Brown provoca: "F1 senza Ferrari? Peccato, ma si va avanti"

Il CEO della McLaren ha male interpretato le parole di Mattia Binotto al Guardian, ma ritiene che sia più giusto salvare il grosso dello schieramento e perdere la Ferrari piuttosto che il contrario. E' evidente che si tratta di una provocazione a difesa del team di Woking in crisi.

Brown provoca: "F1 senza Ferrari? Peccato, ma si va avanti"

Poche ore fa la Ferrari, tramite le parole del proprio team principal Mattia Binotto, ha affermato che la Ferrari potrebbe valutare programmi alternativi alla Formula 1 per cogliere altre sfide nel motorsport qualora il tetto massimo del budget cap, che entrerà in vigore dalla prossima stagione, dovesse scendere a 145 milioni di dollari, ossia un livello ancora più basso di quello concordato lo scorso giugno.

Non si è fatta attendere la replica di Zak Brown, amministratore delegato della McLaren, il quale ha sottolineato di essere sorpreso dalla reazione della Ferrari in un momento in cui la crisi economica generata dalla pandemia da COVID-19 sta mettendo a rischio il futuro della F1.

"Siamo in una situazione difficile, se la F1 seguirà le vecchie abitudini, saremo tutti a rischio estremo, noi e il futuro della F1", ha detto Brown ai media nazionali tra cui Motorsport.com in una conference call.

"E penso che se pensiamo al futuro, non solo potremo sopravvivere a ciò che sta accadendo, ma alla fine penso che lo sport potrà prosperare e tutti vinceremo. Sono per un dibattito salutare. Ma penso che i commenti che sono stati fatti nelle ultime ore si contraddicano e non riflettano accuratamente ciò che si pensa in realtà".

Brown ha fatto sapere che, a suo avviso, sia assurdo pensare che la F1 possa smettere di essere considerato il vertice del motorsport se il limite del budget cap verrà ridotto ulteriormente...
"Non ci sono tante squadre che generano profitti. Non credo che le persone coinvolte in F1 siano nel Circus per generare profitti: penso che siano lì per promuovere i valori del franchising. Ogni squadra ha diversi motivi per cui è in F1. Tutti vogliamo dare valore ad altre attività, sia nel settore delle auto stradali che, ad esempio, in quello delle bevande".

Brown ha sottolineato ulteriormente come, a suo avviso, le parole di Binotto abbiano poco senso allo stato attuale:
"Penso che sia indubbio il fatto che, nei tempi moderni, stiamo attraversando la più grande crisi che il mondo abbia mai visto. Ci sono dei paesi completamente chiusi, bloccati. Non affrontare ciò che sta succedendo penso sia un errore, sarebbe come vivere nella negazione".

"Penso che si possano trovare in tutto il mondo presidenti, primi ministri, amministratori delegati con fretta di affrontare questo problema e farlo a testa alta".

L'attenzione si è poi spostata sul possibile ritorno alle monoposto clienti, un concetto già visto negli anni 70. Brown, senza mezzi termini, ha declinato questa idea e ha spiegato le proprie ragioni...
"L'ultima volta che ci sono state le monoposto clienti eravamo negli anni 70, credo. Quindi, per la F1, un campionato che si basa sull'essere Costruttore, non vedo come questa soluzione potenziale possa essere coerente con i commenti che sono stati fatti a riguardo. Specialmente se vogliamo che la F1 sia il Mondiale dei Costruttori e dell'evoluzione tecnologica. Sembra una soluzione di 40 anni fa!".

La soluzione dell'ulteriore abbassamento del budget cap sembra interessare alla maggior parte delle squadre di F1 ma non sui top team. Per questo Brown fa leva su questa idea:
"Alla fine questa cosa è sostenuta da FIA e dalla F1. Ma non credo che possa esserci allineamento totale".

Brown non crede che la Ferrari possa uscire realmente dalla F1 e non vorrebbe che ciò accadesse, eppure sottolinea come la F1 non avrebbe grossi problemi a proseguire senza il team del Cavallino Rampante...
"Non vorrei vedere la Ferrari uscire dalla F1. Mi dispiacerebbe che qualcuno abbandonasse questo sport ed è una cosa che non vogliamo che accada. Detto questo, penso che la F1 possa sopravvivere anche con 18 monoposto in griglia. E penso che ci siano altri Costruttori che possano coprire gli slot liberi se la Ferrari decidesse di lasciare".

"Penso che se il limite del budget cap rimanesse alto, potremmo vedere team che lasciano e potrebbero essere più di 1. La F1 non sopravviverebbe con una griglia limitata a 14 monoposto".

"Penso che 16 monoposto in griglia sia il limite, mentre 18 possa andare. La F1 può sopravvivere senza la Ferrari, ma preferirei che rimanessero. Penso che la F1 sia molto meglio con la Ferrari che senza".

La pace in F1 al tempo del Coronavirus è finita, adesso cominciamo a rivedere i veri volti dei protagonisti...

condivisioni
commenti
Ferrari: c'è già un piano Hypercar ufficiale nella Scuderia!

Articolo precedente

Ferrari: c'è già un piano Hypercar ufficiale nella Scuderia!

Prossimo Articolo

Szafnauer: "In Australia si poteva correre in sicurezza"

Szafnauer: "In Australia si poteva correre in sicurezza"
Carica commenti
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021
Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti" Prime

Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti"

Seconda intervista esclusiva in compagnia di Gilles Simon. In questa lunga chiaccerata in compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, l'ingegnere francese ci parla dei suoi trascorsi in Honda accompagnando il costruttore nipponico nei suoi primi anni in Formula 1 nell'era ibrida, per poi andare in FIA in qualità di advisor

Formula 1
14 giu 2021
F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario Prime

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

Cos'hanno in comune la corsa più antica della storia automobilistica e la Scuderia più leggendaria di sempre? Un filo conduttore glorioso fatto di 17 vittorie. Andiamo a scoprire insieme alcune delle imprese memorabili compiute dalla Scuderia Ferrari al Gran Premio di Francia.

Formula 1
13 giu 2021
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Formula 1
12 giu 2021
Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021