Newey dopo la barca di Coppa America si concentra sulla F.1 2017

condivisioni
commenti
Newey dopo la barca di Coppa America si concentra sulla F.1 2017
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
26 mar 2016, 09:35

Adrian Newey non si occupa più a tempo pieno di F.1: dopo aver progettato il catamarano di Ben Ainslie, curerà l'Hypercar dell'Aston Martin, ma la sua attenzione è focalizzata alla Red Bull del 2017 che nascerà con i nuovi regolamenti.

Adrian Newey, Red Bull Racing Chief Technical Officer and Christian Horner, Red Bull Racing Team Principal
Adrian Newey, Red Bull Racing Chief Technical Officer
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Adrian Newey, Red Bull Racing Chief Technical Officer
Logo Aston Martin sulla Red Bull Racing RB12

Quale sarà il futuro di Adrian Newey nella galassia della Red Bull? Il geniale progettista inglese non si occupa più a tempo pieno di Formula 1: oltre a curare la nascita della RB12 quarta in Australia, ha dedicato metà del suo tempo ad altri progetti come il catamarano per la Coppa America di Ben Ainslie. La barca è arrivata a compimento per cui Adrian cerca nuovi sbocchi alla sua fantasia...

Ora è stato coinvolto nel disegno dell'Aston Martin, l'Hypercar che dovrà nascere dalla collaborazione fra il team di Milton Keynes e il prestigioso marchio britannico, ma non è affatto un mistero che Adrian sia intrigato a seguire con attenzione la monoposto del 2017 che nascerà intorno ai nuovi regolamenti.

"Adrian dividerà il suo tempo proprio come l'anno scorso: 50% per la Formula 1 - ammette Christian Horner - , e 50% per gli altri progetti, ma ora che i regolamenti per il 2017 sono incardinati è molto interessato alla macchina del prossimo anno". 

"E' bello poter contare su di lui: Adrian si aggiunge ad uno staff tecnico di alto livello che vuole tornare ad affermarsi".

Auto, monoposto e barche

Horner non ha escluso che Newey possa farsi coinvolgere in ulteriori progetti di auto stradali in futuro, ora che la partnership con l'Aston Martin è stata avviata...
"Adrian ha già abbastanza carne al fuoco per i prossimi due anni, dovendo curare la nuova vettura dell'Aston Martin. Vedremo, la collaborazione potrebbe estendersi e non fermarsi solo ad un veicolo. "

Prossimo articolo Formula 1
Aldo Costa: "Quando lasciai l'Abarth per andare alla Minardi"

Articolo precedente

Aldo Costa: "Quando lasciai l'Abarth per andare alla Minardi"

Prossimo Articolo

Force India: la lotta per il terzo posto in classifica sarà serrata

Force India: la lotta per il terzo posto in classifica sarà serrata
Carica commenti