Mick Schumacher: "Ora posso dire di essere pronto per la F1"

Il figlio d'arte ha iniziato il suo 2021 con un test al volante della Ferrari SF71H a Fiorano, nel quale non è stato troppo distante dai titolari Charles Leclerc e Carlos Sainz. Un bel biglietto da visita in vista del debutto in F1 con la Haas.

Mick Schumacher: "Ora posso dire di essere pronto per la F1"

Mick Schumacher ha completato più di cento giri del circuito di Fiorano, nell’arco di due mezze giornate, il pomeriggio di ieri e la mattina di oggi. Prima dei test il messaggio è sempre lo stesso: non guardare i tempi.

E poi, puntualmente, si guardano solo quelli, anche se nel caso dell’intensa settimana di prove della Ferrari non ci sono dati ufficiali. Ci sono però ufficiosi, e indicano Schumacher nello stesso secondo di Leclerc e Sainz, ovvero sotto il muro dei cinquantasette secondi.

Terminato il lavoro programmato dagli ingegneri, la Ferrari ha ribattuto un’intervista rilasciata da Schumacher per il volume Racing Activities del Cavallino, in cui emerge un Mick quasi in imbarazzo nel godersi un momento speciale per la sua carriera e allo stesso tempo molto difficile per il mondo che lo circonda. Schumacher ripercorre il 2020, un anno iniziato col timore di non poter essere in pista e terminato con il contratto Haas da pilota titolare.

Che anno è stato per te il 2020?
“La gente che lavora nelle corse tende a vivere nel futuro e a non guardare mai indietro: lo stesso vale per me. È un fatto di mentalità, perché in un ambiente così competitivo si cerca sempre di pensare a cosa si può ottenere in più e a come fare meglio. Forse però in questo caso si può fare un’eccezione e non soltanto per ragioni personali. La pandemia ha toccato profondamente la vita di ognuno di noi e ha creato a tante persone dei problemi molto seri. Per questo qualche volta mi sembra quasi ingiusto essere felice per quello che il 2020 mi ha dato perché, ad essere onesti, è stato il miglior anno nella mia vita sportiva, quello in cui il sogno che avevo sin da bambino è diventato realtà. Ora posso dire di essere pronto per la Formula 1”.

Eppure a un certo punto sembrava che il 2020 potesse essere un anno senza corse...
“Vero, all’inizio della pandemia, quando in tanti Paesi c’era un lockdown quasi totale, lo sport non era, giustamente, una priorità. Temevo che la mia seconda stagione in Formula 2 sarebbe stata rinviata di un anno e, con essa, il mio sogno di arrivare in Formula 1. Poi abbiamo iniziato a gareggiare in Austria, anche se il via del campionato è stato terribile per me: ho fatto due volte lo stesso errore, con il risultato di raccogliere pochissimi punti nelle prime due tappe”.

Qual è stato il momento decisivo della stagione?
“Non ce n’è stato nessuno in particolare. La realtà è che dopo quel brutto inizio non ci siamo persi d’animo perché sapevamo di aver lavorato bene con Prema, la mia squadra: non abbiamo mai perso la fiducia di poter vincere e così è stato. Siamo rimasti concentrati e uniti, lavorando duramente per recuperare, passo dopo passo. Impegno, fiducia in noi stessi, lavoro di squadra e divertimento: questi gli elementi che ci hanno permesso di risalire la classifica e, alla fine, di vincere il titolo, grazie soprattutto alla costanza di risultati”.

Leggi anche:

Quanto è stato gratificante essere stato scelto per correre con Haas F1 Team nel 2021?
“È stato importante vedere che l’approccio e i risultati che abbiamo avuto siano stati così ricompensati e posso soltanto ringraziare la Ferrari Driver Academy per avermi dimostrato fiducia, tanto da prendere questa decisione prima ancora che si arrivasse alle fasi decisive del campionato. Per me è stato importante poter avere il supporto della FDA, poter guidare delle vetture di Formula 1, parlare con persone di grandissima esperienza o, semplicemente, sentirmi come in una famiglia”.

La conquista del titolo è stata la conclusione perfetta di una stagione così particolare...
“Anche se sapevo che avrei corso in Formula 1, volevo assolutamente conquistare il titolo: è normale, no? Se corri, vuoi vincere. Non ho mai perso la fiducia di poterci riuscire. Anche se le ultime gare non sono andate come avremmo voluto, desideravo con tutte le mie forze essere campione: per me e per la squadra. Quando ho tagliato il traguardo dell’ultima gara, in tutta sincerità non ero del tutto certo che ce l’avevamo fatta e una parte di me non osava festeggiare: probabilmente sono stati i momenti più intensi della mia carriera, tanto che, quando sono arrivato al parco chiuso e ho visto la mia squadra gioire, ho avuto bisogno di qualche momento per realizzare cosa fosse successo”.

Archiviato il 2020 con il tuo secondo titolo, c’è da pensare alla nuova stagione...
“Sembra passato già tanto tempo da quel giorno, soprattutto perché non vedo l’ora che inizi la nuova stagione, di essere sulla griglia di partenza della mia prima gara insieme ai migliori piloti del mondo. Fino ad allora cercherò di godermi ogni istante e di dare il massimo per arrivare preparato a quel momento: poi, quando i semafori si accederanno, sarà un momento molto emozionante”.

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
1/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
2/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
3/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
4/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
5/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
6/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
7/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
8/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
9/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
10/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
11/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
12/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
13/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
14/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
15/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
16/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
17/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
18/18

Foto di: Ferrari

condivisioni
commenti
I sei team che non sono mai andati a punti nel 1991
Articolo precedente

I sei team che non sono mai andati a punti nel 1991

Prossimo Articolo

Innes Ireland: il talento cacciato per far posto a Clark

Innes Ireland: il talento cacciato per far posto a Clark
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021