Mercato piloti: la F1 va in vacanza con solo sei piloti certi di avere un posto nel 2019

condivisioni
commenti
Mercato piloti: la F1 va in vacanza con solo sei piloti certi di avere un posto nel 2019
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
06 ago 2018, 15:04

Solamente Mercedes (Hamilton e Bottas) e Renault (Ricciardo e Hulkenberg) hanno già le line-up al completo. La Ferrari ha la certezza di Vettel e la Red Bull quella di Verstappen, ma il resto è un domino ancora tutto da incastrare...

La Formula 1 è ufficialmente in vacanza. Per due settimane le sedi delle squadre saranno deserte, una meritata pausa dopo il tour de force del mese di luglio che ha messo a dura prova tutti gli addetti ai lavori. Ma solo sei piloti possono trascorrere un periodo di relax conoscendo già il loro futuro, un numero estremamente ridotto che conferma il prolungarsi di un mercato più complesso del previsto. Le trattative per gli accordi che definiranno lo schieramento team/piloti del Mondiale 2019 hanno registrato (e registreranno) colpi di scena che hanno influenzato quello che era un mosaico che un paio di mesi fa sembrava già definito

Il primo annuncio destinato ad avere un forte impatto sul mercato 2019, è quello arrivato lo scorso venerdì, ovvero il passaggio di Daniel Ricciardo dalla Red Bull alla Renault. Una conferma che ufficializza indirettamente anche la conclusione del rapporto tra il team francese e Carlos Sainz, e che lascia Esteban Ocon senza una chiara prospettiva in chiave 2019.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing

Photo by: Joe Portlock / LAT Images

Il francese aveva definito tutti i dettagli di un accordo biennale con la Renault, ma ha capito a sue spese come funziona il sistema Formula 1. Si tratta su più fronti, considerando tutte le possibilità, e con una precisa priorità: il piano ‘A’ della Renault prevedeva Ricciardo, quello ‘B’ Ocon. Concretizzatasi la prima possibilità, Ocon è stato ‘scaricato’ con una telefonata che il pilota francese aspettava come quella della conferma finale.

La brutta notizia per Ocon è che la sua seconda chance, la McLaren, punta molto su Carlos Sainz, ed ora lo spagnolo è ufficialmente sul mercato. Sulla carta la Red Bull potrebbe esercitare l’opzione che porterebbe Carlos in Red Bull, ma sono molti gli addetti ai lavori a sostenere che sarà Pierre Gasly ad essere promosso al fianco di Max Verstappen. Sainz dovrebbe così finire in McLaren, un accordo dato per molto probabile. Ma chi affiancherà? Sarà un tandem tutto spagnolo o ci saranno ancora sorprese?

Un paio di mesi fa era pronto il countdown per l’addio alla Formula 1 di Fernando Alonso e Kimi Raikkonen. Curiosamente entrambi hanno esordito nel Circus il 4 marzo 2001 a Melbourne, nel Gran Premio d’Australia di diciassette anni fa, anche se "Iceman" ha all’attivo due stagioni in meno del collega a causa della pausa 2010/2011. Alonso sembrava stufo di proseguire ancora la sua carriera in Formula 1 senza neanche avere la possibilità di poter puntare al podio saltuariamente, ma Fernando non è mai stato indifferente ai super-ingaggi, e la McLaren sembra che abbia messo sul piatto un’altra stagione pagata profumatamente.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H

Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H

Photo by: Zak Mauger / LAT Images

Storia diversa per Raikkonen, ma decisamente un copione già visto. Kimi a giugno era considerato fuori dai piani di Maranello per far spazio a Charles Leclerc, poi è sbucata la possibilità di poter avere una chance in chiave 2019 alla Sauber, poi ecco il ritorno di fiamma che potrebbe garantirgli un’altra stagione in Ferrari. L’ultima? Chissà.

Raikkonen non è più quello di dieci anni fa, ma ha messo insieme una striscia di 5 podi consecutivi e soprattutto è disponibile a mettersi a disposizione della squadra in caso di necessita, ovvero se c’è da dare una mano a Vettel. La nona stagione in rosso è ora più di una ipotesi, considerando che la Ferrari potrà prendersi per la decisione tutto il tempo che desidera, essendo Kimi alla finestra e Leclerc già contrattualizzato con il Cavallino. L’impressione è che in autunno sarà valutata la classifica costruttori, valutando il contributo di Raikkonen, e da li arriverà la decisione finale.

Vediamo nel dettaglio anche la situazione nelle altre squadre.

Haas

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-18

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-18

Photo by: Zak Mauger / LAT Images

La conferma di Kevin Magnussen appare una formalità, un prolungamento conquistato sul campo grazie ai buoni riscontri arrivati dalla pista. Tutt’altra storia è invece la scelta del nome che affiancherà il danese. Le speranze di Romain Grosjean sembrano davvero ridotte, ma la scelta finale spetterà solo al boss Gene Haas, che potrà sfogliare un portafoglio di numerosi candidati attirati dalle buone performance confermate nel Mondiale in corso. Il team statunitense ha come alternative Sergio Perez (che si è offerto) e la possibilità di accettare uno dei piloti legato alla Ferrari, come Charles Leclerc (se non approderà alla Scuderia) o Antonio Giovinazzi.

