda, Presidente Non Esecutivo Mercedes su un trattore
33/34

Foto di: XPB Images

Alain Prost e Niki Lauda, Presidente Non Esecutivo Mercedes alla Parata delle Leggende

Alain Prost e Niki Lauda, Presidente Non Esecutivo Mercedes alla Parata delle Leggende
34/34

Foto di: XPB Images

Prossimo Articolo
Ferrari, Binotto ricorda Lauda: "Per me Niki era un cavaliere senza paura"

Articolo precedente

Ferrari, Binotto ricorda Lauda: "Per me Niki era un cavaliere senza paura"

Prossimo Articolo

Rio de Janeiro rivela il layout del nuovo tracciato per la Formula 1

Rio de Janeiro rivela il layout del nuovo tracciato per la Formula 1
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Niki Lauda
Autore Giorgio Piola
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie