Mercedes: l'uso del motore 2 al Ricard verrà ufficializzato soltanto venerdì mattina

condivisioni
commenti
Mercedes: l'uso del motore 2 al Ricard verrà ufficializzato soltanto venerdì mattina
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
19 giu 2018, 10:49

Il team di Brackley inizia a fare pretattica, come la Ferrari, oppure i motoristi diretti da Cowell si riservano di scegliere prima delle prove libere del GP di Francia. Anche la Stella contribuisce a far crescere la suspence.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, sale sulla sua monoposto nel garage
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09
Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, effettua un pit stop
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, nella drivers parade

La Mercedes al Paul Ricard vuole cancellare il deludente GP del Canada. Tutta l’attenzione sarà soprattutto sui primi passi che muoverà la power unit “Phase 2”, che ha fatto notizia a Montreal per non essere stata utilizzata come previsto dalla tabella di marcia decisa dal team di Brackley ad inizio campionato.

La Casa della Stella si avvia al Castellet con il suo programma che prevede l’esordio nelle nuove PU su tutte e sei le monoposto equipaggiate (incluse Force India e Williams), ma la conferma arriverà solo poco prima dell’inizio della prima sessione di prove libere di venerdì mattina.

Ovviamente non è ancora chiaro se si tratta solo di pretattica, in stile Ferrari, o se lo staff tecnico sta ancora vagliando la scelta, utilizzando tutto il tempo a disposizione per la decisione finale.

La power unit 1 di Bottas ed Hamilton hanno percorso oltre 5.500 chilometri dal loro esordio nella prima tappa della stagione a Melbourne, una distanza superiore di 200km a quella coperta dalla Toyota vincitrice della 24 Ore di Le Mans, ma con un numero decisamente maggiore di cicli termici.

Soprattutto Hamilton è sembrato ansioso di passare alla nuova power unit, ed anche se non sarà per una specifica questione di cavalli, per Lewis diventa importante anche psicologicamente sapere di poter contare su un motore nuovo.

Visto il grande equilibrio che sta confermando questo Mondiale, i dettagli sono destinati a fare la differenza, ad una nuova power unit non è certo una sottigliezza, visto che la Ferrari ha già giocato il motore 2 per Vettel in Canada.

 

Prossimo Articolo
Red Bull lascia Renault: è ufficiale il passaggio nel 2019 ai motori Honda

Articolo precedente

Red Bull lascia Renault: è ufficiale il passaggio nel 2019 ai motori Honda

Prossimo Articolo

Honda, Yamamoto: "Vogliamo mantenere Red Bull al livello attuale. Poi farla migliorare molto"

Honda, Yamamoto: "Vogliamo mantenere Red Bull al livello attuale. Poi farla migliorare molto"
Carica commenti