Mick Schumacher: "Mi sento pronto per il salto in F1"

Il pilota tedesco si è aperto in una lunga intervista rilasciata al sito F1.com ed ha ammesso di essere ormai pronto per il suo debutto in Formula 1.

Mick Schumacher: "Mi sento pronto per il salto in F1"

La prossima stagione di Formula 1 potrebbe vedere al debutto ben tre piloti provenienti dalla F2: Yuki Tsunoda, Nikita Mazepin e Mick Schumacher.

Se per i primi due il problema maggiore, attualmente, consiste nel riuscire a conquistare i punti necessari per ottenere la Superlicenza, per Mick l’obiettivo è ben più prestigioso. Il tedesco, infatti, è attualmente leader della classifica piloti con 22 lunghezze di vantaggio su Callum Ilott e l’obiettivo di portare a casa il titolo sembra ad un passo quando al termine della stagione mancano soltanto le ultime 4 gare in Bahrain.

In occasione del GP dell’Eifel Mick Schumacher avrebbe dovuto compiere il proprio debutto nel corso di un weekend di F1 prendendo parte alla prima sessione di prove libere al volante della Sauber Alfa Romeo, ma il meteo ha impedito a tutti i piloti di girare il venerdì mettendo subito fine al sogno del tedesco.

Per Schumacher, però, la possibilità di tornare al volante di una monoposto di F1 è stata soltanto rimandata. Con ogni probabilità, infatti, Mick potrebbe essere presente ad Abu Dhabi e girare in pista nelle FP1 dell’ultimo appuntamento stagionale prima di compiere il grande passo e debuttare nella massima categoria nel 2021 con i colori del team Haas.

Nel corso di una lunga intervista rilasciata al sito F1.com Mick si è aperto confidando non solo i suoi sogni, ma anche elogiando il grande lavoro svolto con il team Prema divenuto la sua seconda famiglia.

“Se non sono in pista penso sempre alle corse. Il mio sogno è la Formula 1 e il motorsport”.

Esordisce così Schumacher che poi compie un passo indietro e con la memoria torna agli esordi in kart. Ai tempi la sua famiglia ha voluto tutelarlo dall’attenzione della stampa facendolo correre con il cognome della madre, Betsch, ma quando è avvenuto il passaggio in monoposto il tedesco ha preteso di poter sfoggiare sulla vettura e sulla tuta il suo pesante cognome.

“Ad inizio carriera abbiamo cercato di tenerlo segreto così da cercare di avere la maggiore libertà possibile. Questo mi ha dato l’opportunità di crescere e capire come essere un ragazzo normale ed un pilota normale”.

“Quando sono passato alle monoposto sapevamo che ci sarebbe stata una attenzione maggiore nei miei confronti. Io ho voluto correre con il mio nome completo e sono orgoglioso di averlo sulla mia auto e sulla mia tuta”.

L’attenzione della stampa nei confronti del pilota tedesco è sempre stata importante. Ogni minimo errore è stato amplificato, così come ogni successo.

“I media mi sono sempre stati addosso più che ad altri piloti, ma devo riconoscere che sono anche stati molto rispettosi. Se chiedo un po' di privacy me la concedono. Gli sono grato per questo”.

L’anno in cui Schumacher ha fatto parlare di sé è stato il 2018 quando è riuscito a conquistare il titolo in F3 Europea dopo una incredibile rimonta partita da Gara 3 a Spa-Francorchamps.

La stagione successiva Mick ha compiuto il passaggio in Formula 2, ma l’anno d’esordio è stato particolarmente complicato. Schumacher ha chiuso la stagione al dodicesimo posto ed un solo successo ottenuto in occasione della Sprint Race in Ungheria.

La svolta, così come accaduto in Euro F3, è arrivata al secondo anno nella categoria. Mick ha messo a frutto quanto appreso nella prima stagione ed è letteralmente sbocciato.

“Gli pneumatici Hankook che utilizzavamo in Formula 3 europea erano più duraturi a differenza delle Pirelli presenti in Formula 2. Qui il degrado è accentuato e bisogna modificare il proprio stile di guida anche in considerazione della presenza del motore turbo e della maggiore potenza e peso della monoposto”.

“C’è una curva di apprendimento e serve del tempo per capire il funzionamento di ogni dettaglio. La mia visione a lungo termine è quella di diventare un pilota completo. Per questo motivo lo scorso anno è stato importante. Mi sono concentrato sul comprendere ogni minima sfumatura prima di pensare ai risultati”.

“Non voglio parlare di fortuna, ma per certi versi, l'anno scorso è stata una stagione molto sfortunata. Ho avuto qualche problema di affidabilità e qualche contatto in pista, ma credo che ho sempre mostrato un buon ritmo e questo è quello che contava maggiormente. In definitiva, voglio andare in F1 essendo il più preparato possibile e per farlo devo anche affrontare i momenti difficili”.

Mick è legato al team Prema sin dal 2016, anno in cui ha disputato con i colori del team di Grisignano di Zocco sia l’ADAC F4 che la Formula 4 italiana concludendo in entrambe le serie al secondo posto in classifica.

Schumacher ha poi proseguito la sua strada con la scuderia della famiglia Rosin sia in Formula 3 Europea che in Formula 2 ed ha voluto sottolineare il grande rapporto di stima e fiducia reciproca che si è instaurato in questi 5 anni.

“Mi sto godendo ogni giorno, mi sto solo divertendo. Mi sto godendo la guida, mi sto godendo il lavoro dietro le quinte e credo che questa sia davvero una delle chiavi che mi ha consentito di trovarmi in questa posizione. Ho avuto delle gare difficili, ho avuto degli alti e bassi, ma credo che questo mi abbia portato dove sono ora ed a sentirmi molto a mio agio in macchina”.

“Credo che questa sia la nostra quinta stagione insieme e nelle formule minori è un rapporto davvero duraturo. Questo dimostra una grande fiducia reciproca. Prema ha svolto un lavoro favoloso. Non sto dicendo di essere pronto al 100% al passaggio in F1, ma ci sono vicino”.

Mick Schumacher, Ferrari Driver Academy
Mick Schumacher, Ferrari Driver Academy
1/22

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
2/22

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
3/22

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari SF71H
Mick Schumacher, Ferrari SF71H
4/22

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Ferrari Driver Academy
Mick Schumacher, Ferrari Driver Academy
5/22

Foto di: Ferrari

Mick Schumacher, Alfa Romeo cammina in pista
Mick Schumacher, Alfa Romeo cammina in pista
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Alfa Romeo Racing
Mick Schumacher, Alfa Romeo Racing
7/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Mick Schumacher presenta Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1 ° posto, con il casco di suo padre per commemorare le sue di 91 vittorie
Mick Schumacher presenta Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1 ° posto, con il casco di suo padre per commemorare le sue di 91 vittorie
8/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Mick Schumacher presenta Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1 ° posto, con il casco di suo padre per commemorare le sue di 91 vittorie
Mick Schumacher presenta Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1 ° posto, con il casco di suo padre per commemorare le sue di 91 vittorie
9/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il vincitore Mick Schumacher, Prema Racing festeggia sul podio
Il vincitore Mick Schumacher, Prema Racing festeggia sul podio
10/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing
Mick Schumacher, Prema Racing
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing
Mick Schumacher, Prema Racing
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing e Callum Ilott, UNI-Virtuosi
Mick Schumacher, Prema Racing e Callum Ilott, UNI-Virtuosi
13/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing taglia la linea del traguardo
Mick Schumacher, Prema Racing taglia la linea del traguardo
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing sul tracciato
Mick Schumacher, Prema Racing sul tracciato
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing festeggia sul podio con lo champagne
Mick Schumacher, Prema Racing festeggia sul podio con lo champagne
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing
Mick Schumacher, Prema Racing
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing precede Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix
Mick Schumacher, Prema Racing precede Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing
Mick Schumacher, Prema Racing
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing
Mick Schumacher, Prema Racing
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il vincitore della gara Mick Schumacher, Prema Racing festeggia nel parco chiuso
Il vincitore della gara Mick Schumacher, Prema Racing festeggia nel parco chiuso
21/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il vincitore della gara Mick Schumacher, Prema Racing festeggia nel parco chiuso con il suo team
Il vincitore della gara Mick Schumacher, Prema Racing festeggia nel parco chiuso con il suo team
22/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Red Bull: Hulkenberg sogna, ultima chiamata per Albon
Articolo precedente

Red Bull: Hulkenberg sogna, ultima chiamata per Albon

Prossimo Articolo

L'Autodromo di Monza è check point nella lotta al COVID 19

L'Autodromo di Monza è check point nella lotta al COVID 19
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021