Mazepin: “Sono sicuro che l’opinione su di me cambierà con i risultati migliori”

Nikita Mazepin ha avuto un grande impatto sulla Formula 1, anche se non ancora per le giuste ragioni. Mentre i troll online sono moltissimi, le sue prestazioni in pista sono state molto lontane da quelle che voleva. Ma crede che l'opinione pubblica si sposterà in suo favore quando avrà ottenuto alcuni risultati decenti.

Mazepin: “Sono sicuro che l’opinione su di me cambierà con i risultati migliori”
Carica lettore audio

Tutti i rookie della Formula 1 del 2021 hanno affrontato alcune difficoltà nella loro breve carriera finora, ma Nikita Mazepin ha certamente più da dimostrare dopo le prime quattro gare della stagione. Mentre Yuki Tsunoda ha colpito il muro nelle qualifiche di Imola, e Mick Schumacher ha sbattuto durante la Safet Car in pista, l'uscita di Mazepin al primo giro in Bahrain e il primo scontro di Imola con Nicholas Latifi lo hanno messo subito sotto i riflettori.

A causa del suo background privilegiato in quanto figlio di un miliardario russo, combinato con la controversia scoppiata dopo la sua promozione in F1 con il team Haas a causa di un video su Instagram, ha affrontato una quantità enorme di commenti negativi sui social media. Non c'è da meravigliarsi che il capo del team Gunther Steiner abbia osservato: "I dubbiosi...hai sempre più contrari che favorevoli. Non è come ti abbatti, ma come ti rialzi".

Nikita Mazepin, Haas F1

Nikita Mazepin, Haas F1

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Mazepin sa che ha bisogno di cambiare la maggior parte delle opinioni su di lui, e quando gli chiedo del suo brutale ingresso nel paddock della Formula 1 finora, risponde a Motorsport.com: "Non è facile, ma ad essere onesto non mi aspettavo che lo fosse”.

"Quando ci sono solo 20 posti disponibili per tutti in questo mondo, c'è un motivo perché il livello è molto alto e anche le richieste. La Formula 1 è speciale perché, indipendentemente dalla posizione per cui stai lottando, tutti sono molto bravi. Quindi sarà sempre difficile, indipendentemente dal fatto che tu stia lottando per la prima, la decima o la ventesima posizione”.

“È qualcosa di nuovo per me, ovviamente con la differenza tra le auto, che era molto più piccola in Formula 2 e Formula 3".

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix and Mick Schumacher, Prema Racing

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix and Mick Schumacher, Prema Racing

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Mazepin arriva in Formula 1 con sette stagioni in auto alle spalle, comprese due vittorie FIA Formula 2 (quinto nel 2020) e quattro vittorie in GP3 (secondo nel 2018). Con i test di F1 ridotti a soli tre giorni per squadra quest'anno, e 30 minuti tagliati da entrambe le sessioni di prove del venerdì, ci si aspetterebbe che lui usasse il tempo ridotto come scusa per arrivare alla velocità. Ma lui fa spallucce: "In F2 abbiamo avuto solo 45 minuti di prove libere con una mescola e poi un'altra mescola diversa per le qualifiche”.

"Quindi i miei compagni debuttanti con cui sono entrato in Formula 1 provengono tutti da uno scenario più difficile. Almeno hai qualche giro in più qui nelle prove libere prima di andare in qualifica e in gara".

Detto questo, ha trovato il passaggio dalla F2 alla Formula 1 difficile finora, e con un confronto diretto del ritmo alla Haas mentre il suocompagno di squadra Schumacher, anche lui rookie, sta lottando per guadagnare trazione fin dall'inizio di ogni weekend di Gran Premio.

"Abbiamo iniziato i fine settimana piuttosto lontano da dove avremmo voluto iniziare le FP1, perché la macchina è abbastanza difficile da lavorare – dice - Arriviamo sempre alla fine di un weekend di gara e sentiamo che siamo una o due sessioni troppo in ritardo con la conoscenza che abbiamo appreso e vorremmo aver iniziato FP1 e FP2 con quello che abbiamo imparato quel giorno. Allora avremmo fatto un passo avanti - ma devi ricordare a te stesso che tutti probabilmente si sentono così!”

"È la natura dello sport che il lunedì sai sempre meglio come avresti potuto fare meglio nella gara della domenica”.

Nikita Mazepin, Haas VF-21, climbs out of his car after a crash on the opening lap

Nikita Mazepin, Haas VF-21, climbs out of his car after a crash on the opening lap

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

C'è un interessante confronto tra le due stagioni di Mazepin in F2, prima con ART nel 2019 e poi con Hitech nel 2020. Con ART ha faticato molto, mancando di fiducia nelle curve veloci a causa del suo setup tagliente, mentre il compagno di squadra Nyck de Vries, che ha chiaramente affrontato l'instabilità del posteriore, ha prosperato e ha vinto il titolo.

Quando è passato a Hitech, il suo team di ingegneri ha lavorato duramente per fornire il supporto al retrotreno che chiedeva. Alla quarta gara aveva eguagliato il suo miglior risultato della stagione precedente, alla quinta era sul podio e alla settima era un vincitore.

