Masi: "Le vie di fuga del Mugello non funzionano su ogni pista"

Il direttore di gara della Formula 1, Michael Masi, ha detto che i track limits presenti al Mugello non possono essere utilizzati in tutte le piste, nonostante ai piloti andassero bene.

Masi: "Le vie di fuga del Mugello non funzionano su ogni pista"

A differenza di altri tracciati più moderni, quello toscano presenta invece ampie aree con vie di fuga in ghiaia, evidenziate dalle note emesse da Masi ai team con la dicitura "i track limits all'uscita delle curve 3, 5, 9, 11 e 15 non verranno considerati limiti del tracciato veri e propri perché presentano vie di fuga in ghiaia".

Da inizio anno i piloti hanno spesso parlato di questo aspetto. Al GP del Belgio, Carlos Sainz aveva commentato il sottile passaggio tra rischio e guadagno su un giro nell'andare sulle parti in erba sintetica che erano state messe per guadagnare la licenza FIM.

Il risultato è che ci sono state meno penalità rispetto al passato per i concorrenti e lo spagnolo è uno di quelli che ha detto di preferire le vie di fuga in ghiaia rispetto a quelle asfaltate.

“Penso che sarebbe fantastico riaverle, probabilmente darebbe anche modo alla FIA di proteggere meglio quelli che sono i track limits e i problemi che ne conseguono", ha spiegato il pilota della McLaren.

Nonostante questo, Masi ha però detto che non sarà possibile averle ovunque.

“Purtroppo no perché non sono adatte a tutte le piste - dice l'australiano - L'ho già detto più volte, bisogna trovare le soluzione adeguate a ciascun circuito lavorando con addetti e proprietari. Continueremo a farlo, ne abbiamo già discusso coi piloti e penso che non serva chiederlo ancora, per cui proseguiremo in questa direzione".

Sebastian Vettel, direttore della GPDA, ha proposto di piazzare una striscia di ghiaia fra la pista e la via di fuga in asfalto.

“Penso che sia la soluzione migliore, un pilota quando va fuori in questo modo perde tempo e credo che renderebbe più semplice il tutto - dice il ferrarista - Ritengo che bisognerebbe avere un equilibrio tra asfalto e terra quando uno esce".

“Una soluzione intermedia sarebbe di avere una sezione di ghiaia in modo da non andare troppo larghi, ma anche l'asfalto per eventualmente riprendere il tracciato; il pubblico sarebbe anche più vicino e noi correremmo in sicurezza, rallentando nel caso in cui si perdesse il controllo e quant'altro".

“Non è semplice, ma con l'asfalto in certe piste non puoi mostrare il carattere e ti senti più autorizzato a sbagliare".

condivisioni
commenti
F1: congelati anche i musi, le sospensioni e i freni

Articolo precedente

F1: congelati anche i musi, le sospensioni e i freni

Prossimo Articolo

Ferrari: mai così male? La storia dice che non è vero

Ferrari: mai così male? La storia dice che non è vero
Carica commenti
Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza? Prime

Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza?

Lando Norris è protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. L'inglese è il vero sconfitto del Gran Premio di Russia di Formula 1: dopo aver condotto buona parte della gara, il pilota McLaren sbaglia a proseguire con gomma slick mentre la pista andava asciugandosi. La troppa voglia di fare bene, spesso, è cattiva consigliera

Minardi: "Norris straordinario, la McLaren complice nell'errore" Prime

Minardi: "Norris straordinario, la McLaren complice nell'errore"

Il Gran Premio di Russia è crocevia della stagione 2021 di Formula 1. A brillare è - in parte - la stella di Lando Norris, che getta alle ortiche una vittoria meritata. Vittoria che, alla fine, va a Lewis Hamilton: la centesima della carriera per il pilota Mercedes. Ma a Brackley c'è poco da gioire: Verstappen, partito ultimo, chiude al secondo posto...

Formula 1
27 set 2021
Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!" Prime

Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Russia di Formula 1 in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret, in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Dopo una gara stupenda, Lando Norris e la McLaren sbagliano la chiamata più importante della loro stagione, gettando alle ortiche una vittoria quasi conquistata

Formula 1
27 set 2021
Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa Prime

Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa

John Watson è stato il primo pilota a provare la neonata Jordan 191 trovandola subito eccellente. L'ex pilota racconta in prima persona tutte le sensazioni dei primi passi del team di Eddie Jordan in Formula 1.

Formula 1
26 set 2021
GP Russia: Norris, prima pole della carriera! Prime

GP Russia: Norris, prima pole della carriera!

Lando Norris riporta la McLaren in pole position e si prende la prima posizione nelle qualifiche del GP di Russia di Formula 1. Al suo fianco l'inglese trova la Ferrari di Carlos Sainz. Terzo il solito sorprendente Russell, davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton

Formula 1
26 set 2021
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Formula 1
25 set 2021
Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Formula 1
25 set 2021
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021