Formula 1
27 giu
-
30 giu
Evento concluso
11 lug
-
14 lug
Evento concluso
25 lug
-
28 lug
Evento concluso
01 ago
-
04 ago
Evento concluso
G
GP del Belgio
29 ago
-
01 set
05 set
-
08 set
G
GP di Singapore
19 set
-
22 set
26 set
-
29 set
G
GP del Giappone
10 ott
-
13 ott
G
GP del Messico
24 ott
-
27 ott
G
GP degli Stati Uniti
31 ott
-
03 nov
G
GP del Brasile
14 nov
-
17 nov
G
GP di Abu Dhabi
28 nov
-
01 dic

Mercedes: 18 cavalli in più dalle nuove molecole della benzina

condivisioni
commenti
Mercedes: 18 cavalli in più dalle nuove molecole della benzina
Di:
5 ago 2019, 13:33

Lewis Hamilton pare abbia potuto beneficiare nella straordinaria rimonta a Max Verstappen nel GP di Ungheria di un nuovo carburante capace di un potere calorico superiore. Nella seconda parte della stagione la "battaglia chimica" avrà un ruolo importante.

La Mercedes in Ungheria ha utilizzato un nuovo carburante per vitaminizzare la power unit Phase 2 che ha debuttato in Canada, ma che non aveva dato l’impressione di essere il motore più potente del Circus, puntualmente sovrastato dal 6 cilindri Ferrari.

Stando alle indiscrezioni che sono trapelate da Brixworth il contributo della nuova benzina sarebbe stato di 18 cavalli: un salto di qualità impressionante, che vale molto più di uno sviluppo di motore, perché ottenuto solo con componenti della chimica e senza richiedere interventi sulla meccanica.

Ovviamente è stato necessario rivedere la mappatura elettronica con nuovi anticipi a favore di una maggiore efficienza che si è tradotto in un incremento delle prestazioni, ma anche nel contenimento dei consumi.

Pare che le segretissime molecole che compongono questo nuovo carburante siano il frutto di una collaborazione della Petronas con un piccolo laboratorio tedesco che ha messo a punto una nuova benzina di sintesi perfettamente in linea con i dettami regolamentari della FIA, ma capace di un potere calorifico nettamente superiore.

La Shell aveva portato una novità a favore della Ferrari che aveva dato dei vantaggi a Hockenheim per il GP di Germania e la Mercedes ha reagito subito, anticipando all’Hungaroring una benzina che probabilmente doveva essere un arma per contrastare la squadra del Cavallino a Spa e Monza, dove, almeno sulla carta, la SF90 dovrebbe essere la monoposto più veloce.

La straordinaria rimonta di Lewis Hamilton a Budapest ha evidenziato che il penta-campione ha potuto usufruire di un aiuto “chimico” importante grazie al quale non ha dovuto ricorrere a troppo risparmio di carburante, mentre Max Verstappen era costretto a ridurre il passo mentre era al comando della corsa sia per il degrado delle gomme, sia per la mancanza di “birra.

L’inglese si è reso protagonista dopo il secondo cambio gomme (da hard a medie) di una serie di giri veloci strepitosi che non hanno permesso all’olandese di replicare la mossa geniale voluta da James Vowles, stratega Mercedes.

Peggio ancora è andata alla Ferrari con Charles Leclerc costretto a guidare facendo il lift and coasting (rilascio dell’acceleratore prima delle staccate) per rientrare nei parametri di consumo del 6 cilindri del Cavallino.

È difficile stabilire con precisione se le squadre dispongono di motori troppo assetati o se, invece, preferiscono partire al via del Gran Premio con meno benzina necessaria a completare la distanza della gara a full gas, puntando a immagazzinare nel serbatoio qualche chilo di benzina in meno anche nella consapevolezza che sulla corta pista magiara 10 kg in meno valevano solo 0”15 rispetto ai quasi tre decimi che si registrano a Barcellona.

La sensazione è che la “battaglia chimica” sia uno dei terreni nei quali si giocherà lo sviluppo delle prestazioni a livello di power unit nella seconda parte della stagione e i risultati potrebbero essere pesantemente condizionati dalle nuove molecole che tutti stanno elaborando nei rispettivi laboratori di ricerca…

Prossimo Articolo
Leclerc ha evitato penalità grazie alle immagini dall'elicottero

Articolo precedente

Leclerc ha evitato penalità grazie alle immagini dall'elicottero

Prossimo Articolo

Motorsport Report F1: cosa c’è dietro alla rimonta di Hamilton in Ungheria

Motorsport Report F1: cosa c’è dietro alla rimonta di Hamilton in Ungheria
Carica commenti