Matteo Bonciani lascia la F1: non è più il capo della comunicazione

condivisioni
commenti
Matteo Bonciani lascia la F1: non è più il capo della comunicazione
Di:
17 giu 2019, 15:46

Bonciani lascia il suo ruolo dopo 8 anni in F1 e quasi 10 con la FIA: "E' stato un vero privilegio per me e tutti i miei colleghi in F1 sono diventati una seconda famiglia. Mi mancheranno tutti".

Matteo Bonciani, capo della comuncazione della F1, ha lasciato oggi il suo incarico dopo 8 anni, diventando un consulente della Federazione Internazionale dell'Automobile.

Bonciani è stato a capo della comunicazione del Circus iridato per oltre 150 Gran Premi consecutivi della massima categoria a ruote scoperte del motorsport, facendo da connessione tra i team e i promotori della serie.

Olivier Fisch, direttore della comunicazione della FIA e Tom Wood, ex delegato media della FIA Formula E, hanno già assunto il ruolo in Formula 1 a partire dall'inizio di questa stagione.

"Dopo qusi un decennio con la FIA e 8 anni in Formula 1 è arrivato il momento di rallentare e provare una nuova sfida", ha dichiarato Bonciani. "E' stato un vero privilegio lavorare con alcune delle più grandi menti a livello mondiale di questo sport, ma anche dell'ingegneria, della tecnologia e i media. I miei colleghi in F1 sono diventati una seconda famiglia e mi mancheranno tutti".

A queste dichiarazioni si sono aggiunte anche quelle di Jean Todt, presidente della FIA: "Vorrei ringraziare Matteo per il suo impegno per gli anni in cui ha promosso il ruolo della FIA e ha accompagnato i media nel loro lavoro di copertura dei campionati FIA più prestigiosi".

Prossimo Articolo
Colpo di scena Ferrari: la SF90 ha ritrovato la correlazione con simulazione e galleria

Articolo precedente

Colpo di scena Ferrari: la SF90 ha ritrovato la correlazione con simulazione e galleria

Prossimo Articolo

Ferrari: presentata l'istanza di revisione alla FIA del caso Vettel in Canada

Ferrari: presentata l'istanza di revisione alla FIA del caso Vettel in Canada
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Giacomo Rauli