Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
107 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
120 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
134 giorni

Mercato F1: il taglio dell'ingaggio condiziona il rinnovo?

condivisioni
commenti
Mercato F1: il taglio dell'ingaggio condiziona il rinnovo?
Di:
22 apr 2020, 10:53

Tanto Vettel quanto Bottas potrebbero accettere una riduzione di stipendio se in cambio avranno dei contratti biennali, in modo da spalmare su più stagioni la perdita economica di quest'anno. Ecco perché certi rinnovi dei top driver non saranno rapidi, anzi...

Per i diciassette piloti di Formula 1 che al momento sono senza un contratto per la stagione 2021 è in corso una fase calda, anche a motori spenti. È un ‘driver-market’ molto atipico, quello in corso, principalmente per due motivi: la mancanza dei riferimenti che arrivano dalla pista e lo spinoso argomento legato alla riduzione dei compensi previsti per la stagione 2020. Sono due variabili inedite per chi affronta le trattative, sia sul fronte team che su quello piloti.

Il primo aspetto porterà a tendere verso la conferma delle line-up attuali, poiché mancano nuovi dati su cui rivedere le scelte fatte dodici o più mesi fa. A motori spenti non ci sono flop ed exploit che possono cambiare gli equilibri, ovvero ridimensionare un ‘big’ o lanciare un giovane nell’olimpo. Ma sul fronte economico le cose possono cambiare, ed anche parecchio, soprattutto per i piloti che percepiscono uno stipendio significativo.

Il problema dei tagli di salario (anche se in percentuale toccherà tutti più o meno allo stesso modo) in termini di zeri colpisce ovviamente di più i top-driver ed è qui che alcune trattative possono complicarsi, soprattutto nel caso dei piloti che vedono offrirsi dalla controparte un’estensione annuale.

Chi ha davanti un rapporto destinato a durare due o più stagioni non fa storie se c’è in ballo un taglio di stipendio (per motivi tra l’altro giustificati), tende ad avere qualche benefit in più (sotto forma di premi di risultato) ma senza irrigidirsi.

Ipotizziamo invece una trattativa come quella che in questo momento sta affrontando Sebastian Vettel con la Ferrari (o la Mercedes con Valtteri Bottas), con la squadra che mette sul tavolo un rinnovo annuale.

Normalmente un pilota non ha molte armi per controbattere, a meno che sul mercato non abbia alternative prestigiose, chance che al momento non sembrano esserci vista la tendenza alle conferme, ma in questa situazione c’è una carta in più da giocare: il taglio di stipendio, ovvero accettare senza polemiche la riduzione dell’ingaggio in cambio dell’allungamento del contratto.

Una squadra normalmente può irrigidirsi, ma in questa situazione vuol dire pagare l’intero ingaggio 2020, e quando si parla di piloti di vertice non sono spiccioli.

È una partita a poker, il pilota normalmente sa che non può osare troppo, ma in questo contesto prova a porre delle condizioni che in ogni caso gli garantiranno un vantaggio: economico o di carriera.

Il team sa che può prendere la decisione finale, ma sarà un compromesso: rompere il rapporto vuol dire pagare un salario completo nonostante una stagione ridotta (o malauguratamente anche senza gare), in alternativa dovrà rivedere i suoi piani strategici prolungando un contratto oltre la data pianificata.

Ecco perché al momento nessun annuncio è arrivato e probabilmente nei casi in cui le parti in causa sono bloccate in posizioni rigide, si dovrà attendere ancora del tempo. Le alternative dei top team sono note da tempo (George Russell nel caso Mercedes, e il terzetto Ricciardo-Sainz-Giovinazzi nel caso Ferrari), ma sono candidati che al momento sono destinati ad attendere il corso degli eventi.

Diverso è invece l’approccio per i piloti più giovani, che non percepiscono compensi importanti e che puntano a garantirsi un futuro in Formula 1. In questi casi il secondo punto diventa prioritario, l’aspetto sulla riduzione dell’ingaggio 2020 ha un peso meno significativo davanti alla garanzia di una prospettiva nel lungo periodo, ed è ciò a cui punterà una grossa fetta della griglia di partenza. Tra tutti, gli unici a non dover pensare a questi problemi sono Charles Leclerc, Max Verstappen ed Esteban Ocon, i soli oggi ad avere la certezza di dove saranno nel 2021.

Scorrimento
Lista

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
1/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
2/16

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton & Daniel Ricciardo

Lewis Hamilton & Daniel Ricciardo
3/16

Foto di: Jack Ke

Carlos Sainz Jr., McLaren

Carlos Sainz Jr., McLaren
4/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo
5/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi's Alfa Romeo Racing C39, dettaglio del volante

Antonio Giovinazzi's Alfa Romeo Racing C39, dettaglio del volante
6/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
7/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Williams Racing, tiene un messaggio per George Russell, Williams Racing

Nicholas Latifi, Williams Racing, tiene un messaggio per George Russell, Williams Racing
8/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
9/16

Foto di: Евгений Сафронов

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/16

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
12/16

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
13/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 F1

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 F1
14/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
15/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 nel garage

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 nel garage
16/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Vettel: "Il Mondiale è sempre il Mondiale, anche con 10 gare"

Articolo precedente

Vettel: "Il Mondiale è sempre il Mondiale, anche con 10 gare"

Prossimo Articolo

Norris correrà anche la gara virtuale di IndyCar ad Austin

Norris correrà anche la gara virtuale di IndyCar ad Austin
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero