Masi: "Non c'erano motivi per non far ripartire la gara"

Il direttore di gara ha spiegato il perché della controversa decisione di far tornare in pista i piloti per disputare gli ultimi due giri rimasti dopo l'interruzione con bandiera rossa.

Masi: "Non c'erano motivi per non far ripartire la gara"

Il Gran Premio di Baku, come da tradizione, ha riservato colpi di scena a non finire. Anche ieri, quando sembrava ormai certo che Max Verstappen potesse conquistare il terzo successo stagionale ed aumentare il suo vantaggio in classifica nei confronti di Lewis Hamilton, è accaduto l’impensabile.

Al giro 46 la Red Bull numero 33 è andata ad impattare violentemente contro i muretti posti sul lunghissimo rettilineo d’arrivo a causa di una foratura alla posteriore destra, e Max non ha potuto fare altro che uscire dall’abitacolo della sua monoposto e sfogare la sua rabbia prendendo a calci la gomma esplosa.

Il direttore di gara, Michael Masi, ha dapprima deciso di far intervenire la safety car per neutralizzare la corsa per poi sospendere temporaneamente le operazioni con bandiera rossa quando al termine della gara mancavano appena due giri.

Tutti pensavano che il gran premio si fosse concluso lì, ma inaspettatamente è stato deciso di far schierare nuovamente i piloti in griglia per completare le ultime due tornate dando così via ad una super Sprint Race.

Masi ha spiegato perché si sia deciso di completare la gara: “Fortunatamente, dopo molti anni, adesso abbiamo delle norme che regolamentano questi momenti”.

“Ovviamente avremmo anche potuto decidere di non ripartire, ma considerando che eravamo nei limiti di tempo previsti non c’erano motivi per non concludere la gara”.

Durante la neutralizzazione con safety car la regia internazionale ha mandato in onda la conversazione avvenuta tra Jonathan Wheatley, direttore sportivo della Red Bull, e Michael Masi dove veniva chiesto al direttore di gara di sospendere la corsa per consentire ai team di cambiare gli pneumatici.

Masi ha però sottolineato come avesse già pensato a questa opzione, ma di aver temporeggiato per capire quanti detriti dovessero essere rimossi dal rettilineo principale.

“In realtà era la mia idea. Guardando al numero di giri rimasti ed alla quantità di detriti sparsi sul rettilineo di fronte ai box, l’opzione migliore era sospendere la gara, ripulire la pista e concludere gli ultimi due giri”.

L’incidente che ha visto protagonista Verstappen è stato simile nella dinamica a quello occorso a Lance Stroll parecchi giri prima. Anche in quel caso la posteriore destra ha accusato un cedimento ed il pilota canadese è stato passeggero della propria monoposto.

Masi ha spiegato per quale motivo, nel caso di Stroll, si sia deciso di intervenire esclusivamente con safety car senza interrompere la gara con bandiera rossa come invece accaduto nel finale.

“L’incidente di Lance è avvenuto a metà gara sul lato destro della pista e c’era abbastanza tempo per consentirci di poter recuperare l’auto e ripulire il tracciato”.

“Per quanto riguarda l’incidente di Verstappen, considerata la quantità di detriti sparsi, non eravamo certi che saremmo riusciti a ripulire quel tratto di pista in un tempo congruo. Per questa ragione abbiamo pensato che fosse nell’interesse delle sport sospendere la gara per poi ripartire e completare i giri restanti”.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B
1/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, festeggia sul podio
Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, festeggia sul podio
2/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia sul podio
Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia sul podio
3/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia all'arrivo al Parco Chiuso
Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia all'arrivo al Parco Chiuso
4/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02, pit stop
Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02, pit stop
5/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02
Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02
6/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
7/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Lewis Hamilton, Mercedes W12, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B
Charles Leclerc, Ferrari SF21, Lewis Hamilton, Mercedes W12, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B
8/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Approfittando della Safety Car Nikita Mazepin, Haas VF-21, passa Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B e si sdoppia
Approfittando della Safety Car Nikita Mazepin, Haas VF-21, passa Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B e si sdoppia
10/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
11/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35M
Lando Norris, McLaren MCL35M
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
13/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35M, Valtteri Bottas, Mercedes W12
Lando Norris, McLaren MCL35M, Valtteri Bottas, Mercedes W12
14/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Nikita Mazepin, Haas VF-21
Nikita Mazepin, Haas VF-21
15/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, esce dalla sua macchina dopo l'incidente
Max Verstappen, Red Bull Racing, esce dalla sua macchina dopo l'incidente
16/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, sul podio
Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, sul podio
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
19/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02, e Charles Leclerc, Ferrari SF21
Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02, e Charles Leclerc, Ferrari SF21
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02, e Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02, e Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
22/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bobbi: "Vettel, a Baku si è rivisto il campione"
Articolo precedente

Bobbi: "Vettel, a Baku si è rivisto il campione"

Prossimo Articolo

Report F1 Baku: la Ferrari è quella che si è vista in gara

Report F1 Baku: la Ferrari è quella che si è vista in gara
Carica commenti
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021