F1, perdite record nel 2020: 386 milioni di dollari!

La Formula 1 ha registrato delle perdite enormi nel 2020, con la pandemia del COVID-19 che ha avuto un forte impatto sul calendario e le gare che si sono disputate senza spettatori.

F1, perdite record nel 2020: 386 milioni di dollari!

I risultati finanziari di Liberty Media per l'ultimo anno, che sono stati divulgati oggi, rivelano che il reddito della F1 è crollato del 44%, per una perdita totale di 386 milioni di dollari rispetto all'anno precedente.

Le entrate complessive sono crollate da 2022 milioni di dollari nel 2019 a 1145 milioni di dollari nella scorsa stagione, mentre il modesto profitto di 17 milioni di dollari del 2019 si è trasformato in una perdita operativa di 386 milioni di dollari dopo che le squadre sono state pagate.

I pagamenti fatti alle 10 squadre sono scesi dai 1012 milioni di dollari del 2019 a soli 711 milioni di dollari del 2020.

Liberty ha spiegato: "I pagamenti ai team sono diminuiti nell'intero anno, guidati dalla contrazione dei ricavi della F1 e dall'impatto associato al calcolo degli elementi variabili".

"I pagamanti ai team nel 2020 includevano commissioni una tantum pagate ai team alla firma del Patto della Concordia 2021".

L'enorme caduta delle tasse di promozione delle gare ha avuto un riflesso nel calo della loro quota percentuale nelle entrate economiche della F1, scesa dal 30% del 2019 ad appena il 12% dell'anno scorso. La maggior parte delle gare, infatti, non ha pagato alcuna tassa, o una cifra inferiore rinegoziata una tantum.

Per spiegare questo calo, Liberty ha osservato: "Le entrate legate alla promozione delle gare sono diminuite, poiché l'accesso al pubblico è stato vietato in tutte le gare tranne tre. Questo ha portato a delle modifiche una tantum dei termini contrattuali delle gare originariamente previste che sono rimaste nel calendario del 2020, ma anche ad entrate limitate generate dalle gare sostitutive che sono state aggiunte".

I ricavi delle trasmissioni televisive hanno rappresentato una percentuale maggiore del totale delle entrate primare, passando dal 38% al 55%.

Anche se il superamente del minimo di 15 gare ha garantito che la maggior parte delle emittenti pagasse l'intero importo contrattato per la stagione, Liberty ha ammesso che in alcuni casi c'è stata una riduzione dei pagamenti.

"Le entrate televisive sono diminuite in quanto il programma alterato ha innescato tasse più basse in base ai termini contrattuali di alcuni accordi, così come altre trattative una tantum che hanno avuto luogo nel 2020".

Sono aumentate leggermente anche le quote delle entrate pubblicitarie e legate alle sponsorizzazioni, passando dal 15% al 17%, anche se alcune entrate sono venute meno, come quelle legate ai title sponsor delle gare che non sono state disputate.

Liberty ha spiegato: "Le commissioni pubblicitarie e di sponsorizzazione sono diminuite a causa dei cambiamenti una tantum nei contratti di sponsorizzazione, ma anche a causa della cancellazione di alcune gare".

Se i ricavi sono diminuiti, hanno fatto la stessa cosa anche i costi della Formula 1, anche grazie ad un calendario più breve e disputato praticamente per intero in Europa.

"I costi sono diminuiti nel quarto trimestre e nell'intero anno a causa dei minori costi di trasporto, derivanti da un minor numero di gare, logisticamente più economiche".

condivisioni
commenti
I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Articolo precedente

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Prossimo Articolo

Sainz: "In McLaren ho capito che si può crescere in fretta"

Sainz: "In McLaren ho capito che si può crescere in fretta"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Adam Cooper
F1 Stories: Monte Carlo, il gioiello della Formula 1 Prime

F1 Stories: Monte Carlo, il gioiello della Formula 1

Monaco è un gioiello in cui è incastonata la storia della Formula 1. Andiamo a rivivere le edizioni più belle della corsa più glamour che il mondiale abbia mai avuto...

Piola: "Monte Carlo, toboga che si prepara in modo unico" Prime

Piola: "Monte Carlo, toboga che si prepara in modo unico"

A meno di sette giorni dal Gran Premio di Monaco di Formula 1, Giorgio Piola e Franco Nugnes ci parlano delle novità tecniche che le scuderie erano solite realizzare per l'appuntamento nel Principato. E sulla flessione delle ali attuali scopriamo che...

Formula 1
16 mag 2021
Hamilton vs Verstappen: fino a quando il duello resterà pulito? Prime

Hamilton vs Verstappen: fino a quando il duello resterà pulito?

Nelle prime quattro gare della stagione Hamilton e Verstappen hanno regalato intense lotte ruota a ruota, senza mai arrivare allo scontro. Questa pace armata durerà quando si arriverà al momento clou della stagione?

Formula 1
15 mag 2021
Mick Schumacher: dopo 4 gare se la gioca già con la Williams Prime

Mick Schumacher: dopo 4 gare se la gioca già con la Williams

Il tedesco della Haas in queste prime quattro gare ha mostrato progressi evidenti e dopo aver annientato il suo compagno di team Mazepin è già riuscito a mettere sotto pressione in più di una occasione Latifi.

Formula 1
15 mag 2021
Tsunoda: il super esordio in F1 è un'arma a doppio taglio Prime

Tsunoda: il super esordio in F1 è un'arma a doppio taglio

I primi punti all'esordio in F1, a Sakhir, poi ecco le prime difficoltà. Analizziamo motivi e perché del momento duro che sta attraversando il promettente giapponese dell'AlphaTauri dopo un avvio di stagione folgorante.

Formula 1
14 mag 2021
Chinchero racconta Max Verstappen - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Max Verstappen - It's a long way to the top

14esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Max Verstappen. Buon ascolto!

Formula 1
13 mag 2021
F1 Stories: il GP di Spagna 2021 Prime

F1 Stories: il GP di Spagna 2021

Andiamo a ripercorrere tutte le emozioni che ci ha offerto il Gran Premio di Spagna di Formula 1

Formula 1
13 mag 2021
Bottas: come finire in un... buco nero Prime

Bottas: come finire in un... buco nero

Il finlandese sta vivendo una stagione in Mercedes molto diversa da quelle precedenti: sa di non essere in lizza per un rinnovo del contratto (il suo posto è promesso a Russell), non deve puntare a traguardi troppo ambiziosi altrimenti toglie punti a Hamilton nel duello con Verstappen, ma non può nemmeno tirare i remi in barca perché rischia di essere sostituito. Eppure sarà l'uomo determinante per conquistat dell'ottavo titolo Costruttori.

Formula 1
12 mag 2021