Mercedes con ampio margine, ma Verstappen spera il colpaccio

Le due Frecce Nere hanno rifilato sette decimi al pilota della Red Bull, ma i primi tre non hanno sfruttato le gomme soft e la bandiera rossa ha interrotto le simulazioni del passo gara. A Max però servono una qualifica da prima fila ed una grande partenza per far saltare il banco.

Mercedes con ampio margine, ma Verstappen spera il colpaccio

Classifica alla mano il verdetto del Gran Premio di Abu Dhabi sembra già scritto, e con il più facile dei pronostici, ovvero Mercedes davanti a tutti e con ampio margine. Chiariamo, questo resta il risultato più facile da prevedere in vista di domenica, ma i numeri emersi al termine della prima giornata di attività sulla pista di Yas Marina sono da prendere con le pinze.

Mercedes davanti a tutti, dicevamo, con Valtteri Bottas leader di giornata con due decimi di vantaggio su Lewis Hamilton e 0”770 su Max Verstappen. Messa così sembra impossibile anche solo pensare di poter infastidire le due W11, ma nelle prime due sessioni di prove libere ci sono state molte variabili che hanno influito sui risultati, ad iniziare dai test degli pneumatici 2021 e alle prove di molte componenti in vista della prossima stagione.

Ci sono poi state prove di setup i cui esiti saranno oggetto di attenti esami prima della giornata di domani. La Mercedes ha puntato su un alto carico aerodinamico, come emerge dai tempi emersi nel secondo e soprattutto dal terzo settore, mentre la Red Bull ha insolitamente svettato nel primo tratto del circuito di Yas Marina. A vantaggio di Verstappen c’è un sol decimo recuperato nel settore 1, ma l’olandese ha pagato rispetto a Bottas due decimi nel T2 e ben quattro decimi nel T3.

Il rientrante Hamilton ha completato una giornata senza apparenti problemi. I dubbi sulla sua forma fisica sono svaniti, e ad incuriosire maggiormente nella giornata di Lewis è stata una ripetuta sostituzione dei volanti (avvenuta ben sei volte!) che la Mercedes ha voluto provare come test di cambio veloce del particolare. I due decimi di distacco da Bottas si spiegano anche con un giro non pulito, in cui Lewis ha dovuto superare due monoposto nel secondo settore.

Leggi anche:

A conferma della poca attendibilità dei riscontri c’è anche la componente ‘gomma’, visto che i primi tre classificati hanno ottenuto i loro migliori tempi con gomme medie. Anche i riscontri sul passo gara sono stati poco significativi, questa volta a causa di una bandiera rossa che ha interrotto la sessione a 17 minuti dal termine a causa di un incendio alla power unit (si sono viste ancora le fiamme…) che ha bloccato in pista Kimi Raikkonen.

I long-run sono stati interrotti dopo quattro giri, un lasso di tempo in cui Verstappen ha confermato un ottimo attacco, mentre la Mercedes è stata ancora più nascosta, avendo iniziato la sua simulazione di gara con gomme 2021.

In merito alla possibilità di dire la sua nei 55 giri in programma domenica, Verstappen dovrà attendere l’esito delle qualifiche. Se l’olandese della Red Bull vuole sperare nel ‘colpaccio’ dovrà sperare di partire in prima fila, con la speranza di poter sfruttare la strategia in gara per portarsi al comando. Difficile, al momento immaginare altri scenari che possano mettere in crisi la Mercedes, vincitrice di tutti i Gran Premi disputati sul circuito di Yas Marina da quando è iniziata l’era ibrida.

I primi riscontri del weekend hanno confermato anche un pacchetto compatto a centro-classifica che vede McLaren, Racing Point e Renault racchiuse in pochi decimi. In questo gruppo si è inserito anche Charles Leclerc (ottavo) che spera di ripetere domani l’exploit dello scorso sabato a Sakhir.

Il monegasco ha raccolto riscontri interessanti nel primo e secondo settore, ma paga molto nell’ultima parte della pista. Sull’onda positiva del successo di Sakhir, Sergio Perez si è confermato molto veloce, soprattutto sul passo gara, ma il messicano inizierà la sua gara dall’ultima posizione a causa del cambio di power unit.

E a proposito di motori oggi a Yas Marina si sono registrate molte avarie a causa di motori giunti ormai al limite del chilometraggio. Ha iniziato Daniel Ricciardo nella FP1, seguito poi da Raikkonen e Russell in FP2, ma per tutti si tratta di power unit del venerdì, e non dovrebbero incorrere in penalità in vista della gara di domenica.

condivisioni
commenti
Verstappen: "Le Mercedes sembrano molto forti"
Articolo precedente

Verstappen: "Le Mercedes sembrano molto forti"

Prossimo Articolo

Sainz: “Difficoltà a mandare in temperatura le gomme”

Sainz: “Difficoltà a mandare in temperatura le gomme”
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021