Masi spiega le reprimende per le T-Shirt sull'inno

Il direttore di gara Michael Masi ha chiarito perché quattro piloti hanno ricevuto delle reprimende per aver indossato delle T-shirt durante la cerimonia dell'inno nazionale prima del GP d'Ungheria.

Masi spiega le reprimende per le T-Shirt sull'inno

Sebastian Vettel, Carlos Sainz, Lance Stroll e Valtteri Bottas sono stati tutti chiamati a vedere i commissari dopo la gara, e tutti hanno ricevuto la stessa pena.

Una reprimenda che ha un certo significato, perché se un pilota riceve due ulteriori richiami di guida in questa stagione, dovrà scontare una penalità sulla griglia.

I piloti dovrebbero indossare le magliette solo per la prima parte delle cerimonie della griglia, e toglierle prima dell'inno nazionale. Tutti hanno sostenuto che nelle condizioni affollate e piovose prima della partenza hanno dimenticato di toglierle.

La decisione di penalizzare i piloti per l'esposizione di messaggi ha suscitato scalpore sui social media, ma Masi è categorico sul fatto che tutti conoscono le regole dall'inizio della stagione 2021.

"All'inizio di quest'anno abbiamo chiarito", ha detto. "E a seguito di una discussione interna con la FIA e la F1, abbiamo detto che volevamo continuare a dare a tutti i piloti la possibilità di avere il momento per mostrare effettivamente il loro supporto per We Race as One, ma poi l'inno nazionale di un particolare paese dovrebbe essere rispettato con i piloti che indossano tutti le loro tute da corsa".

"Così è stato chiarito che una volta che quel momento è terminato e i piloti hanno mostrato il loro messaggio, devono rimuovere la loro maglietta o qualsiasi altra cosa indossassero e andare all'inno nazionale nella loro uniforme da gara".

"Questo è il primo evento in cui è successo da allora, c'erano quattro o cinque piloti che hanno tenuto le loro magliette, non solo Sebastian (Vettel, ndr), tutti hanno ricevuto una reprimenda per non aver seguito le istruzioni del direttore di gara".

"È stato osservato da un certo numero di persone, tra cui il delegato dei media che era là fuori. Io stesso in televisione. Ho segnalato la cosa ai commissari, è stata una violazione ed è per questo che c'è stata una reprimenda per la prima infrazione".

Quando Motorsport.com gli ha domandato se una reprimenda che potrebbe contribuire a innescare una penalità sulla griglia sia una punizione troppo pesante, Masi ha detto: "Si guarda a tutte le sanzioni sulla base di ciò che sono. Le reprimende sono la pena più leggera oltre all'avvertimento, che in realtà non è una sanzione, è appunto un avvertimento".

"E' una reprimenda non di guida, quindi è necessario avere due richiami di guida e uno non di guida per arrivare ad una penalità in griglia. Ma come esempio, tre reprimende non di guida non hanno quell'impatto".

condivisioni
commenti
Horner: "Dopo il crash, Max aveva meno downforce di Schumacher"
Articolo precedente

Horner: "Dopo il crash, Max aveva meno downforce di Schumacher"

Prossimo Articolo

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello
Carica commenti
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021