Mazepin: "Ecco perché ho quasi buttato fuori Lewis"

Nikita Mazepin racconta il quasi incidente con Lewis Hamilton al GP di Turchia di F1, spiegando i motivi che lo hanno portato a ignorare la presenza del 7 volte campione del mondo alle sue spalle.

Mazepin: "Ecco perché ho quasi buttato fuori Lewis"

Il Gran Premio di Turchia di Formula 1 andato in scena lo scorso fine settimana non è stata una delle gare più facili per Lewis Hamilton. Partito 11esimo per via dell'utilizzo del quarto motore termico stagionale (dopo le 3 unità si incorre in penalità), il 7 volte iridato ha provato a rimontare ma si è dovuto fermare in quinta posizione, frenato soprattutto da una strategia rivelatasi errata e dal graining che lo ha colpito nei primi giri con il secondo set di gomme Intermedie della sua gara.

Questi i dati di fatto che hanno reso difficile il GP al pilota della Mercedes. Ma c'è di più, perché Lewis ha rischiato in maniera concreta di portare a casa zero punti a causa di una manovra giudicata subito molto pericolosa fatta da Nikita Mazepin.

Al giro 28, il pilota del team Haas F1, era in procinto di essere doppiato da Lewis Hamilton, intento a rimontare dopo una partenza non eccelsa. Arrivati alla Curva 11 Mazepin ha deciso di non spostarsi per dare strada al pilota della Mercedes. Hamilton, invece, era sembrava convinto di passare, pensando che il russo gli dovesse concedere strada.

Leggi anche:

Questo, però, non è avvenuto. Mazepin, come detto, ha continuato a occupare la traiettoria principale e ha quasi innescato un incidente che, per le speranze mondiali di Hamilton, avrebbe avuto conseguenze disastrosa. Lewis ha evitato il contatto spostandosi di traiettoria e frenando in maniera convinta. Poi è riuscito a passare Mazepin poche centinaia di metri dopo, evitando di fare gesti nei confronti del collega.

Al termine della gara Mazepin ha spiegato l'accaduto, dando la propria versione dei fatti e, prima di tutto, scusandosi immediatamente con Hamilton: "Prima di tutto vorrei chiedere sentitamente scusa a Lewis. Sono estremamente dispiaciuto. Avevo detto al team che non riuscivo a vedere nulla dagli specchietti e che avevo bisogno di una guida adeguata dal box per sapere dove fossero le altre vetture".

 

"Il problema si è rivelato lo spray d'acqua. In Turchia non è esattamente il più pulito che abbiamo trovato sino a ora. Quindi vola e poi si asciuga, non facendomi vedere nulla. Stavo guidando alla cieca".

"Quando hai così tante monoposto che ti sorpassano e ti doppiano... Non una, ma addirittura due volte... Insomma, è stato un disastro. Sono felice di aver evitato il contatto. Mi vedrò sicuramente con Lewis e mi scuserò direttamente con lui", ha dichiarato il pilota del team Haas F1.

Lo stesso problema è stato riscontrato anche da altri piloti. Su tutti Lando Norris, pilota del team McLaren, e Yuki Tsunoda, pilota del team AlphaTauri. Il britannico, a tal proposito, ha dichiarato: "Non vedevo niente. L'acqua non si asciugava, in Turchia era oleosa, sporca, quindi rendeva tutto più sfocato".

Questo invece il parere di Tsunoda a fine gara: "Non c'era una zona pulita della pista. Non riuscivo a vedere niente a causa dello sporco e della polvere. Per altro, pensavo di avere qualcuno dietro e ho iniziato a spingere. Ma mi sono girato e ho rovinato la mia gara".

condivisioni
commenti
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Articolo precedente

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Prossimo Articolo

Binotto: "Abbiamo un ibrido competitivo, puntiamo al Messico"

Binotto: "Abbiamo un ibrido competitivo, puntiamo al Messico"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021