Perez conferma: "Lotta serrata con McLaren, Renault e... Ferrari"

Il messicano della Racing Point svela dove il team dovrà lavorare per migliorare la RP20, ma anche quali sono le aspettative per il prossimo GP di Stiria che si correrà domenica.

Perez conferma: "Lotta serrata con McLaren, Renault e... Ferrari"

Nel primo GP del Mondiale 2020 di F1 ci si attendeva molto dalla Racing Point, ma in gara le cose non sono andate nel verso giusto e sul podio, oltre al vincitore Bottas, sono finiti Charles Leclerc con la Ferrari e Lando Norris con la McLaren.

A qualche giorno dal GP d'Austria, i team di F1 tornano al Red Bull Ring per disputare il GP di Stiria, secondo appuntamento della stagione in cui il team di Silverstone cercherà di sistemare le cose che non hanno funzionato. L'obiettivo è quello di lottare per il podio, perché la RP20, sia sul passo gara che sul giro secco, si è dimostrata una vettura con il potenziale adeguato per poter raggiungere questo obiettivo.

"E' stato davvero bello lottare per le posizioni davanti, essere nel gruppo di Ferrari e McLaren", ha dichiarato Sergio Perez. "Abbiamo mostrato di avere un buon passo. Siamo stati competitivi in Qualifica, ma in gara siamo stati sfortunati e abbiamo sbagliato la strategia in gara. Abbiamo perso un potenziale podio. Mi aspetto in questo fine settimana di avere una lotta tra noi e le McLaren. Sarà molto interessante anche confrontarci nei prossimi circuiti".

Perez conferma quanto abbiamo potuto vedere la scorsa settimana. Le Racing Point dovranno vedersela per il podio con le McLaren, ma anche con le Renault e - inaspettatamente - con le Ferrari. Fino a poco prima della partenza del GP di domenica scorsa, le monoposto rosa erano le favorite per ambire alla terza posizione e insidiare la Red Bull di Max Verstappen.

"Siamo molto vicini alla McLaren. Lo scorso anno erano più forti di noi in Qualifica, mentre quest'anno siamo al loro livello. In gara le ho superate, ma la lotta tra noi è molto serrata, tanto che poi loro mi hanno superato. Ma non sarà una lotta solo con loro, bensì anche con le Renault e con le Ferrari. Sarà una lotta estremamente serrata, con i margini che saranno minimi. Dovremo essere bravi a sfruttare bene il nostro pacchetto per cercare di avere la meglio sugli avversari".

Molto interessanti inoltre le parole del messicano sui punti deboli della RP20. Ma anche quelle relative alle speranze di sviluppi che il team porterà più aanti nella stagione e che sono già stati programmati da tempo.

"Il punto debole della RP20 è come si esprime nelle curve a bassa e media velocità. E' lì dove dobbiamo migliorare di più. Penso che la velocità di punta sia buona. Speriamo di avere ancora margini di miglioramento. Conosciamo poco questa vettura, per cui questo fine settimana sarà un altro buon test per noi".

"Abbiamo già pensato a idee da provare durante il fine settimana per vedere quanto potremo progredire rispetto agli avversari, perché tutti i team troveranno soluzioni per andare più forte rispetto alla settimana passata. Nessuno 7 giorni fa ha massimizzato il proprio potenziale a livello di pacchetto vettura".

"Non ho mai avuto un'opportunità così per essere vicino ai primi, per poter lottare con i migliori sin dalla prima gara della stagione. Spero che il primo podio possa arrivare presto. Qualora potessimo fare un paio di podi in stagione, sarebbe buono".

condivisioni
commenti
Russell: "Il mio futuro dipende da Claire Williams"

Articolo precedente

Russell: "Il mio futuro dipende da Claire Williams"

Prossimo Articolo

F1: in Stiria AlphaTauri porta novità. Le proverà prima Kvyat

F1: in Stiria AlphaTauri porta novità. Le proverà prima Kvyat
Carica commenti
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021