Mick Schumacher: "Ora posso dire di essere pronto per la F1"

Il figlio d'arte ha iniziato il suo 2021 con un test al volante della Ferrari SF71H a Fiorano, nel quale non è stato troppo distante dai titolari Charles Leclerc e Carlos Sainz. Un bel biglietto da visita in vista del debutto in F1 con la Haas.

Mick Schumacher: "Ora posso dire di essere pronto per la F1"

Mick Schumacher ha completato più di cento giri del circuito di Fiorano, nell’arco di due mezze giornate, il pomeriggio di ieri e la mattina di oggi. Prima dei test il messaggio è sempre lo stesso: non guardare i tempi.

E poi, puntualmente, si guardano solo quelli, anche se nel caso dell’intensa settimana di prove della Ferrari non ci sono dati ufficiali. Ci sono però ufficiosi, e indicano Schumacher nello stesso secondo di Leclerc e Sainz, ovvero sotto il muro dei cinquantasette secondi.

Terminato il lavoro programmato dagli ingegneri, la Ferrari ha ribattuto un’intervista rilasciata da Schumacher per il volume Racing Activities del Cavallino, in cui emerge un Mick quasi in imbarazzo nel godersi un momento speciale per la sua carriera e allo stesso tempo molto difficile per il mondo che lo circonda. Schumacher ripercorre il 2020, un anno iniziato col timore di non poter essere in pista e terminato con il contratto Haas da pilota titolare.

Che anno è stato per te il 2020?
“La gente che lavora nelle corse tende a vivere nel futuro e a non guardare mai indietro: lo stesso vale per me. È un fatto di mentalità, perché in un ambiente così competitivo si cerca sempre di pensare a cosa si può ottenere in più e a come fare meglio. Forse però in questo caso si può fare un’eccezione e non soltanto per ragioni personali. La pandemia ha toccato profondamente la vita di ognuno di noi e ha creato a tante persone dei problemi molto seri. Per questo qualche volta mi sembra quasi ingiusto essere felice per quello che il 2020 mi ha dato perché, ad essere onesti, è stato il miglior anno nella mia vita sportiva, quello in cui il sogno che avevo sin da bambino è diventato realtà. Ora posso dire di essere pronto per la Formula 1”.

Eppure a un certo punto sembrava che il 2020 potesse essere un anno senza corse...
“Vero, all’inizio della pandemia, quando in tanti Paesi c’era un lockdown quasi totale, lo sport non era, giustamente, una priorità. Temevo che la mia seconda stagione in Formula 2 sarebbe stata rinviata di un anno e, con essa, il mio sogno di arrivare in Formula 1. Poi abbiamo iniziato a gareggiare in Austria, anche se il via del campionato è stato terribile per me: ho fatto due volte lo stesso errore, con il risultato di raccogliere pochissimi punti nelle prime due tappe”.

Qual è stato il momento decisivo della stagione?
“Non ce n’è stato nessuno in particolare. La realtà è che dopo quel brutto inizio non ci siamo persi d’animo perché sapevamo di aver lavorato bene con Prema, la mia squadra: non abbiamo mai perso la fiducia di poter vincere e così è stato. Siamo rimasti concentrati e uniti, lavorando duramente per recuperare, passo dopo passo. Impegno, fiducia in noi stessi, lavoro di squadra e divertimento: questi gli elementi che ci hanno permesso di risalire la classifica e, alla fine, di vincere il titolo, grazie soprattutto alla costanza di risultati”.

Leggi anche:

Quanto è stato gratificante essere stato scelto per correre con Haas F1 Team nel 2021?
“È stato importante vedere che l’approccio e i risultati che abbiamo avuto siano stati così ricompensati e posso soltanto ringraziare la Ferrari Driver Academy per avermi dimostrato fiducia, tanto da prendere questa decisione prima ancora che si arrivasse alle fasi decisive del campionato. Per me è stato importante poter avere il supporto della FDA, poter guidare delle vetture di Formula 1, parlare con persone di grandissima esperienza o, semplicemente, sentirmi come in una famiglia”.

La conquista del titolo è stata la conclusione perfetta di una stagione così particolare...
“Anche se sapevo che avrei corso in Formula 1, volevo assolutamente conquistare il titolo: è normale, no? Se corri, vuoi vincere. Non ho mai perso la fiducia di poterci riuscire. Anche se le ultime gare non sono andate come avremmo voluto, desideravo con tutte le mie forze essere campione: per me e per la squadra. Quando ho tagliato il traguardo dell’ultima gara, in tutta sincerità non ero del tutto certo che ce l’avevamo fatta e una parte di me non osava festeggiare: probabilmente sono stati i momenti più intensi della mia carriera, tanto che, quando sono arrivato al parco chiuso e ho visto la mia squadra gioire, ho avuto bisogno di qualche momento per realizzare cosa fosse successo”.

Archiviato il 2020 con il tuo secondo titolo, c’è da pensare alla nuova stagione...
“Sembra passato già tanto tempo da quel giorno, soprattutto perché non vedo l’ora che inizi la nuova stagione, di essere sulla griglia di partenza della mia prima gara insieme ai migliori piloti del mondo. Fino ad allora cercherò di godermi ogni istante e di dare il massimo per arrivare preparato a quel momento: poi, quando i semafori si accederanno, sarà un momento molto emozionante”.

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
1/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
2/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
3/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
4/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
5/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
6/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
7/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
8/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
9/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
10/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
11/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
12/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
13/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
14/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
15/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari
Mick Schumacher, Ferrari
16/18

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
17/18

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
18/18

Foto di: Ferrari

condivisioni
commenti
I sei team che non sono mai andati a punti nel 1991
Articolo precedente

I sei team che non sono mai andati a punti nel 1991

Prossimo Articolo

Innes Ireland: il talento cacciato per far posto a Clark

Innes Ireland: il talento cacciato per far posto a Clark
Carica commenti
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021
Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti" Prime

Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti"

Il Gran Premio del Qatar ha ulteriormente inasprito il tono delle polemiche sportive legate alla stagione 2021 di Formula 1. Stavolta l'insufficienza pesante viene data alla FIA per come sta gestendo la situazione

Formula 1
22 nov 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione"

In questa nuova puntata podcast di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano i fatti salienti e determinanti del GP del Qatar. Una lotta continua, che ha visto prevalere Lewis Hamilton, conquistatore della 102esima vittoria in carriera. Ecco svelato il segreto della sua vittoria...

Formula 1
22 nov 2021
F1 | Piola: "Rinforzato il comando DRS della Red Bull" Prime

F1 | Piola: "Rinforzato il comando DRS della Red Bull"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano, con la lente d'ingrandimento tecnica, quanto visto nel sabato di qualifica del GP del Qatar. Una battaglia, anche di ali, senza fine...

Formula 1
20 nov 2021
Podcast | Bobbi: "Per Max la chiave è la prima curva" Prime

Podcast | Bobbi: "Per Max la chiave è la prima curva"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano la qualifica del Gran Premio del Qatar. Lewis Hamilton è autore di una pole position incredibile, arrivata dopo un giro perfetto. Per Verstappen, però, non è detto che non possa arrivare la vittoria...

Formula 1
20 nov 2021