Montezemolo: "Dispiace se la Ferrari non se la gioca fino alla fine"

L'ex presidente del Cavallino ha concesso un'interessante intervista a Sky Sport, parlando anche del rapporto tra i piloti e del rinnovo di Leclerc, ma pure delle difficoltà che potrebbe incontrare Vettel in scadenza.

Montezemolo: "Dispiace se la Ferrari non se la gioca fino alla fine"

Ormai sono passati 12 da quando la Ferrari è salita per l'ultima volta sul tetto del mondo con Kimi Raikkonen. Nel mezzo, è arrivata tre volte a giocarsi il titolo almeno fino all'ultima gara, nel 2008 con Felipe Massa e poi nel 2010 e nel 2012 con Fernando Alonso.

Il comune denominatore di queste stagioni era il presidente, Luca Cordero di Montezemolo. Da quando ha lasciato la guida del Cavallino, nel 2014, gli uomini in Rosso non si sono neppure avvicinati a lottare fino all'ultima gara e questa è stata la delusione più grande per il 72enne, che ha rilasciato un'interessante intervista ai microfoni di Sky Sport.

"L'ultimo Mondiale speravo andasse meglio, viste le premesse iniziali e le prove invernali. Da un po' di anni la Ferrari non vince il titolo e questo ci sta perché ci sono tante componenti variabili, però non ci sta che da anni non sia mai in condizioni di giocarsela fino alla fine" ha detto Montezemolo, riferendosi alla stagione appena conclusa.

"Ho dei ricordi non belli, di tanti campionati persi all'ultima gara della stagione, ma almeno fino alla fine c’era la possibilità di vincere. Invece quest'anno e negli scorsi questo non è avvenuto e mi è dispiaciuto".

"Io avevo messo insieme una squadra se penso a Todt, Brown, Domenicali, Byrne. Binotto è in gamba, l'anno prossimo mi aspetto un miglioramento dalla Red Bull e dal motore Honda, ma la Ferrari ha tutti gli elementi perlomeno per provare a vincere e lottare fino all'ultima gara".

Leggi anche:

La Ferrari ha annunciato prima di Natale di aver prolungato fino alla fine del 2024 il contratto di Charles Leclerc, che secondo Montezemolo potrebbe essere l'uomo giusto per riportare in alto il Cavallino.

"Leclerc è un pilota in grado di vincere, un ragazzo duro in corsa ed intelligente, che fa tesoro degli errori e può diventare un fuoriclasse".

Secondo lui a Maranello però non devono fare l'errore di mettere da parte Sebastian Vettel, che può essere un valore aggiunto anche se non è mai facile rendere al meglio quando c'è un contratto in scadenza.

"Vettel deve essere calmo, avere fiducia nei suoi mezzi che sono molto forti. Deve avere un dialogo molto aperto con la squadra. Quando si va verso la fine dei contratti ci sono anni delicati".

Una cosa che sicuramente devono provare a migliorare i vertici Ferrari è la gestione dei due piloti in pista, perché quest'anno ci sono state diverse situazioni che sarebbe state da evitare.

"Certamente ci sono stati dei momenti che hanno influito negativamente sulla squadra, i piloti devono sapere che non corrono per sé stessi e lo dissi una volta a Barrichello. Ci vuole chiarezza, molta disponibilità di entrambi a rendersi conto di questo. Questa è una grande responsabilità che avranno Binotto e la squadra, un tema delicato".

condivisioni
commenti
Verstappen: “Steward in F1 incoerenti come gli arbitri di calcio”

Articolo precedente

Verstappen: “Steward in F1 incoerenti come gli arbitri di calcio”

Prossimo Articolo

Hamilton: "Incontrare Lauda prima della scomparsa mi ha colpito"

Hamilton: "Incontrare Lauda prima della scomparsa mi ha colpito"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021