Quanto pensa che lo scenario del 2019 sia simile a quello che sta affrontando ora in Formula 1?

"Direi che è un copia/incolla, essendo molto onesto", risponde. "Essendo sincero, è qualcosa che non avevo risolto nella seconda stagione in F2, sono le persone che lavorano intorno a me che lo hanno risolto".

"Non sono esperto in modo ingegneristico per essere in grado di replicare quello che è successo, perché in Formula 1 ci sono probabilmente 100 strumenti in più che puoi usare per ottenere lo stesso effetto ma, per me, è stato semplicemente incredibile quanta differenza possono fare cinque persone che ti stanno intorno. Come pilota, stavo guidando una macchina diversa in quel secondo anno F2 nel 2020".

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

La buona notizia è che Mazepin ha un piccolo esercito di ingegneri con cui lavorare alla Haas e dice di non avere scrupoli per il supporto e la guida che ha ricevuto finora, anche se non ha prodotto i risultati che cercava.

"Direi che il lato umano e il rapporto di lavoro è già presente - dice - Non è una sorpresa che questi ragazzi siano i migliori ingegneri con cui abbia mai lavorato, ma sono anche in una situazione molto difficile perché possono lavorare solo con quello che gli è stato dato. Non abbiamo ricevuto il pacchetto definitivo con la deportanza ridotta dall'anno scorso in Formula 1, il che rende l'auto già molto difficile da lavorare.

"Sono un gruppo di ragazzi molto esperti e bravi, ma siamo ancora nel processo di trovare come impostare una macchina per me che funzionerà perché, non voglio mentire, non sono stato molto soddisfatto e ci sono alcune cose che evidenziano sui dati che non capisco perché la macchina si comporta in un certo modo, perché non lo vedo in tutto il garage. Quindi dovremo aspettare e vedere".

Nikita Mazepin, Haas F1, in cockpit in the team's garage

Nikita Mazepin, Haas F1, in cockpit in the team's garage

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

In Schumacher, Mazepin ha un compagno di squadra che in passato è stato un rivale, i due hanno combattuto alcune grandi battaglie ruota a ruota in F2.

"Io e Mick andiamo molto d'accordo – dice - E facciamo del nostro meglio per guidare la squadra nella migliore direzione possibile con la macchina, ma ovviamente non è possibile farlo troppo perché la macchina rimane la stessa in termini di sviluppo. Siamo generalmente carenti di deportanza rispetto alle altre auto, soprattutto sui circuiti ad alta deportanza".

"L'atmosfera è stata molto sana nel team finora e non vedo l'ora di fare del mio meglio per mantenerla allo stesso modo".

Nikita Mazepin, Haas F1, talks to Mick Schumacher, Haas F1 and Ayao Komatsu, Haas Chief Engineer

Nikita Mazepin, Haas F1, talks to Mick Schumacher, Haas F1 and Ayao Komatsu, Haas Chief Engineer

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

One advantage Schumacher has over him is access to Ferrari’s F1 ecosystem, occasionally testing an old-spec car and having time in its simulator. Mazepin says he too is looking for some more extra-curricular tools to help him shortcut his F1 learning curve.

“Obviously there are some tools that I don’t have available to me at this moment in time but I’m working on finding options to find solutions to have the same or more available to me,” he says. “Driving isn’t just about things on track, you can visualize loads of things in your head, you have to be very fit, I train twice a day – with the odd rest day – so I do a lot, and that keeps me happy because I know I’m doing the most that I can. The people close to me see it.”

That said, he knows he has half a second or more to find to challenge Mick on raw pace right now, and on this topic, for the only time in our interview, Mazepin gets a little spiky about a rivalry that goes all the way back to their karting days…

“I wake up every morning with that one goal in my mind,” he says, adding later on: “But I think in the very close future, it will be an intense battle, I can tell you that.”

Mick Schumacher, Haas VF-21, battles with Nikita Mazepin, Haas VF-21

Mick Schumacher, Haas VF-21, battles with Nikita Mazepin, Haas VF-21

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Detto questo, sa che ha mezzo secondo o più da trovare per sfidare Mick sul ritmo grezzo in questo momento, e su questo argomento, per l'unica volta nella nostra intervista, Mazepin diventa un po' pungente.

"Mi sveglio ogni mattina con quell'unico obiettivo in mente - dice, aggiungendo in seguito - Ma penso che in un futuro molto vicino, sarà una battaglia intensa, posso dirvi questo".

Con i suoi obiettivi saldamente impostati sul lottare con il suo compagno di squadra in pista, ha imparato alcune dure lezioni. Quindi, qual è la sua opinione sui social media ora, e come può cambiare le opinioni su se stesso?

"Sai, tutti hanno attraversato momenti buoni e cattivi dal punto di vista dei social media, da quando sono diventati così grandi negli ultimi 10 anni – dice - Anche quelli che sono amati ora sono stati odiati ad un certo punto. Quindi è sicuramente qualcosa che viene con questo sport, una sorta di piattaforma che le persone possono usare nel bene e nel male.

