Motori Mercedes-Ferrari: Bottas indiziato per il passaggio all'evo 3. E gli altri aspettano Monza?

condivisioni
commenti
Motori Mercedes-Ferrari: Bottas indiziato per il passaggio all'evo 3. E gli altri aspettano Monza?
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
22 ago 2018, 17:23

Il finlandese potrebbe pagare a Spa la penalità del motore 4 in versione evo 3 perché quella belga è una pista che favorisce le rimonte. Hamilton e i due ferraristi, Vettel e Raikkonen, si tengono il 6 cilindri più spinto per il GP d'Italia. A meno che...

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1, durante la drivers parade
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1 W09
Parte terminale del cofano motore delle monoposto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Ferrari SF71H, nuovi scarichi, GP di Germania
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, in griglia di partenza
Kimi Raikkonen, Ferrari

L’intenso girone di ritorno del Mondiale 2019 scatterà il prossimo fine settimana sul circuito di Spa-Francorchamps. Dopo gli annunci del mercato piloti che hanno animato le ultime settimane, sul circuito belga tornerà a tenere banco anche il fronte tecnico, ed in particolare quello legato alle power unit. Come era nelle previsioni di inizio stagione, con l’avvicinarsi dalla fase finale del calendario diventerà sempre più dura per i motoristi l’impresa di riuscire a coprire le 21 gare del Mondiale 2018 con le sole tre power unit concesse dal regolamento.

Quello dell’affidabilità dei motori è uno dei fronti su cui si giocherà anche la volata Mondiale Hamilton-Vettel, che hanno concluso le dodici gare fin qui disputate in una situazione di sostanziale parità. A favore del leader della classifica c’è solo una MGU-K in meno del ferrarista, ma per il resto entrambi sono alla power unit numero 2.

La vigilia della gara di Spa è contraddistinta dalle indiscrezioni che arrivano sul fronte della power unit “3° evoluzione”: chi la monterà per primo? Prima della pausa estiva era dato per certo l’esordio in Belgio della “evo 3” Mercedes, ma rumors degli ultimi giorni indicano che il debutto potrebbe slittare di una settimana, ovvero nel weekend del Gran Premio d’Italia.

La nuova ICE sarà montata sulla monoposto di Hamilton, ma anche Bottas (che inizialmente sembrava destinato a rimandare la “evo 3”) potrebbe anticipare il cambio, vediamo perché.

Il finlandese ha dovuto montare la terza power unit nel Gran Premio di Gran Bretagna, ed è un motore che al momento ha da poco superato i mille chilometri. Se però la nuova evoluzione assicurerà (in abbinamento ad una nuova benzina Petronas) un buon passo avanti sul fronte della performance, in Mercedes potrebbero decidere di mandare Bottas in penalità, visto che sia Spa, sia Monza sono tracciati che permettono di poter rimontare.

La tappa successiva al Gran Premio d’Italia sarà Singapore, pista poco significativa per le PU e, soprattutto, poco favorevole ai sorpassi, ed anche la seguente tappa a Sochi non è certo migliore di Spa e Monza in quanto a possibilità di rimontare. Ovviamente avendo un PU3 con un chilometraggio molto basso, Bottas non avrà comunque problemi di rotazione nel concludere il mondiale (al netto di imprevisti) senza ulteriori cambi.

La situazione in casa Ferrari non è molto diversa da quella Mercedes. Vettel aspetta come Hamilton la “evo 3”, versione della power unit di Maranello che ha già esordito in Ungheria sulle monoposto dei team clienti.

Haas e Sauber hanno avuto la possibilità di saggiare le qualità della nuova evoluzione (anche se su una pista poco indicativa come l’Hungaroring) fornendo indicazioni ai tecnici del Cavallino con un vero e proprio test sul campo. A Maranello sono pronti, ed anche in questo caso le indiscrezioni parlano di uno step sul 6 cilindri che sarebbe abbinato ad un nuovo carburante Shell.

A fremere maggiormente è Kimi Raikkonen, che a causa dei problemi riscontrati nel Gran Premio di Spagna non ha ancora montato il motore endotermico “evo 2” a disposizione di Vettel dal weekend di Montreal.

La power unit del finlandese ha accumulato un notevole chilometraggio con le componenti ICE e MGU-H, ma i piani del Cavallino dovrebbero prevedere le due power unit nuove nel fine settimana di Monza. Ovviamente i motori sono già stati deliberati e saranno presenti in Belgio in caso di necessità: dovesse accadere un imprevisto, le power unit di scorta saranno già le “evo 3”.

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: il pulsante segreto e il ghiaccio secco in pre griglia fanno discutere di nuovo

Articolo precedente

Ferrari: il pulsante segreto e il ghiaccio secco in pre griglia fanno discutere di nuovo

Prossimo Articolo

Simulazione Spa: quei 1.000 kg di carico istantaneo nella compressione dell'Eau Rouge!

Simulazione Spa: quei 1.000 kg di carico istantaneo nella compressione dell'Eau Rouge!
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Belgio
Location Spa-Francorchamps
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Analisi