FIA preoccupata dalla ruota persa da Giovinazzi dopo il crash

Michael Masi, direttore di gara di F1, ha sottolineato come la FIA abbia già avviato le indagini per capire perché la ruota di Giovinazzi si sia staccata dopo l'incidente di ieri. Potrebbero essere prese contromisure sui cavi di ritenzione delle ruote.

FIA preoccupata dalla ruota persa da Giovinazzi dopo il crash

Uno dei pochi sussulti offerti dal Gran Premio del Belgio 2020 andato in scena ieri sul tracciato di Spa-Francorchamps è stato involontariamente offerto da Antonio Giovinazzi e George Russell. Il pilota italiano dell'Alfa Romeo Racing è finito fuori pista dopo aver perso il controllo della sua C39, colpendo il muro.

Poco dopo l'impatto, la monoposto di Antonio è rimbalzata in pista, ma non solo quella. Una delle sue ruote si è staccata dalle sospensioni e il cavo di ritenzione della ruota non ha fatto il suo dovere. La ruota, dunque, è schizzata ad alta velocità in pista, proprio mentre sopraggiungeva George Russell.

Il pilota della Williams non è riuscito a evitare l'impatto con la ruota, ma è stato molto rapido nel portarsi fuori pista dal lato sinistro, così da evitare di centrare la monoposto di Giovinazzi, in quel momento fuori controllo dopo aver sbattuto contro il muro.

La FIA, a partire dal 1999, è stata sempre molto attenta alla questione legata alle ruote staccate dalle monoposto dopo gli incidenti. Proprio in quell'anno vennero introdotti i cavi di ritenzione delle ruote, poi aggiornati nel 2004. Da quel momento in poi è stato raro vedere ruote impazzite dopo essersi staccate dalle monoposto.

Ecco perché, dopo l'incidente occorso a Giovinazzi, la FIA ha fatto sapere che sono già in atto le indagini sull'incidente per trovare il perché la ruota si sia staccata dall'Alfa Romeo C39 numero 99.

"Sì, questa è una preoccupazione - ha ammesso il direttore di gara della Formula 1, Michael Masi - non siamo sicuro al 100% del perché si sia staccata la ruta. Subito dopo la gara la macchina è tornata nell'area di riconsegna e i nostri tecnici hanno immediatamente iniziato le indagini, scattando alcune foto, e abbiamo tutte le riprese a nostra disposizione".

Leggi anche:

"Penso che sia troppo presto per trarre conclusioni a tal riguardo. on un incidente del genere, penso che sia necessario valutare tutti i dati disponibili, elaborarli, e lasciare che le persone appropriate abbiano un'ottima visione d'insieme della faccenda, dall'incidente e di ciò che è successo".

"Poi, è chiaro, bisognerà prendere una decisione adeguata, qualora fossero necessari dei miglioramenti sui dispositivi che stiamo utilizzando", ha concluso Masi.

Lo stesso George Russell a fine gara ha ammesso di essersi spaventato non poco per l'impatto con la ruota staccata dall'Alfa Romeo di Giovinazzi: "E' stato abbastanza spaventoso. Ho visto Antonio colpire il muro, sono riuscito ad avere un secondo per decidere se andare a sinistra o a destra. L'ho visto uscire dal muro e rimanere leggermente a destra. Allora ho deciso di buttarmi a sinistra".

"A quel punto penso di essere stato colpito da una delle sue gomme posteriori che stava attraversando la pista. E' stata quella a colpire la mia monoposto. E' stata una frazione di secondo ed è stato brutto, spaventoso vedere quella gomma volare in quel tratto di pista, senza sapere dove sarebbe andato a finire. Sono grato di avere l'halo".

Russell ha sottolineato come le gomme, in questi ultimi periodi, siano più soggette a staccarsi dalle monoposto: "Lo fanno più spesso. Forse è la forza con cui le monoposto colpiscono le barriere. E' necessario adottare qualcosa di più resistente per cercare di trattenerle. E' su quello che dobbiamo lavorare. Oggi è andata bene che mi ha colpito in quel modo, ma avrebbe potuto colpire un commissario di pista o uno spettatore. Questa è una cosa che andrà migliorata".

 

condivisioni
commenti
Report F1: Ferrari cerca rinforzi per ripartire da zero

Articolo precedente

Report F1: Ferrari cerca rinforzi per ripartire da zero

Prossimo Articolo

Ferrari: i perché di una rimonta rimasta solo un sogno

Ferrari: i perché di una rimonta rimasta solo un sogno
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021