McLaren: c'è solo la Renault come alternativa alla Honda

condivisioni
commenti
McLaren: c'è solo la Renault come alternativa alla Honda
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
19 lug 2017, 09:07

La Mercedes non è disposta a fornire il team di Woking e con la Ferrari non c'è mai stato nulla di concreto: la McLaren conta sulla Renault se dovesse decidere di rompere il contratto con la Honda. Anche Alonso è in attesa di una risposta...

Cyril Abiteboul, Renault Sport F1 Managing Director, Dr Helmut Marko, Red Bull Motorsport Consultant
Fernando Alonso, McLaren MCL32
Fernando Alonso, McLaren
Eric Boullier, McLaren Racing Director and Stoffel Vandoorne, McLaren
Sceicco Mohammed bin Essa Al Khalifa, CEO del Consiglio di Sviluppo Economico del Bahrain e azionista McLaren e Mansour Ojjeh, TAG
Yusuke Hasegawa, Senior Managing Officer, Honda
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32, pit stop

Se la McLaren non proseguirà il suo rapporto con la Honda nel Mondiale 2018 sarà equipaggiata con la power unit Renault.

E’ quello che ha confermato tra le righe Zak Brown, parlando del futuro del team inglese sul fronte motoristico.
“Siamo una grande squadra – ha confermato – la McLaren ha dimostrato di saper vincere corse e campionati, ma credo che a diverse squadre piaccia vederci dove siamo oggi. Hanno paura che il team torni ad essere una minaccia, timore che è comprensibile”.

Il messaggio è per Ferrari e Mercedes, che davanti alla richiesta di poter equipaggiare le monoposto 2018 di Woking hanno risposto un “no, grazie”.

Se le relazioni con la Honda precipiteranno (ipotesi ancora poco probabile, ma non impossibile) resta quindi solo l’alternativa Renault, ma il tempo stringe, poiché gli ingegneri che sono operativi sul progetto 2018 hanno necessità di conoscere la power unit che equipaggerà la prossima monoposto.

“Abbiamo parlato con Honda su una varietà di scenari diversi – ha concluso Brown parlando a Sky sport news – crediamo ancora che i tecnici giapponesi possano risolvere i problemi attuali, ma non abbiamo molto tempo a disposizione, perché siamo arrivati alla fase di progettazione della vettura 2018 in cui è necessario conoscere l’architettura della power unit".

"Non possiamo permetterci un’altra stagione senza performance competitive, sono trascorsi tre anni dall’inizio di questa avventura. Ci serve un importante aumento della potenza, e stiamo valutando tutte le strade per risolvere questo problema, vogliamo tornare a vincere, come lo vuole Fernando”.

Anche il pilota spagnolo sta facendo pressioni affinché la McLaren prenda una decisione definitiva sulla motorizzazione 2018.

Alonso spera probabilmente in una nuova power unit, ma intanto non sembrano azzerate le possibilità di vedere proseguire il suo rapporto con la McLaren anche in caso di permanenza della Honda. Ovviamente, in quel caso, con uno stipendio record…

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Fernando Alonso, Stoffel Vandoorne
Team McLaren
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Ultime notizie