"E ho sempre saputo che i social media non sono un posto dove si va a prendere fiducia in se stessi, ma sto solo rimanendo concentrato su quello che faccio. Sono sicuro che con gli anni che passo in Formula 1, e i risultati che migliorano, le cose cambieranno".

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

A 22 anni ha il tempo dalla sua parte. Sente di essere cresciuto molto in questa esperienza, sia online che in pista in F1?

"Sicuramente non è stato un viaggio tranquillo, ma è quando la vita è più intensa che si impara di più – aggiunge - Personalmente ho scoperto nella mia carriera di pilota che ho avuto un sacco di anni di grande successo, ma allo stesso tempo, alcuni sono stati difficili. La forza che si guadagna da questi momenti difficili è molto più robusta di quella che si ottiene quando si vince".

"Nel motorsport, molto riguarda il gioco psicologico, e questi momenti mi hanno reso più forte perché sono un umano in fin dei conti. Non diverso da te o dalle persone che leggono questo".

Nonostante il suo difficile inizio di stagione, Mazepin è chiaramente determinato a farne un successo. Accetta di essere in fondo alla classifica in questo momento, e l'unica via è quella di puntare in alto, giusto?

"È esattamente come la vedo io e le persone che mi sono vicine. Può solo migliorare e migliorerà da questo punto in poi. Alla fine, la vita e lo sport sono questo: affrontare le sfide e superarle. Ecco perché alla gente piace guardarlo.

"Se tutti andassero bene, non avrebbe senso alzarsi la domenica per guardare la gara, no?”.

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: Monaco chiama, la Scuderia risponde con ambizioni da podio
Articolo precedente

Ferrari: Monaco chiama, la Scuderia risponde con ambizioni da podio

Prossimo Articolo

Leclerc: è ora di fermare la maledizione di Monte... Charles

Leclerc: è ora di fermare la maledizione di Monte... Charles

F1 | Bandiera nero-arancio: da usare solo quando c'è pericolo

La FIA vuole ridefinire quando deve essere usata la bandiera nera con il disco arancio, che obbliga una monoposto in pista con un danno a fermarsi ai box per la riparazione per evitare una situazione di pericolo. Secondo Nikolaz Tombazis era necessaria per Hamilton a Singapore e non per Verstappen in Brasile. Capiamo perché...

F1 | Audi: factory più grande e tante assunzioni a Neuburg

La Casa degli Anelli è partita con i lavori di ampliamento della sede tedesca di Neuburg dove nasceranno le power uniti che debutteranno in F1 nel 2026 montate sui telai che saranno prodotti a Hinwil. La nuova struttura, denominata F7.2, di oltre 3 mila mq, ospiterà i banchi prova: sarà ultimata nel 2024, ma comincerà ad essere operativa da marzo. L'organico entro metà 2023 sarà portato a oltre 300 dipendenti.

F1 | Mondiale 2023: già cancellato il Gran Premio di Cina

La Formula 1 ha annunciato questa mattina la cancellazione del GP di Cina a causa delle restrizioni imposte dal governo locale. Si cerca l'evento che potrà sostituirlo e mantenere così il Mondiale 2023 a 24 gare: può essere Portimao.

F1 | Brawn: "La F1 non abbia paura di ridurre l'uso del DRS"

Ross Brawn si è schierato contro l'attuale utilizzo del DRS che rende i sorpassi troppo semplici e vorrebbe che l'ala mobile fosse utilizzata solo per consentire a chi segue di avvicinarsi alla vettura che precede.

F1 | Qualifiche: se si causa una rossa si perde il tempo migliore

Nella prossima F1 Commission dovrebbe essere discussa la proposta di cancellare il miglior tempo della sessione al pilota che provoca una bandiera gialla o rossa per evitare i "furbi". L'episodio di Perez a Monte Carlo ha continuato a produrre scorie nocive per cui si vorrebbe trovare un deterrente che eviti situazioni imbarazzanti per la F1.

F1 | Ferrari: perché Maranello non è più la... terra promessa?

Mattia Binotto è stato l'ultimo esponente del Cavallino che è diventato capo dopo una carriera interna: la Scuderia sembra non avere figure adatte (se escludiamo Coletta che è concentrato sul programma della 499P per il mondiale Endurance) per cui la caccia al team principal avviene fuori. E si scopre che la Ferrari non è più un ambito punto di approdo, visto che diversi manager hanno preferito declinare con un no alla chiamata. Frederic Vasseur resta la candidatura più realistica in un quadro confuso.

F1 | McLaren: Alex Palou sarà terzo pilota nella stagione 2023

Alex Palou sarà il terzo pilota e prima riserva del team McLaren nella stagione 2023 di Formula 1 quando la IndyCar non correrà contemporaneamente alla massima serie a ruote scoperte del motorsport.

Formula 1
1 dic 2022

F1 | Con l'aerodinamica attiva arriva il DRS "inverso"?

Con le novità regolamentari previste per il 2026 si potrebbe utilizzare l'aerodinamica attiva per rallentare il leader della gara ed evitare che prenda il largo regalando così uno spettacolo migliore in pista. Parola di Ross Brawn.

Formula 1
1 dic 2022