F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: ecco la sesta evoluzione della presa dei freni!

La Mercedes prosegue lo sviluppo della presa dei freni che è stata allargata e spostata più avanti rispetto a Barcellona: i tecnici di Brackley adattano questo particolare alle caratteristiche delle singole piste.

La Mercedes per il momento non ha mostrato grandi novità. L'aspetto più interessante che si è notato sulle W07 Hybrid è certamente la sesta evoluzione della presa d'aria dei freni anteriore.

I tecnici di Brackley hanno dedicato molta attenzione a questo particolare dopo che Nico Rosberg aveva rischiato il ritiro nel GP d'Australia quando un detrito era entrato nella presa (che non era ancora protetta) causando un surriscaldamaneto della pinza.

Per il GP di Monaco è necessario aumentare la portata d'aria per il raffreddamento data la bassa velocità media del tracciato cittadino: la presa, infatti, è più grande ed è stata spostata più in avanti, sotto al flap  che sovrasta la griglia di beni otto elementi in carbonio che sono utili anche a laminare il flusso in un'area della monoposto che è molto sensibile.

Monkey seat con due soffiaggi

Mercedes W07 Hybrid: il Monkey seat visto da dietro
Mercedes W07 Hybrid: il Monkey seat a tre elementi visto da dietro

Photo by: Giorgio Piola

Sulla W07 Hybrid si rivede lo stesso Monkey seat che ha fatto il suo debutto nel GP di Spagna, segno che ormai le soluzioni che vanno bene a Barcellona possono essere utilizzate anche un tracciato che richiede il massimo carico aerodinamico come Montecarlo.

L'immagine scattata da dietro ci permette di mostrare nel dettaglio il doppio soffiaggio e i tre piccoli flap che compongono questo elemento aggiuntivo dotato nella parte interna di scotch anti calore bianco.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Monaco
Sub-evento Giorgio Piola technical analysis
Circuito Montecarlo
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg
Team Mercedes
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola