Mercedes: Verstappen è stato la spina nelle... gomme

Il pilota della Red Bull era troppo vicino e questo ha impedito alla Mercedes di pianificare una seconda sosta, arrivando così alla doppia foratura del finale.

Mercedes: Verstappen è stato la spina nelle... gomme

Ha vinto ancora una Mercedes, ma la Formula 1 deve ringraziare Max Verstappen se il team campione del Mondo può ancora ritrovarsi (in particolari circostanze come avvenuto oggi a Silverstone) sotto pressione.

Ricapitoliamo. La prima variabile imprevista del Gran Premio di Gran Bretagna è stata la safety car entrata in pista al dodicesimo giro a causa della violenta uscita di pista di Daniil Kvyat. Tutti i piloti sono entrati ai box (chi non era ancora transitato sul traguardo alla fine della dodicesima tornata, la restante parte del gruppo il giro successivo) montando gomme hard.

La scelta della mescola più dura nel secondo stint rientrava tra le strategie ipotizzate prima della corsa dalla Pirelli, ma il pit-stop era previsto tra il giro 22 e 24.

La safety car ha costretto al cambio di strategie, con la sosta anticipata di dieci giri rispetto ai piani originali. E quei dieci giri in più sono stati cruciali per l’usura delle gomme, come i piloti hanno iniziato a segnalare via-radio nell’ultimo terzo della corsa.

Leggi anche:

La spina nel fianco di Hamilton e Bottas è stata però Verstappen, unico pilota in pista a rimanere dentro il margine che sarebbe servito alle due Mercedes per poter effettuare una seconda sosta senza perdere la leadership della corsa.

A dieci giri dal termine l’olandese era a tredici secondi da Hamilton, e a dieci da Bottas, e considerando i tempi abbastanza lunghi che richiede una sosta a Silverstone, per le due Mercedes una pit supplementare avrebbe comportato il rischio concreto di perdere il Gran Premio.

È così arrivato l’ordine di proseguire ma riducendo il ritmo (l’usura non è rilevabile dai team) ed il primo pilota ad alzare il piede è stato Bottas. A quattro giri dal termine Max era a ormai a sei secondi dal finlandese, poi il cedimento del pneumatico anteriore sinistro della Mercedes numero 77 ha dato la certezza a Verstappen della seconda posizione.

A quel punto la Red Bull ha subito richiamato l’olandese ai box. Due i motivi: mettersi al riparo da eventuali problemi con l’usura degli pneumatici e puntare al giro più veloce in gara. Una scelta corretta, anche se il successivo problema di Hamilton ha lasciato alla squadra un po' di amaro in bocca per una vittoria che con il senno di poi era alla portata.

Ma il bicchiere mezzo pieno (secondo posto e una situazione di classifica che ora vede Max a sei punti da Bottas) è un bottino che sia Verstappen che la Red Bull avrebbero firmato senza il minino dubbio alla vigilia della corsa.

La gomma forata dell' auto di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, nel Parc Ferme
La gomma forata dell' auto di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, nel Parc Ferme
1/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il vincitoreLewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 guarda i danni della gomma forata nel Parc Ferme
Il vincitoreLewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 guarda i danni della gomma forata nel Parc Ferme
2/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La gomma forata di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, primo posto, nel parc ferme
La gomma forata di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, primo posto, nel parc ferme
3/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 sul podio con il trofeo
Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 sul podio con il trofeo
4/8

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, Primo posto, e Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo posto, parlano dopo la gara
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, Primo posto, e Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo posto, parlano dopo la gara
5/8

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Pitstop di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 causato dalla foratura
Pitstop di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 causato dalla foratura
6/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Pitstop di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 causato dalla foratura
Pitstop di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 causato dalla foratura
7/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 con una gomma forata
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 con una gomma forata
8/8

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "La parte meno bella del weekend è la prestazione"

Articolo precedente

Binotto: "La parte meno bella del weekend è la prestazione"

Prossimo Articolo

F1: Renault presenta una nuova protesta contro Racing Point

F1: Renault presenta una nuova protesta contro Racing Point
Carica commenti
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021