Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è rimasto solo in griglia

La squadra di Brackley ha spiegato che temeva non solo di perdere posizioni rientrando ai box prima del via per passare dalle intermedie alle slick, ma anche di poter incappare in un contatto o in un unsafe release vista la natura stretta della pitlane di Budapest.

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è rimasto solo in griglia

La scena a cui si è assistito nella seconda partenza del Gran Premio d’Ungheria, con la sola monoposto di Lewis Hamilton ad attendere lo spegnimento del semaforo, è qualcosa mai visto in oltre settant’anni di storia della Formula 1, ed è probabile che non si vedrà mai più.

Mentre la Mercedes numero 44 era sulla griglia di partenza gli altri quindici piloti che lo seguivano nel giro di ricognizione erano entrati in pit-lane per passare alle gomme slick (la pista nel giro di formazione era apparsa subito asciutta) operazione che Hamilton ha completato dopo aver percorso un giro da leader solitario della corsa e che lo ha portato in ultima posizione.

La scelta di non far rientrare Hamilton ai box per passare alle slick è di fatto costata a Lewis la vittoria nel Gran Premio d’Ungheria. Ma cosa ha determinato la scelta Mercedes? Come è stato possibile che gli strateghi del team campione del Mondo non abbiano agito come tutte le altre squadre? Il primo motivo è legato alla posizione del box in pitlane.

Come team campione del Mondo, alla Mercedes vengono assegnati i primi due box al termine della corsia di ingresso, un vantaggio per i piloti che devono ‘mirare’ la posizione perfetta per il pit-stop, ma con una controindicazione emersa in questa particolare circostanza.

In Mercedes hanno valutato che sarebbero tornate in pit-lane la metà delle monoposto in pista per evitare l’inevitabile attesa tipica dei casi in cui entrambi i piloti di un team arrivano nel box per il cambio gomme, e se Hamilton fosse entrato ai box da leader, al termine del suo cambio di pneumatici avrebbe dovuto attendere il passaggio di tutte le monoposto alle sue spalle prima di poter imboccare la fast-lane, per non incappare nel temuto (in questi casi particolari) unsafe release. Il tutto con il rischio di un contatto (come avvenuto tra Mazepin e Raikkonen) a causa delle ridotte dimensioni della corsia box dell’Hungaroring.

“Facendo un passo indietro forse avremmo dovuto montare le slick prima ancora del giro di ricognizione – ha commentato Andrew Shovlin – siamo stati prudenti, forse anche a causa dei problemi in cui si erano imbattuti i nostri avversari diretti, ma a parte la nostra scelta, sono stato molto sorpreso vedere che tutti avevano scelte le intermedie! In merito alla decisione di non richiamare Lewis ai box, è stata motivata anche dalla volontà di non voler rischiare un contatto in pitlane, scenario assolutamente da non sottovalutare a Budapest”.

Secondo le procedure automatizzate della Mercedes, se Hamilton fosse rientrato ai box sarebbe uscito occupando tra il settimo posto ed il decimo posto, una posizione comunque migliore rispetto a quella i cui si è trovato Lewis dopo al sua sosta, ovvero l’ultima.

A complicare ulteriormente la vita di Hamilton sono state le difficoltà riscontate al momento di dover superare il primo avversario, Antonio Giovinazzi, rimasto davanti alla Mercedes per ben cinque giri. Alla luce di questa situazione gli strateghi di Hamilton hanno anticipato il primo pit-stop al giro numero 20, passando alle hard e decidendo di fatto che la loro gara sarebbe stata su due soste.

Dai calcoli della squadra per aggiudicarsi la corsa Hamilton avrebbe dovuto superare Alonso entro la sessantesima tornata, ovvero cinque giri prima rispetto a quanto Lewis è poi riuscito a fare. Ilo ritmo c’era ma superare è altra cosa, e Lewis lo ha constatato restando oltre dieci giri nella scia della Alpine.

Tornando alla scelta strategica troppo conservativa, Toto Wolff ha difeso la scelta della squadra, giudicandola corretta al 100%. “L’ho pensato anche io quando è stata fatta la scelta – ha ribadito – in quel momento non era ancora certo che la pista fosse davvero asciutta, ora è facile giudicare, ma avremmo comunque potuto vincere oggi se…Lewis non avesse trovato Fernando sulla sua strada”.

condivisioni
commenti
F1, Red Bull perde un altro motore: il secondo V6 di Perez è KO

Articolo precedente

F1, Red Bull perde un altro motore: il secondo V6 di Perez è KO

Prossimo Articolo

Williams: Russell in lacrime dopo aver chiuso a punti

Williams: Russell in lacrime dopo aver chiuso a punti
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021