Perché Vettel s'informa sul contratto di Rosberg in Mercedes?

Sebastian Vettel ha un contratto pluriennale con la Ferrari e non ha alcuna intenzione di lasciare Maranello, ma il tedesco vuole avere un'alternativa per il 2018 se le cose non dovessero cambiare al Reparto Corse l'anno prossimo...

Non c’è solo Sergio Marchionne nervoso. Oltre al presidente della Ferrari che ha deciso di prendere in mano le redini del Reparto Corse (ma non ha affatto sfiduciato Maurizio Arrivabene, come si sta dicendo in giro da giorni...), ora si registra anche l’insofferenza di Sebastian Vettel.

Il campione tedesco, dopo il promettente 2015 che gli era valso tre successi con la SF15-T nella stagione del debutto con la Rossa, si aspettava di lottare per il mondiale in questo campionato e, invece, si trova ancora a bocca asciutta dopo dieci GP.

Le circostanze sfortunate sicuramente hanno giocato contro il tedesco, ma Sebastian non si sarebbe mai aspettato di essere solo quinto nel mondiale piloti, surclassato anche dal compagno di squadra, Kimi Raikkonen che è terzo dietro alle due frecce d’argento di Lewis Hamilton e Nico Rosberg.

La cosa, invece, non deve sorprendere se si considera che Vettel non è partito in Bahrain per il problema nel giro di ricognizione e ha pagato 3 penalità di 5 posizioni a causa del cambio (Sochi, Spielberg, Silverstone). Ce n’è abbastanza per far perdere la pazienza anche a un monaco buddista…

Seb ha un contratto che lo lega al Cavallino, ma pare preoccupato per il suo futuro e teme che se non ci sarà un riscatto Rosso a breve, il tedesco potrebbe rischiare una “alonsizzazione” dopo che la squadra è stata plasmata intorno al quattro volte campione del mondo.

E proprio per questo si sarebbe informato con Toto Wolff, attraverso un comune amico, su quali sono le effettive condizioni contrattuali di Nico Rosberg. Sia ben chiaro: non c’è nessun tradimento verso la causa ferrarista, ma solo la verifica che ci possa essere una porta aperta alternativa, qualora la china presa della Ferrari non dovesse avere un’inversione di tendenza.

Chiacchiere? Quasi sicuramente sì, ma l’approccio non sarebbe finalizzato al 2017, quanto piuttosto alla stagione successiva. E la cosa piacerebbe molto anche a Niki Lauda, visto che di solito i due austriaci hanno visioni piuttosto diverse…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Circuito Hungaroring
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie