Piero Ferrari: "Vorrei vedere la Rossa correre a Indianapolis"

Piero Ferrari festeggia domani 75 anni e a La Gazzetta dello Sport racconta i suoi inizi a Maranello, ma anche i suoi sogni: "Mi piacerebbe vedere la Rossa a Indianapolis".

Piero Ferrari: "Vorrei vedere la Rossa correre a Indianapolis"

Con la Formula 1 ferma, c'è comunque un Ferrari che taglia un traguardo importante. Si tratta di Piero Ferrari, figlio di Enzo, che domani 22 maggio 2020 compirà 75 anni.

"Un numero che non vorrei più festeggiare", ha ammesso Piero, che in vista del suo compleanno ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport.

"Festeggerò con una una cena con famiglia e nipoti. Che regali mi piacerebbe ricevere? Dalla F1 niente, perché non si sa nemmeno se correrà. Avevo ordinato una macchina, ma non sarà prodotta. Quindi... aspetto Natale".

Rimanendo in argomento regali, Piero ha sottolineato come il 10% della Ross sia stato quello pù significativo ricevuto da papà Enzo: "E' stato quello, anche se avrei preferito un'auto! Me ne ha regalate tante. Se gli chiedevo ad esempio un quadro che costava un milione di lire, mi diceva: 'come, un milione?'. Però se c'era da sborsarne uno e mezzo per una macchina non diceva niente".

A 16 anni il suo primo, vero approccio con la Ferrari intesa come impresa: "Ci entrai a 16 anni. Una sera mio padre mi portò a cena e poi mi disse: 'Devo passare in ufficio un momento, vieni con me'. Feci un giro dei reparti. Me la ricordo ancora bene, era un venerdì sera. Eravamo io, lui e un sorvegliante".

Piero racconta anche quando, e soprattutto come, entrò a lavorre in Ferrari. Avvenne nel 1965: "Era appena morta mia nonna e tra le sue volontà c'era che lavorassi a Maranello. E per papà quello che diceva sua madre era come un ordine".

Passando a parlare in Formula 1, ma sempre in ottica Ferrari, Piero ha fatto due nomi importanti. Ovvero quello del pilota e dell'ingegnere a cui è stato più affezionato.

"Jody Scheckter. Una persona molto intelligente. E' stato un grande pilota, ha vinto un mondiale e poi ha deciso di cambiare vita e ha avuto successo anche come imprenditore. Veniva descritto come un orso, invece aveva un grande senso dell'umorismo. Per quanto riguarda il tecnico, purtroppo non c'è più: Harvey Postlethwaite. Fu il primo dei tecnici inglesi ad approdare a Maranello. Se poi pensiamo a chi ha lasciato l'impronta più importante, Mauro Forghieri".

Interessante infine il pensiero di Piero su un possibile coinvolgimento della Ferrari in altri campionati del motorsport una volta introdotto il budget cap in F1.

"Indianapolis mi piace. Ho avuto il piacere di esserci con Giampaolo Dallara il giorno in cui ha colto la prima vittoria alla 500 Miglia. La Ferrari c'era stata con Ascari... Poi negli anni 80 costruimmo una F.Indy per dare un segnale a FIA e FOCA, ma non fece mai un km. Sotto sotto credo che a mio padre avrebbe fatto piacere vincere là".

condivisioni
commenti
Ferrari: riapre la Gestione Sportiva, inizia la rincorsa
Articolo precedente

Ferrari: riapre la Gestione Sportiva, inizia la rincorsa

Prossimo Articolo

F1, Charles Leclerc diventa attore per un corto di Lelouch

F1, Charles Leclerc diventa attore per un corto di Lelouch
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021