Force India

Esteban Ocon, Force India e Lance Stroll, Williams Racing

Esteban Ocon, Force India e Lance Stroll, Williams Racing

Photo by: Glenn Dunbar / LAT Images

La priorità del team è sopravvivere. Una volta sistemate le questioni finanziarie la squadra si occuperà anche dei piloti 2019. Se nel team approderà, come sembra, Lance Stroll, difficilmente vedremo un giovane al fianco del canadese. Se si concretizzerà questo scenario svanirà la possibilità di una conferma di Esteban Ocon, o dell’arrivo nel team di George Russell, leader del campionato Formula 2 e pilota di spicco del vivaio Mercedes, mentre potrebbe prendere quota la conferma di Sergio Perez.

Toro Rosso

Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13

Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13

Photo by: Jerry Andre / Sutton Images

Le scelte dei piloti nel team di Faenza sono ovviamente legate a quelle della Red Bull. Se Gasly sarà promosso al posto di Daniel Ricciardo la squadra dovrà sondare il mercato ‘ordinario’, ovvero al di fuori del vivaio Red Bull, che vede al momento come nome di spicco Dan Ticktum. L’inglese non ha i punti che gli garantiscono la superlicenza, e nonostante le pressioni di Helmut Marko, Ticktum sarà obbligato ad un’altra stagione nelle categorie minori. In caso di partenza di Gasly potrebbe essere confermato Brandon Hartley, a cui potrebbe essere affiancato Lando Norris (se deciderà di rescindere il contratto McLaren) o Stoffel Vandoorne.

McLaren

Fernando Alonso, McLaren MCL33

Fernando Alonso, McLaren MCL33

Photo by: Manuel Goria / Sutton Images

Zak Brown e soci dovranno attendere la decisione di Fernando Alonso. La forza contrattuale dello spagnolo è così forte da aver strappato al team un’opzione a suo favore con scadenza in autunno inoltrato. Se deciderà di restate in Formula 1 con la McLaren (unica squadra rimasta sulla piazza che può garantirgli un ingaggio importante) è probabile che si concretizzi la coppia Sainz-Alonso, due generazioni spagnole a confronto, in alternativa potrebbe esserci il tandem Sainz-Norris, anche se la posizione del baby britannico non sembra così solida come appariva a fine primavera.

Williams

Artem Markelov, Renault Sport F1 Team

Artem Markelov, Renault Sport F1 Team

Photo by: Jerry Andre / Sutton Images

La priorità per il team inglese è il budget. La disastrosa stagione 2018 impatterà non poco sulle difficoltà nel reperire i fondi per il prossimo Mondiale, e per questo motivo la squadra sta parlando per lo più con piloti in grandi di garantire un corposo supporto finanziario. L’opzione che il team vanta su Robert Kubica ha poche possibilità di essere esercitata, mentre nelle ultime settimane ci sono stati colloqui con il pilota di Formula 2 Artem Markelov, che potrebbe formare una coppia russa se venisse confermato Sergey Sirotkin. Non è però da escludere che la Mercedes possa sondare la possibilità di piazzare uno dei suoi due piloti al momento senza una monoposto per il prossimo Mondiale, ovvero Ocon e Russell.

Sauber

Antonio Giovinazzi, Sauber C37

Antonio Giovinazzi, Sauber C37

Photo by: Jerry Andre / Sutton Images

Il mercato del team svizzero ruota attorno a due punti: la conferma di Ericsson, legata alla volontà di supportare lo svedese da parte della proprietà della squadra, e le decisioni che saranno prese a Maranello in merito a Leclerc. Non è da escludere che possa essere confermata la coppia 2018, ma potrebbe anche cambiare tutto, ed è per questo che il team si è comunque mosso sul mercato per non farsi trovare impreparato. Se Leclerc lascerà la squadra il primo nome della lista per sostituire il monegasco è quello di Antonio Giovinazzi, mentre in caso di partenza di Ericsson si aprirebbe una possibilità per Vandoorne, che sarà molto lasciato libero dalla McLaren al termine del Mondiale in corso.

Tabella riassuntiva del mercato (in verde i piloti già certi del posto)

Mercedes

Lewis Hamilton

Valtteri Bottas

 

 

Ferrari

Sebastian Vettel

Kimi Raikkonen?

Charles Lelerc?

 

Red Bull

Max Verstappen

Pierre Gasly?

Carlos Sainz?

 

Renault

Nico Hulkenberg

Daniel Ricciardo

 

 

Haas

Kevin Magnussen?

Sergio Perez?

Charles Leclerc?

A.Giovinazzi?

Force India

Lance Stroll?

Sergio Perez?

 

 

Toro Rosso

Pierre Gasly?

Brandon Hartley?

S. Vandoorne?

 

McLaren

Fernando Alonso?

Carlos Sainz?

Lando Norris?

Esteban Ocon?

Williams

Artem Markelov?

George Russell?

Robert Kubica?

Esteban Ocon?

Sauber

Marcus Ericsson?

Charles Leclerc?

A. Giovinazzi?

S.Vandoorne?

 

Prossimo articolo Formula 1
Mercedes più conservativa della Ferrari sulle scelte di gomme per Spa e Monza

Previous article

Mercedes più conservativa della Ferrari sulle scelte di gomme per Spa e Monza

Next article

"The Unknown Kimi Räikkönen", ecco la biografia ufficiale di Iceman

"The Unknown Kimi Räikkönen", ecco la biografia ufficiale di Iceman
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Analisi