Max: "Lewis ha esperienza nella lotta ai titoli, ma non conterà"

Verstappen non teme l'esperienza di Hamilton nella lotta al titolo e vede una Red Bull più vicina del solito alle Mercedes su una pista, almeno sulla carta, sfavorevole alle RB16B.

Max: "Lewis ha esperienza nella lotta ai titoli, ma non conterà"

Verstappen contro Hamilton, parte 2. Terminata la pausa estiva del Mondiale 2021 di Formula 1, i due contendenti al titolo iridato Piloti tornano a duellare e lo fanno su una delle piste più belle al mondo: Spa-Francorchamps, sede del Gran Premio del Belgio.

Per il pilota della Red Bull si tratterà della prima delle due gare "di casa", in cui potrà usufruire del grande supporto della marea arancione di tifosi che accorrerà per supportarlo sia sulle Ardenne che a Zandvoort, la prossima settimana.

Si entra così nel vivo della lotta al titolo 2021. Hamilton lotta - e vince - il titolo ormai da diversi anni. Lo ha fatto sin dalla sua prima stagione in Formula 1, dal 2007, quando perse all'ultima gara nell'anno ricordato non solo per l'ultimo successo iridato della Ferrari con Kimi Raikkonen, ma anche per la Spy Story che coinvolse la McLaren, allora team di Lewis.

Insomma, Hamilton ha un'esperienza nella lotta al titolo tale da mettere sotto pressione chiunque. Ma a Verstappen, questo aspetto, sembra non interessare affatto.

"Personalmente non credo che l'esperienza che ha Lewis nella lotta al titolo possa essere un suo vantaggio. L'unico vantaggio che puoi davvero avere è se tu hai una monoposto più veloce. In questo sport è la cosa principale. Quando hai una buona macchina, ci sono tanti buoni piloti, ma non hanno la possibilità di lottare per vincere, dunque se hai 7 titoli o uno o zero credo che alla fine tutti sappiano che sia necessario finire ogni gara, che sia necessario portare a casa il maggior numero di punti possibile in ogni fine settimana e credo che tutti sappiano che è necessario dare il nostro meglio e finire le gare nel miglior modo possibile, dunque non vedo un vantaggio nell'esperienza che Lewis ha".

Mercedes e Hamilton arrivano da due fine settimana di gara a dir poco eccellenti, in cui sono riusciti a recuperare tutto lo svantaggio da Verstappen e Red Bull nei rispettivi Mondiali e addirittura a superarli anche grazie a un involontario errore di Bottas arrivato a inizio gara all'Hungaroring. Max vede le Mercedes ancora molto forti a Spa, non fosse altro per la conformazione del tracciato che prevede diversi lunghi rettilinei, dove le W12 potranno esprimersi al massimo.

Leggi anche:

"Sicuramente le Mercedes sono state molto forti negli ultimi 2 fine settimana di gara. In Ungheria, in generale, erano molto forti. Ma ora dobbiamo vedere come andranno qui. Di sicuro saranno veloci. E' una pista che per noi non è mai stata molto buona a causa dei lunghi rettilinei, ma abbiamo colmato il gap dalle Mercedes in termini di velocità di punta. Non ci siamo del tutto, ma rispetto all'anno scorso la nostra monoposto è molto meglio. Dire però quanto lo sarà e come andremo contro la Mercedes è difficile dirlo. Per tutto il fine settimana il meteo sarà complicato, dovrebbe piovere per tutto il weekend. Dovrebbe essere un po' bagnato e un po' asciutto. Aspettiamo e vediamo. A me non importa che sia bagnato o asciutto".

Se Red Bull è in piena lotta per il Mondiale Costruttori non è solo merito di Verstappen. Sergio Perez si sta rivelando un pilota molto prezioso per il team di Milton Keynes. Per questo motivo, pur non accennando al possibile rinnovo del contratto del messicano, Max ha sottolineato tutte le doti dell'ex pilota della Racing Point, dandogli un concreto supporto in maniera molto aperta.

"Sino a ora Perez è stato un compagno di squadra molto buono. E' un ragazzo molto piacevole ed è molto bello lavorare assieme. Dunque da quel punto di vista sta davvero andando tutto molto bene. DI sicuro il GP di Francia è stato ottimo per tutto il team. Dobbiamo solo continuare a spingere per cercare di portare a casa grandi risultati e ad avere una grande macchina. Credo che entrambi potremo fare un bel lavoro".

"Nel team c'è un bel clima, siamo positivi. Arrivano un bel po' di belle gare e ne abbiamo fatte tante di belle nella prima parte della stagione. Solo le ultime due non sono andate bene, ma sono andate così per motivi fuori dal nostro controllo. Sono comunque molto positivo, il team non vede l'ora di ripartire, mancano ancora tante gare. Vedremo come andranno".

Per concludere, Verstappen ha dedicato qualche considerazione a George Russell. Ha definito il talento della Williams come un pilota forte, pronto per fare il salto il un top team. Poi ha citato Mercedes, affermando che la scelta sarà sua. Forse in modo da mettere sotto pressione la sua avversaria in un weekend così importante nella lotta ai titoli.

"Di sicuro Russell è molto veloce e non può stare per sempre dove si trova attualmente. Credo che meriti di più, ma alla fine tocca alla Mercedes chiamarlo. Dunque non è una cosa che dipende da me. Ma di sicuro lui è molto forte ed è ancora molto giovane. Così è naturale che a un certo punto si sposti. Specialmente perché è un buon pilota".

condivisioni
commenti
Red Bull: non riparabili le PU 2 Honda di Verstappen e Perez

Articolo precedente

Red Bull: non riparabili le PU 2 Honda di Verstappen e Perez

Prossimo Articolo

F1 2021, GP del Belgio: segreti e storia di Spa-Francorchamps

F1 2021, GP del Belgio: segreti e storia di Spa-Francorchamps
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021