Nico Rosberg non nega di essere deluso del secondo posto

condivisioni
commenti
Nico Rosberg non nega di essere deluso del secondo posto
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
14 mag 2016, 15:12

Visto l'andamento delle prove libere, il tedesco pensava che la pole position fosse alla sua portata. Tuttavia, la gara di domani potrebbe avere delle incognite a livello di strategia, quindi il pilota della Mercedes vede ancora tutto aperto.

(Da Sx a Dx): Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 e il compagno di squadra Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
2° posto in qualifica per Nico Rosberg, Mercedes AMG Petronas F1 W07
(Da Sx a Dx): Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 e il compagno di squadra Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid

Fino a questa mattina Nico Rosberg sembrava il grande favorito per la pole position del GP di Spagna, ma in qualifica il leader del Mondiale si è dovuto inchinare ad un Lewis Hamilton superlativo, che a tempo scaduto ha sfoderato un gran giro al quale non ha avuto modo di replicare.

In conferenza stampa, dunque, il pilota della Mercedes non ha negato di essere almeno un pizzico deluso per essersi dovuto "accontentare" del secondo posto in griglia.

"Si, sono un po' deluso per aver chiuso secondo, soprattutto se guardo a come era andata fino a quel momento. Lewis però è riuscito ad essere più veloce di me in qualifica, ma fortunatamente è la gara che conta" ha detto Nico.

Il figlio d'arte però non ha la minima intenzione di darsi per vinto: "Domani credo che ci saranno delle opportunità, per esempio la partenza. Credo però che anche dal punto di vista strategico non sarà una gara semplice quella di domani, quindi proverò a cogliere ogni occasione se si presenterà".

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: i due piloti difendono il capo Arrivabene

Articolo precedente

Ferrari: i due piloti difendono il capo Arrivabene

Prossimo Articolo

15 maggio 1986, trent’anni fa ci lasciava Elio De Angelis

15 maggio 1986, trent’anni fa ci lasciava Elio De Angelis
Carica commenti