Motori F.1: quante power unit sono state usate durante i test invernali?

condivisioni
commenti
Motori F.1: quante power unit sono state usate durante i test invernali?
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
19 mar 2018, 10:31

A parte gli (evidenti) cedimenti del motore Renault sulla McLaren causati da problemi di raffreddamento della MCL33, le altre squadre non hanno avuto rotture. Eppure c'è chi ha sostituito dei 6 cilindri. Vediamo chi e perché...

Williams FW41, dettaglio del motore
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, Andy Cowell, High Performance Powertrains Managing DirectorMercedes AMG
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari
Fumo dal garage Ferrari
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team e Alan Permane, ingegnere di pista Renault Sport F1 Team
Red Bull Racing RB14, dettaglio del diffusore posteriore
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, pit stop
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso STR13

Andy Cowell, capo dei motoristi Mercedes, è stato chiaro: il chilometraggio coperto nei test invernali di Barcellona non è stato sufficiente a valutare qual è l’affidabilità in pista della power unit Mercedes-AMG F1 M09 EQ Power+ che da domenica inizierà la stagione 2018 a Melbourne.

Con il limite di usare solo tre motori in una stagione, la vita dei 6 cilindri turbo è stata allungata a 7 GP (visto che ci sono 21 GP in calendario). Per il Managing Director di Mercedes AMG High Performance Powertrains ogni unità dovrà avere una durata che al banco prova deve arrivare a 8.000 km.

La Ferrari, per esempio, ha smontato lo 062 EVO con cui Kimi Raikkonen ha completato l’ottavo giorno di collaudi in Spagna e l’ha rimesso al banco dinamico per raggiungere la distanza prevista.

A parte la McLaren che ha rotto due motori Renault per l’inusitata installazione della power unit sulla MCL33 che non ha modo di respirare sotto alla carrozzeria per la mancanza di portata di aria, tutti gli altri hanno completato i collaudi senza cedimenti registrati in pista.

Ma il fatto che non ci siano state rotture, non significa che non ci siano state delle sostituzioni programmate di motori. Nella tabella, sotto, è possibile scoprire ciascuna squadra quante unità ha utilizzato negli otto giorni in Catalunya.

I team di Mercedes e Ferrari hanno completato le distanze previste senza utilizzare sei cilindri di riserva, dal momento che non sono stati raggiunti gli obiettivi chilometrici nella prima settimana condizionata da pioggia e anche neve.

Le cose sono state più complicate per la Renault: solo la Red Bull non ha cambiato motore, completando con la RB14 i 3.644 km. Il team di Milton Keynes ha utilizzato l’unità in versione standard per la maggior parte dei giorni, ma ha avuto anche dei momenti in cui è stata utilizzata in modalità prestazionale.

La Renault, invece, ha dovuto provvedere alla sostituzione del motore termico alla conclusione del primo giorno, usando così un’altra unità dal secondo all’ottavo giorno. Il team di Enstone ha perso quasi una giornata per la sostituzione del cambio, dal momento che la scorta della trasmissione non era stata allestita ed è stato necessario trasferire ogni parte da una scatola all’altra, a cominciare dai rocker delle sospensioni.

Non abbiamo indicazioni ufficiali, ma anche la Toro Rosso avrebbe utilizzato tre motori come la McLaren: a differenza della squadra di Woking che due 6 cilindri francesi li ha rotti (il primo per mancanza di raffreddamento, mentre sul secondo ha ceduto il turbo), il team di Faenza ha puntato su delle sostituzioni programmate che hanno ridotto il chilometraggio di ogni motore, proponendo però step evolutivi che man mano sono arrivati pronti.

Scopriremo nel fine settimana in Australia quali sono gli effettivi valori in campo…

La Tabella con i motori usati nei test di Barcellona

Vettura Power unit N. motori Km Km/motore
Mercedes W09 Mercedes M09  1 4.841 4.841
Williams FW41 Mercedes M09
1 3.812 3.812
Force India VJM11 Mercedes M09
1 3.309 3.309
Ferrari SF71H Ferrari 062 EVO 1 4.324 4.324
Haas VF-18 Ferrari 062 EVO 1 3.235 3.235
Sauber C37 Ferrari 062 EVO 1 3.658 3.658
Red Bull RB14 Renault R.E.18
1 3.644 3.644
Renault R.S.18 Renault R.E.18
2 3.700 1.850
Toro Rosso STR13

Honda RA618H

3 3.826 1.275
McLaren MCL33 Renault R.E.18
3 2.788 929

 

 

Prossimo articolo Formula 1
Pirelli, Isola: "Con le mescole più morbide si potrà scegliere tra una o due soste"

Previous article

Pirelli, Isola: "Con le mescole più morbide si potrà scegliere tra una o due soste"

Next article

F.1 2018: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Australia

F.1 2018: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Australia

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Analisi