Haug nega i motori Mercedes alla Red Bull Racing

Haug nega i motori Mercedes alla Red Bull Racing

Si era sparsa la voce che i V8 tedeschi della Force India sarebbero andati a Milton Keynes

Ci risiamo: la Red Bull Racing ambisce ad avere i motori Mercedes, giudicati da Adrian Newey (e non solo da lui) i migliori del lotto, mentre la McLaren che ha ancora un contratto di fornitura che la lega ai tedeschi, può fare valere il suo diritto di veto: gli uomini di Woking possono far valere una clausola secondo la quale la Stella a tre punte non può fornire un top team senza il consenso di Martin Whitmarsh. Ieri il paddock era in subbuglio perché si era sparsa la voce secondo la quale nel 2011 la Red Bull Racing avrebbe ripudiato i motori Renault per passare al V8 Mercedes, mentre la Force India che invece vanta ancora un accordo valido per il 2012, avrebbe ereditato i propulsori francesi. A scatenare questo tam tam ci sarebbero state le chiacchiere di mancati pagamenti, o comunque di termini non rispettati, da parte della Force India (è risaputo che Mallya, pur essenso ricchissimo, ha tempi e modi di pagamento alquanto laschi). La Red Bull Racing, per contro, sono due anni che cerca di mettere le mani sui motori tedeschi perché considera i Renault meno potenti dei Mercedes. La questione torna puntualmente a galla ogni volta che le Rb6, per una ragione o l'altra non sono al top della competitività, e Spa è l'ennesima conferma di questa tendenza. Norbert Haug ha spazzato via tutte le speculazioni: il responsabile dell'attività sportiva Mercedes ha smentito qualsiasi cambiamento, puntando, invece, sullo status quo. E pare che a far rientrare una manovra che era in atto non sia stato solo il duro veto della McLaren: anche Ross Brawn avrebbe storto la faccia all'idea di fornire con i migliori propulsori del lotto la squadra che sembra più temibile per la competitività delle sue monoposto.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag record