F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

McLaren: l'ala anteriore a "cactus" è già cambiata

Sulla MP4-31 prosegue il lavoro di sviluppo sull'ala anteriore che ha fatto il suo debutto in Australia. Per il Bahrain si notano la diversa congiunzione al tratto neutro centrale e le paratie verticali che sono tre anziché quattro.

La McLaren continua a lavorare sulla nuova ala anteriore che ha fatto la sua prima apparizione in Australia: tre sono gli elementi diversi rispetto all'ala a "cactus" come l'avevamo definitiva osservando gli insuali upper flap che non sono stati toccati rispetto alla soluzione che avevamo già visto a Melbourne.

Tre le modifiche più importanti: la più importante riguarda la diverso giunzione del profilo principale con il tratto neutro centrale, che cambia il modo in cui si genera il vortice Y250, rimodellando il flusso d'aria lungo la linea centrale della monoposto.

Le paratie verticali poste sotto al profilo principale ora sono solo tre, anziché quattro, pertanto sono più staccate fra di loro.

I tecnici di Woking hanno spostato anche l'elemento che permette la regolazione rapida dell'incidenza dei flap ai pit stop: in Australia era collocato dietro agli upper flap (in basso), mentre in Bahrain lo si nota bene in vista a metà dei profili.

 

McLaren MP4-31, dettaglio dell'ala anteriore
McLaren MP4-31, dettaglio dell'ala anteriore vista in Australia con quattro paratie verticali sotto al profilo principale

Photo by: Giorgio Piola

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP del Bahrain
Sub-evento Giorgio Piola, analisi tecnica
Circuito Bahrain International Circuit
Piloti Jenson Button , Stoffel Vandoorne
Team McLaren
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola