Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
111 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
153 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
167 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
181 giorni

Mercedes: Wolff rinnova e non va in Aston Martin

condivisioni
commenti
Mercedes: Wolff rinnova e non va in Aston Martin
Di:
29 mar 2020, 16:10

Toto smentisce ogni voce di un possibile passaggio all'Aston Martin con Lance Stroll. Il manager austriaco resterà al timone di Mercedes Motorsport per portare avanti la striscia record di successi mondiali in F1, superando qualche attrito con il presidente Daimler, Kallenius.

Gli ingredienti per cucinare una storia succulenta ci sono tutti: nomi che contano, indiscrezioni, un contratto in scadenza, un’acquisizione e tanti scenari che in apparenza si incastrano bene.

Ma non sempre ciò che sembra filare viene poi confermato dalla realtà. È il caso della storia Stroll-Wolff-Aston Martin, che da qualche settimana tiene banco su molti media.

Ricapitoliamo. Oltre a possedere il team Racing Point, lo scorso 31 gennaio Stroll (che secondo Forbes vanta un patrimonio personale di 2,6 billions di dollari) ha acquistato il 16,7% del pacchetto azionario della Aston Martin, per 182 milioni di sterline, acquisendone anche il controllo.

L’azienda automobilistica britannica non sta attraversando un buon periodo, come testimonia anche l’andamento del titolo azionario che, dal momento dell’acquisto di Stroll, ha perso circa il cinquanta per cento del suo valore.

Serve un manager, ed ecco che la voce che quel manager possa essere proprio Wolff ha preso quota. La curiosa coincidenza che i due (Stroll e Wolff) abbiano lasciato Melbourne insieme, sull’aereo privato del magnate canadese, ha dato ancora più credibilità alla storia.

Volo con destinazione Maldive, dove secondo alcuni media ad attenderli ci sarebbe stata Susie, la moglie di Wolff, insieme al figlio Jack. Da qui la storia è decollata, tra ipotesi e scenari più o meno fantasiosi, compreso quello di un Wolff che sarebbe in rotta con Ola Kallenius, presidente del Gruppo Daimler.

“Una storia falsa – ha commentato Wolff - non diventerò CEO di Aston Martin”, in modo categorico. E a ben vedere lo scenario opposto è altrettanto credibile, se non di più.

È vero che il Gruppo Daimler ha messo in preventivo grandi tagli nei propri bilanci, e mettiamoci che magari Wolff potesse avere più feeling con Dieter Zetsche piuttosto che col suo successore Ola Kallenius. Ma i contesti oggi sono totalmente diversi rispetto a quando Wolff acquisì il timone della team.

Al contrario di quanto è avvenuto agli inizi della seconda era Mercedes in Formula 1, il contributo economico garantito da Daimler al team è progressivamente diminuito, fino ad azzerarsi. Oggi la struttura (che comprende le sedi di Brackley e Brixworth) cammina con le sue gambe, grazie ai premi che arrivano da Liberty Media, ai contributi degli sponsor e agli accordi di fornitura di power unit che il prossimo anno conteranno tre team clienti (Racing Point, Williams e di nuovo McLaren).

Non c’è motivo da parte del gruppo Daimler di cessare il programma Formula 1, che garantisce vantaggi importanti di marketing e immagine a costo zero e non c’è motivo all’orizzonte per Wolff di lasciare una squadra di cui è azionista e con la quale ha raggiunto i massimi traguardi sportivi.

C’è probabilmente da ritarare il rapporto con Kallenius (difficilmente Wolff accetterà intrusioni nel suo lavoro ordinario), ma mettendo sul tavolo i risultati economici e sportivi è una sfida più che abbordabile.

Altra storia sono i rapporti con Stroll. Il magnate statunitense ha da anni un buon rapporto con Toto, che lo ha consigliato durante la carriera del figlio Lance, così come durante la delicata fase dell’acquisizione della Racing Point.

Stroll e Wolff (come CEO del team di Formula 1) di fatto hanno già affari in corso, ovvero la fornitura a Racing Point di power unit e cambio Mercedes e la partnership tecnica più stretta che prevede la condivisione della galleria del vento di Brackley.

Non va inoltre dimenticato che la Mercedes detiene una quota azionaria della Aston Martin, acquistata nel 2013 e che la nuova posizione di Stroll potrebbe portare ad un’estensione della partnership tra le due Case automobilistiche. Ma Wolff resterà al suo posto, ovvero al timone della squadra di Formula 1, il rinnovo del contratto che lo lega al team (in scadenza al termine di questa stagione) arriverà presto.

Scorrimento
Lista

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG
1/24

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
2/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Mercedes AMG F1 W11

 Mercedes AMG F1 W11
3/24

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
4/24

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
5/24

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

I meccanici Mercedes provano ad asciugare il loro pitbox

I meccanici Mercedes provano ad asciugare il loro pitbox
6/24

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mercedes AMG F1 W11, dettaglio dell'ala anteriore

Mercedes AMG F1 W11, dettaglio dell'ala anteriore
7/24

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
8/24

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
9/24

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
10/24

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Freno e sospensione anteriore Mercedes AMG F1 W11

Freno e sospensione anteriore Mercedes AMG F1 W11
11/24

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
12/24

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
13/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Confronto tra Mercedes AMG F1 W11 & W10

Confronto tra Mercedes AMG F1 W11 & W10
14/24

Foto di: Giorgio Piola

Powerunit

Powerunit
15/24

Foto di: Giorgio Piola

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
16/24

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
17/24

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, pit stop

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, pit stop
18/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
19/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
20/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG
21/24

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
22/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
23/24

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
24/24

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Video, Tarquini: "Osella mi ha castigato il sogno della F1"

Articolo precedente

Video, Tarquini: "Osella mi ha castigato il sogno della F1"

Prossimo Articolo

Pazzia di Marko: "Corona Camp" per i piloti, no Red Bull

Pazzia di Marko: "Corona Camp" per i piloti, no Red Bull
Carica commenti